Paranormale: raccontate la vostra esperienza

cerchi nel granoCome ho scritto nel mio profilo, mi sono spesso definito il "ricercatore perfetto": qualcuno che ha grande curiosità e che vorrebbe fortemente trovare "prove" di qualcosa che "viva" al di la’ dei cinque sensi, ma che, al contempo, ha un nocciolo scettico che non è mai riuscito a eliminare. Quel nocciolo scettico, per un "ricercatore", non è una maledizione (magari per chi vorrebbe semplicemente "credere", si, invece…), è anzi indispensabile per l’oggettività del riscontro, altrimenti si correrebbe il rischio di credere a qualunque cosa venga propinata.
Diciamo che se mi vedrete scrivere "miracolo!!!", bé… è probabile che davvero di miracolo si tratti! 😉

sfera di cristalloLa mia esperienza su Internet si è mantenuta sulla stessa falsariga; già da anni infatti ho notato che esistono siti "propagandistici" e poco obiettivi da ambo i lati: chi trova spiegazioni esoteriche ardite per spiegare il più piccolo degli eventi e chi, spesso con teorie ancora più incredibili, cercano solo di smontare i primi. Non ci credete? Provate ad andare sul sito del Cicap: alcune delle loro teorie "scientifiche" appaiono più balzane che ammettere l’esistenza di qualcosa che è al di là dei nostri sensi.

Prima di tutto, pero’, cos’è un fenomeno "paranormale"?
Bene, è evidentemente qualcosa che non può essere ritenuto "normale", non è vero? 🙂 Ma "normale" per chi? Usando quali parametri? Non era forse incredibile immaginare le forze elettromagnetiche prima che queste fossero riconosciute e dimostrate? Eppure, ovviamente, esistevano già in natura, non è così? Per non parlare della Relatività o della Meccanica Quantistica…
E allora, perché non ammettere che possa esistere qualcosa a cui la scienza non è ancora riuscita ad arrivare?

La scienza degli uomini non è, curiosamente, come le loro leggi: per la legge – almeno nei paesi cosiddetti "civili" – la colpevolezza deve essere provata, ma se non lo è non vuol dire che ci sia innocenza, possono semplicemente mancare le prove dimostranti che essa sia tale.
Eppure, per la scienza, una cosa per essere vera deve essere dimostrata, e se non lo è, allora non è vera.

Non è curioso?

Questa pero’ non deve essere una buona ragione per credere a tutto…

CorvoEsempio 1: Premessa: le teorie animiste dicono che quando una persona muore, la sua anima ci mette tre mesi (mi pare…) per poter tornare a manifestarsi nel mondo come spirito.
Qualche mese dopo la morte di mio papà, iniziai a percepire uno strano suono in camera mia. Ogni volta che andavo a dormire… sentivo distintamente un rumore metallico, una sorta di "tlang!", come se quell’asticella di metallo usata per tenere ferma una finestra aperta, sbattesse ogni volta contro il muro. Controllai tutto più e più volte: finestre aperte o chiuse, correnti d’aria, oggetti fuori dalla finestra che potessero produrre un rumore simile… tutto!
Ma non trovai nessuna spiegazione razionale… apparentemente.
Passarono i mesi e quasi mi convinsi che quello fosse un segnale di mio papà, una sorta di "buonanotte" prima della nanna 🙂
Divenne un suono amico e familiare.
Solo un anno e mezzo dopo, capii all’improvviso – chissà per quale strano collegamento mentale – che quel rumore era dovuto alla lampadina al neon che era vicina al mio letto: pochi minuti dopo che la lampadina veniva spenta, essa produceva quel rumore (un relè interno, forse?). Probabilmente gli addetti alla fabbricazione di tali lampadine sono perfettamente a conoscenza di questa cosa, ma tra gli altri… chi l’avrebbe detto?

