Distacco: solo essendo un po’ egoisti si preserva la propria integrità

Tom

Aggiornamento su Tom: ci sono dei periodi nella vita nel quale sembra non andarne una giusta… Stamattina Tom ha fatto la visita cardiologica: tutto bene, un piccolo soffio al cuore, normale nei cani piccoli di quella età, nulla di grave. Ma… speravamo di chiudere il discorso del nodulo sulla zampa… invece il risultato dell’esame citologico non è stato confortante: pare si tratti di un tumore maligno, un sarcoma. Tom andrà operato al più presto, poi il tumore sarà mandato in laboratorio per l’esame istologico per capirne l’aggressività. Lì si capira se finalmente ne saremo usciti, cioé se sarà bastata l’asportazione, o se Tom dovrà subire altre cure, come la chemioterapia. Io stavolta ho buone percezioni… eppure sono notoriamente pessimista. Speriamo che chi mi “suggerisce”… sappia cosa fa’!

————

Riprendo a recuperare qualche post ormai “datato”. Questo ad esempio è di febbraio 2008, poco meno di otto anni fa’… come passa il tempo, eh?
Per gli interessati, un piccolo aggiornamento su Tom. Come avevo scritto, martedì scorso gli è stato fatto un prelievo tramite ago aspirato, infatti ha una massetta sottopelle all’altezza della “tibia” della zampa anteriore sinistra. Può essere nulla, può essere qualcosa da non sottovalutare: meglio controllare. La cosa incredibile è che il campione prelevato… è andato perso 😐 Avete letto bene: l’istituto di analisi non l’ha mai ricevuto mentre la clinica veterinaria giura di averlo mandato. Che dire? Complimenti. Dovremo cominciare tutto da capo… magari con un nuovo veterinario.

Intanto lui non si preoccupa e, a dispetto dei suoi 11 anni, continua a non perdere occasioni di dimostrare la sua vitalità! Vedere la foto sopra per credere! 😀

Ed ecco il post. Al seguente link trovate quello del 2009, con tutti i commenti dell’epoca: Distacco: solo essendo un po’ egoisti si preserva la propria integrità


“Solo essendo un po’ egoisti si preserva la propria integrità” mi disse un collega di lavoro ormai ben più di 10 anni fa’… Egoismo è senz’altro una parola a cui viene data comunemente un’accezione negativa. Come non essere d’accordo? Ma… non è che sarà anche una parola usata e abusata spesso per colpire chi semplicemente difende sé stesso e i propri spazi vitali? Quel mio collega, di fatto, non disse “solo essendo egoisti”, bensì “solo essendo un po’ egoisti”…

“Solo essendo un po’ egoisti si preserva la propria integrità”.
I grandi maestri spirituali conoscono bene il valore del Distacco, ovvero di quella condizione per cui, pur essendo ben presenti in sé stessi e nelle interazioni con gli altri, si evita di diventarne dipendenti e schiavi. Siamo chiari: in ogni relazione, soprattutto quelle amorose, almeno un pizzico di dipendenza è forse inevitabile, addirittura può far piacere percepirla. Nessuno stigmatizza questo. Ma il divenire incapaci di sottrarsi a qualsivoglia forma di pressione esterna, è davvero tutt’altra cosa.

No“Solo essendo un po’ egoisti si preserva la propria integrità”.
Siete persone che non sanno dire di “no”, nemmeno quando quel “no” è un vostro sacrosanto diritto?
Non siete più capaci o non vi resta più tempo per vivere la vostra vita perché ognuno, dopo aver accettato una vostra mano, ora si sente in diritto di avere sempre il vostro braccio?
Vi sentite a disposizione come se foste un numero di pronto intervento 24 ore su 24, 7 giorni su 7?
Bé, allora un po’ di sano distacco è ciò che fa per voi!