gatto neroEsempio 2: Sempre anni fa’, direi una decina, considerando che ero in possesso del mio primo telefono cellulare, ero pronto per dormire. Ero già a letto e stavo per spegnere la luce. Improvvisamente mi voltai di scatto verso il telefono cellulare che era posato nel suo caricabatteria da tavolo a due-tre metri da me.
Sapevo che sarebbe squillato.
Non ricevevo mai telefonate a quell’ora ma… qualcosa mi costrinse ad aspettarmi quella chiamata. Pochi secondi dopo, il telefono squillò: era una mia amica che aveva subito un tentativo di stupro e che mi pregava di andarla a recuperare perché era scappata a piedi dalla casa in cui aveva subito il tentativo di violenza.
So che i telefoni cellulari GSM usano frequenze "sensibili" ad altri elettrodomestici (avente presente i classici disturbi a radio, televisioni… ?), ma quella sera… era già davvero tutto spento.

Potrei elencare tanti altri "piccoli" avvenimenti (e qualcuno grande…) che non sono mai riuscito a spiegare col buon senso. Ciò non vuol dire dover credere necessariamente all’aldilà purtroppo: ci possono essere spiegazioni comunque paranormali ma che non hanno bisogno di tirare in ballo la vita dopo la morte.
Quello della vita dopo la morte è il passo più difficile, perché di importanza capitale; per questo è più difficile crederci per chi non ha una "fede donata": ammettere che esista la telepatia può non cambiarmi la vita; essere sicuro che non finirò assieme alla morte del mio corpo… è davvero altra cosa e… sì, potrebbe farlo.

Un esempio. Avrete tutti (ok… "quasi" tutti! :-P) sentito parlare dei fenomeni poltergeist, ovvero di quei rumori "impossibili" e quegli oggetti che si spostano e volano per le camere apparentemente da soli. Bene, essi sono spesso citati come prova dell’esistenza degli spiriti. Ma esiste una teoria, altrettanto "possibile" (o "impossibile", secondo il Cicap :-D), che li spiegherebbe con l’energia telecinetica (la telecinesi è la capacità, volontaria o non volontaria, di spostare gli oggetti con la sola forza del pensiero); in effetti la grande maggioranza dei casi raccolti accade in case dove ci sono adolescenti, tipicamente irrequieti, e con perciò una grande e "disordinata" energia mentale. Non è "prova", no, ma può essere già un indizio…
Sempre di fenomeno paranormale si tratterebbe. Ma mentre l’esistenza degli spiriti dimostrerebbe la vita dopo la morte… la telecinesi è ben lunga dal farlo.

Ma adesso, signori e signore, tocca a voi!!! Vi esorto a raccontare le vostre esperienze, con dovizia di particolari, se possibile! Sarò un opinionista (giudice non mi piace) severissimo… ma, prometto, possibilista! 😉

albero e luna

Annunci

124 pensieri su “Paranormale: raccontate la vostra esperienza

  1. Grazie, utente anonimo de “Il XIII arcano” 🙂
    Complimenti ragazzi, un sito il vostro che promette bene 😉 Spero che l’armonia tra di voi duri a lungo, in un gioco di squadra e’ essenziale 🙂

    Mi piace

  2. Ciao… Capisco il tuo scetticismo, perchè è sempre stato anche mio, fino a quando non ho affrontato esperienze che non posso spiegare se non attraverso la chiaroveggenza. L’ultima di una lunga serie è l’aver ‘seguito’ passo per passo la nascita di mio nipote nella pancia di mia sorella, dalla sera in cui c’è stato il rapporto che lo ha concepito, sapendo che sarebbe stato un maschietto prima che mia sorella sapesse di essere incinta. Le ho telefonato un mattina di Dicembre chiedendole se aveva fatto l’amore la sera prima, e da lì ho saputo che il bambino atteso e cercato da più di un anno stava arrivando. Questo è uno dei fatti… Da quando ho cominciato a prendere coscienza di questa cosa, da quando ho cominciato ad accettarla, chiedo di ‘vedere’ nella vita degli altri solo dietro alla loro esplicita richiesta, o se strettamente necessario per la loro salvezza, così come è stato per il tumore di mio padre o per l’ex compagno di una mia amica… Credo che l’intelligenza di cui siamo dotati come esseri umani sia solo una minuscola particella rispetto all’infinita potenza dell’universo, e tentare di spiegare con i nostri pochi mezzi sia ingenuo e approssimativo… Sento di appartenere all’universo e ai miei simili come in un tutto unico… in una perfetta sincronia di danza e mi apro ad ascoltare le meraviglie infinite della percezione attraverso l’amore incondizionato per ogni essere vivente…
    Buonanotte Lupo…

    Acquamarina

    Mi piace

  3. Ciao Acquamarina 🙂 Prima di tutto, benvenuta e grazie per la tua testimonianza. Da dove arrivi? Se hai un blog, un sito… mi piacerebbe darci un’occhiata 🙂

    Scetticismo non vuol dire chiusura, vuol dire… apertura mentale, ma con critica costruttiva ma rigorosa.
    In generale concordo con la tua analisi, è probabile che effettivamente molti di noi – forse tutti – avrebbero la possibilità di ascoltare e vedere molto più in la di quanto i nostri normali 5 sensi in teoria permettano.
    C’è un bellissimo libro che lessi molti anni or sono ormai che esordisce proprio con un racconto simile a quello che hai postato te, solo che si tratta di un evento infausto. Il titolo è, guarda un po’, “Alla ricerca dell’anima” di Larry Dossey.
    Se hai altri esempi, ti prego di riportarli, saranno senz’altro molto graditi.

    Solo una domanda da… chi spacca il capello in 4 😀 … ti sei mai sbagliata? Quante volte ci prendi e quante fai un buco nell’acqua? La fredda statistica in questi casi è importante…

    Buonanotte a te 🙂

    Mi piace

  4. Ciao…
    No. Perchè sto bene attenta a cosa ascolto, anche se credimi, la differenza tra le richieste della mia mente razionale e l’altro canale è molto sottile, ma c’è. Netta. Ed anche se l’nformazione si presenta nella mia testa, la sensazione nel corpo è in linea diretta col mio cuore. Lì so, che che ciò che mi viene detto è vero.
    Sono cresciuta nel credo Cristiano, e, fino al 2001 non credevo assolutamente nella reincarnazione, nè tantomeno a fantasmi o, peggio, a veggenti e cose simili, che ho sempre criticato con ironia. Per cui respingevo a priori certe sensazioni, quando si presentavano, etichettandole come fantasie, aspettative o presagi che poi si avveravano.
    Per cui, anche adesso, evito di parlare di queste mie sensazioni, se non con poche fidate persone, e se lo faccio qui è perchè posso confrontarmi con persone che hanno i miei stessi quesiti, senza espormi troppo. Rifiuto assolutamente tutti coloro che usano queste cose per ricavarne denaro, e credo anzi, che chi chiede denaro, di doni in verità ne abbia ben pochi. Ti posso dire che questa mia cosa ha senso inserita in un mio cammino spirituale, nella mia ricerca dell’anima, appunto…
    Per darti un’idea di come sia la mia percezione, ti consiglio di leggere ‘Mani di luce’ di Barbara Brennan.
    Sono grata di averti incontrato nel mio cammino.
    A presto.
    Acquamarina

    Mi piace

  5. Grazie! Il tuo “essere contenta di avermi incontrato” mi commuove sinceramente 🙂
    Chiaramente parli di una differenza (tra mente e “altro canale”) che senti a sensazione, quindi non riferibile con l’uso delle parole, per cui mi devo fidare della tua percezione. Lo faccio volentieri 🙂
    Ho letto molti libri, soprattutto fino a 5 anni fa, ma quello che citi te non lo conosco. Inutile dirti che il titolo mi fa pensare allo pranoterapia, ma forse sono fuori strada 🙂
    Se ci sono cose che vuoi rivelarmi fuori blog, puoi scrivermi alla casella di posta elettronica, trovi l’indirizzo nella colonna di sinistra del blog stesso (quasi all’inizio).