castaneda“Solo essendo un po’ egoisti si preserva la propria integrità”.
Don Juan (parlo del personaggio dei libri di Castaneda, naturalmente), interrogato dal suo discepolo sul motivo per cui rimaneva così emotivamente impassibile di fronte alle difficoltà terribili di chi si rivolgeva a lui, rispondeva che solo un sano distacco permette davvero di aiutare gli altri. Perdete il distacco e, con ogni probabilità, verrete trascinati nello stesso inferno di chi state cercando di aiutare. Perderete obiettività, lucidità, inizierete a dimenticare i buoni propositi dai quali eravate partiti. Alla fine, non solo non avrete raggiunto l’obiettivo di aiutare l’altro, ma sarete voi ad essere bisognosi di aiuto!
Guardate, le persone che sanno meglio aiutare gli altri, sono quelle che sono capaci di non essere travolte da loro e dai loro problemi. Nessuno incita nessuno a “lavarsene le mani”, sia chiaro, ma non diventate preda dei numerosi vampiri di energia che sono in circolazione. Se vi rendete ad essi disponibili, vi succhieranno la vita senza alcun costrutto, non solo per voi, ma nemmeno per sé stessi.

“Solo essendo un po’ egoisti si preserva la propria integrità”.
Chi vi ama, o chi è semplicemente corretto, non vi “ruba” energia, la scambia. Tutti abbiamo momenti di difficoltà nei quali abbiamo bisogno del sostegno del partner, degli amici, di altre persone. Ma c’è chi, trovando comodo quell’appoggio, non fa più nulla per risollevarsi. E questo non va bene. Voi non siete cuscini, non siete stampelle. Siete persone che scelgono liberamente di donare e donarsi.
Non fatevi usare.

amore e psiche - Canova

Annunci

51 pensieri su “Distacco: solo essendo un po’ egoisti si preserva la propria integrità

  1. Mi dispiace tanto che le analisi di Tom siano andate perse, ma da un lato questo un po’ (egoisticamente…) mi conforta: evidentemente, certe terribili manchevolezze non sono esclusivo appannaggio della Sanità siciliana!

    Mi piace

  2. A prescindere da quello che ho scritto nel commento precedente, credo proprio di rientrare nella categoria di coloro che hanno bisogno di un po’ di sano egoismo. Non dico che sono sempre disponibile per gli altri, a volte sono anche capace di dire no…

    Mi piace

  3. …Però, quando questo si verifica, accade che poi mi sento molto in colpa, per cui in genere preferisco anteporre alle mie, le esigenze altrui. Non è facile cambiare, sai, il senso di colpa spunta all’improvviso, senza che io lo voglia!

    Mi piace

    • Sì, purtroppo è un senso di colpa molto comune che affonda le proprie radici nell’infanzia, quando dire di “no” non ci era concesso. E’ qualcosa che la maggior parte di noi deve necessariamente imparare 😉

      Mi piace

  4. innanzo tutto rimango basita per la disavventura occorsa per Tom! Poco da commentare, mi ritengo molto scocciata per questo
    Ti do perfettamente ragione per quanto riguarda l’egoismo. Ognuno di noi, anche se tende ad espandersi è un isola, e si sa che un’isola per raggiungerla ci vuole fatica e coraggio, quindi spesso ci rinchiudiamo tra le nostre palme e ruscelli e fiori trpicali guardando con distacco i tentativi fatti da altri per raggiungerci,
    Fuori tema ha ha , non so il tuo articolo mi ha fatto uscire questa strana pensata
    bom dia, e soprattutto augurissimi per la piccola peste

    Mi piace

    • Sì… su Tom è meglio che non aggiungo altro, va’! Speriamo che vada tutto bene… e sarà bene ciò che finisce bene! 😉
      Bè… personalmente a volte su un’isola deserta, assieme a Lady Wolf ed a tutti gli animalotti ovviamente, ci scapperei volentieri!!! 😀
      Grazie, buona serata a te! 🙂

      Mi piace

  5. Sono riusciti a perdere il campione prelevato a Tom, è incredibile che con il lavoro che fanno veterinari e istituti di analisi non prendano la totale coscienza della responsabilità che hanno..mah sono sconcertata…
    Riguardo al post caro Lupo è proprio così, bisogna avere amore per se stessi e poi aiutare gli altri, poiché se ci si annulla per aiutare non si farà del bene ne a se stessi ne agli altri, anzi si peggiorerà la situazione.
    Un bacione a te e una carezza a Tom 🙂

    Mi piace

    • Esatto cara Demetra, penso anche io che si aiuta meglio gli altri se prima si è forti con sé stessi.
      Riguardo a Tom, come ho scritto a Ventisqueras, speriamo che tutto vada bene… e a quel punto dimenticheremo tutto! 😉
      Grazie, gliela do’ subito: è qua vicino a me 🙂