    Ciao, un abbraccio! 🙂

    Mi piace

  6. Ciao.
    Barbara Brennan va oltre la pranoterapia… Scienziata che ha lavorato alla NASA, psicoterapeuta e veggente, da Fisica, descrive in maniera chiara la teoria olistica dell’universo, e si rifà all’ipotesi di Metafisica 3, cioè che è l’energia che forma la materia. La fisica quantistica sta andando in questa direzione… Se pensiamo a questo, al fatto che noi siamo energia, che ogni cosa è energia bè… si apre una bella porta… E poi, non so se conosci l’interconnessione buddhista: il concetto è quello…
    Grazie , ti scriverò volentieri, a presto e buona giornata!

    Acquamarina

    Mi piace

  7. Be’, credo che il fatto che materia ed energia siano espressione di un’unica realta’ sia ormai assodato da decenni. Non sapevo che adesso venisse nominata “Metafisica 3” (sembra una pubblicita’ di un noto gestore telefonico! ahahah ;D ). Sono rimasto un po’ indietro evidentemente 🙂
    Il punto comunque non e’ il mezzo, che e’ indiscutibile, bensi’ se tale mezzo sia davvero governabile.
    L’interconnessione buddhista l’abbiamo anche noi in occidente, e da tempo immemore (dai un’occhiata qua: Esoterismo: La Tavola di Smeraldo, il principio dell’Alchimia) Solo che… l’abbiamo un po’ persa, ora la stiamo recuperando proprio grazie all’influsso delle dottrine orientali nonche’ alle scoperte della fisica.

    Terro’ in mente questa Brennan per una prossima, certamente interessante, lettura 🙂

    Buona giornata a te 😉

    Mi piace

  8. Dai, non prendermi in giro… i gestori telefonici stanno a queste cose come il diavolo sta all’acquasanta…!!! Siccome non ho il mio librone tra le mani da un pò (l’ho prestato più di un anno fa ad una persona che ancora non me lo ha ridato indietro) e data la mia venerabile (hem, tanto non la dichiaro) età, e i milioni di cose che studio e leggo di continuo, può darsi che non sia stata precisa nella definizione ma… preciserò. Sorry se ci sono errori 🙂
    A presto :)))

    Mi piace

  9. ahahah ma era una battuta! 😀 Non credo che tu abbia commesso errori 🙂
    Io quando “presto” un libro… lo do gia’ automaticamente per perso! 🙂
    Infatti di qualche libro ho perfino doppia copia: me li ero ricomprati pensando di non vederli piu’, e invece (ma sono casi rari! :D) sono tornati a casa 😉
    E la stessa cosa succede per i CD e tutto il resto.
    Infatti l’auto non la presto mai! ;D

    Mi piace

  10. Accidenti… ed io che pensavo di chiederti di prestarmela… 😉
    A proposito di veggenti famosi, hai letto niente di Rol? Amico di Fellini, torinese e dotato di poteri incredibili…

    Mi piace

  11. Certo! Rol era un mio mito! Mi spiace di non averlo conosciuto di persona 🙂 Mi innervosi’ tantissimo Piero Angela quando, di fronte all’evidenza dei fatti, e tradendone l’amicizia e la stima, dichiaro’ che era un semplice prestigiatore. Ma Piero Angela il CICAP in generale hanno di questi atteggiamenti…

    Mi piace

  12. Gà… Un atteggiamento di chiusura che preclude ogni possibilità di spiegazione logica, quando di logico proprio non si tratta… Ricordi come aveva iniziato Rol? allenandosi, strenuamente, a riconoscere il colore del dorso dei mazzi di carte ad occhi chiusi, e contemporaneamente aprendosi fiducioso alle infinite possibilità dell’universo… Uomo veramente affascinante, e pieno di amore e rispetto per il prossimo… La sensitività si allena? Io credo di si. E credo che possiamo farlo tutti. E la chiamo evoluzione.
    Acquamarina

    Mi piace

  13. Si’, penso di si, si puo’ allenare. Tuttavia il mio e’ una tendenza di pensiero, lontana da essere una sicurezza. Il punto e’ che bisognerebbe provare seriamente e a lungo, prima di trarre una conclusione.
    Lo scetticismo porta invece ad arrendersi alla prima difficolta’.