      Mi piace

  6. Ne so qualcosa del essere un po’ egoisti, e della fatica che si fa a mantenere il distacco se non fosse così a quest’ora sarei alla deriva o sepolta sotto le macerie di qualcun altro-Una fatica nera,a volte ti senti pure egoista un po’ stronza ma comprendi che è necessario se no alla fine finisci per essere prosciugata di tutto o di vivere una vita non tua,o meglio di vivere sulla tua pelle le emozioni ed i sentimenti negativi di qualcun altro.
    Fatto l’esame a Tom? Sai anche con la nostra cagnolina era accaduta una cosa simile.
    Ciao

    Mi piace

    • E’ proprio così, cara Carola. Io probabilmente… sarei morto già anni fa’. E guarda che non esagero, non troppo almeno…
      Fatto l’esame a Tom. Siamo in attesa del risultato 😐 Era successo cosa? Che perdessero il campione? O che le avevano fatto l’ago aspirato?

      Mi piace

  7. Si accumulano ricchezze materiali sulla terra caro Francesco che non solo non servono in questa vita ma non serviranno nemmeno in un altra, sia che rivivremo come cani,come gatti, come insetti, come uomini o onde del mare.Tutti vogliono avere l’ultima parola.E’ un no verso l’altro non verso uno stato d’animo che ci disabilita.Tutti credono sempre di meno all’esistenza di un Dio Creatore,molti adorano solo loro stessi e diventano adulatori delle loro stesse convinzioni.Se ci si affida ad un maestro spirituale in un momento di crisi personale lo si deve fare con la consapevolezza che questi non possiede
    tutte le risposte alle nostre domande e se anche ce le avessero non credo che un maestro spirituale ci toglierebbe il gusto di farci vivere gli errori e le gioie insite nel cammino quotidiano,anzi il buon maestro è proprio colui che dimostra la sua umana debolezza.Io sono una mamma e sono a disposizione 24 ore su 24 per i miei due figli.Felicemente e soprattutto senza lagnarmi mai di questa immensa fortuna. C’è poi chi dice che tutto il resto è noia ed in effetti meglio lasciar la noia fuori dalla nostra felicità.Un abbraccio per te e famigliola tutta in particolare a Tomino speriamo bene per le sue analisi e un saluto al collega stressato…:-))…Mari

    Mi piace

    • Assolutamente, cara Mari 🙂 I beni materiali non servono a nulla, al messimo possono renderci la vita più semplice permettendoci di avere più tempo per le cose importanti… ma troppo spesso questi che dovrebbero essere solo nostri mezzi diventano nostri padroni: finiamo col vivere per loro.
      Il “maestro spirituale”… indica la via, ma poi bisogna percorrerla con i propri piedi, altrimenti è come un bel libro che però, una volta finito, finisce sullo scaffale di una libreria e viene dimenticato.
      Purtroppo le analisi non sono andate bene. Pare si tratti di tumore maligno, bisogna toglierlo e analizzare poi l’istologico per capire che aggressività ha e decidere le cure adatte. Potrebbe ancora essere cosa da poco, potrebbe essere più… complicato.
      Grazie, un salutone a te 🙂

      Mi piace

  8. la ricerca del benessere economico è insita in ogni persona che speri di condurre una vita il più possibile serena e al riparo dai tanti problemi da affrontare …ma ci sono ricchezze che impoveriscono e sono i tanti cumuli di illusioni ,è facile divenire dipendenti dall’illusione che di solito è una vita che indossiamo e che ci spoglia al risveglio di molto di più di ciò che crediamo di possedere.Sarà anche una filosofia la mia ma io cammino molto terra terra coi piedi ben poggiati e sono sempre ben sveglia,non vorrei mai svegliarmi solo nell’innamoramento!Mi spiace per Tomino,dai c’è lady Wolf che ti da il giusto sostegno,tienici aggiornati,abbraccio…:-))…Mari

    Mi piace

    • I soldi, i beni materiali, dovrebbero essere considerati per quello che sono: un mezzo, niente di più. I problemi nascono quando ci attacchiamo a loro, anzi che servircene. L’attaccamento è una brutta cosa in generale, ma quando si tratta di attaccamento a beni materiali, è anche peggio. In effetti il pensiero che i soldi ci possano proteggere da tutto, è solo un’illusione. Possono servire, vero, ma la sicurezza è un’altra cosa.
      Tom è per Lady Wolf quel che Julius era per me: unico e insostituibile. In questo caso sono soprattutto io a dovere e volere essere vicino a lei, come lei lo è stata a me per Julius 🙂
      Un abbraccio!