    Mi piace

  14. Sai, credo che, come per ogni cosa, anche questa prenda senso nel momento in cui siamo ‘maturi’ per affrontarla. Così come per il frutto che, arrivato al momento giusto si lascia andare dolcemente nella mano di chi lo coglie, anche ogni esperienza può passarci accanto cento volte senza che noi ci fermiamo a viverla.
    Anni fa ho fatto l’esperienza di una psicoterapia, per me salvifica. Parlando con poche persone care, donne, del trauma che ero riuscita a riportare alla luce ed a trattare, avevo avuto da loro il racconto di esperienze simili alla mia. Bè, nessuna, ritenne opportuno andare a farsi dare una mano per superare il loro dolore. L’unica che lo fece, trovò la terapia inutile. Eppure portavano e portano, sotto forma di disagi fisici e nelle relazioni, i segni netti di quei traumi.
    E questo mi è successo anche con la lettura di libri che anni prima avevo trovato strani ed inutili e che, invece, alla luce di nuove esperienze, hanno acquistato per me un preciso, importante significato.
    Quindi, se sarà, sarà quando il tuo tempo verrà…
    Buona notte
    Acquamarina

    Mi piace

  15. Bé, il mio commento precedente in realtà era di carattere generale sullo scetticismo, piuttosto che parlare proprio di me. Comunque Sono d’accordo: c’è un tempo per ogni cosa.
    Un libro che sento molto vicino a me è Siddharta di Hesse, perché… inutile che mi ripeta, leggi qui: Ricerca spirituale e Vita

    Mi piace

  16. Perchè Satana si ostina a darmi i numeri del lotto sbagliati???
    Non capisco, mi fornisce esattamente i numeri a seconda se devo giocare un terno oppure una quaterna, e mi dice pure su quale ruota giocare.

    Puntualmente i numeri escono sbagliati, non ne azzecca neppure uno!
    Perchè?

    Mi piace

  17. eh eheh nel dubbio é? …metti che ti risponda poi son KA::I 😉
    Comunque se qualche altro lettore vuole esprimere la propria opinione in merito all’argomento, si senta libero di manifestarla (sempre ben accetta). 😀

    Mi piace

    • Il fatto è che questo post è di quasi sei anni fa e benché abbia strutturato il blog affinché i post si trivino per argomento piuttosto che per data, di solito i blogger non vanno così indietro. Quindi non ti sorprendere se non intervengono altre persone 🙂

      Mi piace

  18. Ah, va bene, grazie dell’informazione. Ci sono capitato per caso appunto facendo una ricerca per argomento (e non per data), quindi “speravo” che qualche altro blogger capitasse per lo stesso motivo. Ma forse rispondere ad un post del 2008 può risultare inutile (“perchè tanto chi vuoi che lo legga”), e far desistere. Incrociamo le dita 😉

    Mi piace

  19. Ciao Wolf.. anche se qualche anno in ritardo. La mia esperienza si rassomiglia un pò a quelle di “ghost adventures”, non so se lo conosci. In pratica, io sono tornato con un paio di miei amici in una casa abbandonata dove tempo prima si era spostata una bambola da un letto ad un altro, evento che non considero paranormale dato che la porta era aperta, e abbiamo fatto anche un video dove interrogavamo gli spiriti presenti. Riascoltando bene l’audio ci siamo accorti di una voce che diceva in napoletano stretto di “chiuder’ ghell’ port'”, e anche un mio amico ha sentito quello che sembrava un bambino stringergli le gambe. Allora ho chiesto a mia nonna chi ci abitava, e lei mi ha risposto che una decina di anni fa ci stava un napoletano, con due figli.. quantomeno strano, no?

    Mi piace

    • Sì, un bell’esempio, anche se il CICAP te lo casserebbe facilmente attribuendo quella presunta voce ad un rumore di fondo o a una interferenza su nastro. Però “quantomeno strano” ci sta! 😉
      Scusa il ritardo della risposta: ho traslocato e la Telecom latita…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...