      Mi piace

  9. Ciao Wolf
    il difficile è riuscirci se si è altruisti! 🙂
    A me riesce pochissimo distaccarmi, devo quasi “violentarmi” 🙂
    un salutissimo e buona giornata di Ognissanti a te e tutta la tua schiera di pelosetti

    Mi piace

    • Non fraintendermi: è bellissimo essere altruisti, ma proprio per riuscire ad esserlo bene, è meglio restare un poco distaccati, altrimenti si vieni coinvolti totalmente e si finisce, nel peggiore dei casi, per essere trascinati sul fondo, nel migliore, nel dover limitare le proprie attenzioni a poche, o una sola, persona.
      Grazie, buona giornata di Ognissanti anche a te 🙂

      Mi piace

  10. Uff, questo stimato blog sta diventando un bollettino veterinario!
    Speriamo che quello di Tom sia solo l’ultimo e marginale episodio seguito da un lungo periodo di pace – in tutti i casi l’arrivo di Lara e Mr. Jones dovrebbe portare comunque una bella ventata di vitalità, di cui anche Tom potrebbe avvantaggiarsi, e che aiuterà a curare le ferite per te e per Lady Wolf. Intanto incrocio le dita per Tom e aspetto notizie, quali che siano.

    La parola “egoismo” è spesso fraintesa e applicata a qualsiasi sano desiderio di non farsi divorare vivi dagli altri – per le donne in particolare sembra un problema molto serio e a volte non mi capacito dei sensi di colpa che vedo in conoscenti (raramente sono mie amiche) anche sennatissime per tutto il resto, che provano ad abbozzare scuse per non vivere solo per gli altri 27 ore al giorno o che si sentono troppo stanche per rispondere all’ennesima invadente sollecitazione del marito, dei figli o anche dei cugini di quarto grado acquisiti, all’insegna del “Lo so che dovrei ma proprio non ce la faccio” (e poi nonostante tutto fanno lo stesso).
    Non è fra i miei problemi principali, e la trovo un a bella fortuna visto il lavoro che faccio – intendo una fortuna anche per chi mi passa tra le mani: trovo che tra la mancanza di “egoismo” e il delirio di onnipotenza il passo sia piuttosto breve. E’ importante fare quello che dobbiamo – TUTTO – ma poi la vita degli altri appartiene agli altri, siamo responsabili solo fino a un certo punto.

    Mi piace

    • Siamo stati fuori in questo weekend, eravamo a Merano a trovare la nonna (e la zia… ma la nonna 95enne ha la precedenza 😉 ) di Lady Wolf. Ci siamo collegati con le telecamerine in casa (le attacchiamo solo quando andiamo via) e abbiamo visto Perseo che giocava con Numa 🙂 Ci siamo detti che davvero Perseo ce l’ha mandato qualcuno: è arrivato al momento giusto, ha avuto il tempo – anche se troppo poco purtroppo – di conoscere Julius, ed è incredibile come fosse evidente che lo rispettasse come “capo” nonostante fosse appena arrivato e nonostante Julius fosse già malato, ora ha legato con Numa che, altrimenti, sarebbe rimasta sola (Sissi non conta: lei sta sempre sulle sue). A volte la guardiamo e ci sembra triste, ci sembra evidente che Julius le manca… il suo “fratellone” con il quale aveva legato da subito, sei anni fa’, prima che legasse con noi. Quanto sarebbe triste ora, anche per noi, se non ci fosse Perseo. E… altre cose, che un giorno racconterò 🙂
      Sappiamo che è un rischio fare entrare altri gatti in famiglia, soprattutto ora che Tom dovrà subire un’operazione. Purtroppo anche questa davvero non ci voleva, speriamo si risolva presto e nella miglior maniera possibile. Tuttavia è vero: abbiamo bisogno di tanta vita attorno a noi 🙂 Già lo dicevo anni fa’, rientrando a casa e ritrovando, oltre a Lady Wolf, Tom e i tre gatti: è bello avere tanta vita in casa 🙂
      Siamo stati tanti anni senza che successe nulla, stavamo bene… senza nemmeno che ce ne rendissimo conto fino in fondo. Poi sono successe tutte queste brutte cose… Vorremmo tanto tornasse un bel periodo di serenità, non completa, quella è difficile ottenerla, ad esempio sul lavoro, ma almeno in casa. Credo che stavolta riusciremmo ad apprezzarla come si deve.

      Sull’egoismo, è come scrivi. Soprattutto perché, come dici, lo si identifica non solo con l’egoismo vero e proprio, quello che ti porta a fregartene degli altri e pensare solo a te stesso, ma con quel sano distacco che ti impedisce di annullarti per un senso del dovere che non è davvero naturale, ma è piuttosto derivato da condizionamenti societari iniziati dalla tenera età.
      E’ buono che tu lo sappia, perché tu sei di esempio per i tuoi alunni 🙂 Gli insegnanti possono essere un valido contraltare a insegnamenti talvolta eccessivamente “buonisti” di certi genitori.

      Mi piace

  11. Mi dispiace tantissimo per Tom e ancora di più per te, avevate appena finito di avere dispiaceri per Julius e già si prepara un’altra odissea per Tom, ma speriamo tutti che non lo sia, che riescano a guarirlo e in fretta.

    Mi piace

    • Il dolore per Julius è una cosa a parte, si può solo evolvere nel tempo. Certo, un periodo di distanza da un’altra fonte di stress sarebbe stata gradita…
      Comunque Tom sarà operato martedì della prossima settimana. Le lastre non hanno evidenziato metastasi evidenti, anche se ci vorrebbe la TAC per escludere anche le piccole. Quindi la speranza che si possa risolvere tutto con l’operazione è viva.

      Mi piace

  12. Sì, certamente è un problema che risale all’infanzia, ma dire di no mi viene troppo difficile. Spesso dico che non sono “buona”, perché non lo faccio per bontà ma per non sentirmi male… Può essere considerata una forma di egoismo? 😀

    Mi piace

    • Direi che è la cosa peggiore: ti sbatti lo stesso e non ti senti nemmeno buona 😉
      Ciò che conta sono i risultati, cara, ad esempio se una persona ricca fa donazioni per i poveri, ben venga lo stesso anche se magari non gli costa molto: ci sono molte persone ricche che non lo fanno neanche. Quindi credo che no, non lo chiamerei proprio “egoismo” 😉

      Mi piace

  13. Sai, non ho animali, non sapevo che anche i nostri amici a quattro zampe soffrissero le stesse patologie umane, ma non solo che subissero anche gli errori medici, ahinoi!
    Essere egoisti almeno un po’, concordo con te: chi riesce a distaccarsi, è una persona forte che sarà un valido aiuto nel momento di bisogno. Ma come si fa a essere egoisti con una persona cara, va da sé che si soffre a tal punto da vivere quelle sofferenze come se fossero proprie e le forze mancano. Entrare in empatia con distacco è davvero un grande sforzo. Io quando ho sofferto per i miei genitori, vivevo costantemente sotto tensione e i loro dolori erano i miei, non riuscivo a staccare la spina, come suol dirsi.
    Un post ricco e interessante.
    Buona serata
    un affettuoso saluto
    annamaria

    Mi piace

    • E’ vero, succede anche a me. Curiosamente inizio ad accusare dolori nelle stesse parti del corpo dei cari (non solo umani, perfino animali!) 🙂
      Però io non parlavo dei nostri cari, non in particolare almeno. Parlavo in generale. In ogni caso te stessa dimostri a te stessa che un minimo di distacco sarebbe sano – a riuscirci – anche verso le persone care. Non solo per noi stessi, ma perfino per loro: se sei troppo coinvolto, se precipiti anche te nell’angoscia, la confusione inizia a regnare sovrana ed anche le decisioni che dovrebbero essere logiche iniziano a farsi difficili.
      Grazie, un caro saluto anche per te 🙂

      Mi piace

  14. Ma uffa, ho letto anche indietro….. riprendo il blog e m’imbatto in notizie che fanno male. Me li ricordo tutti i tuoi Mici e quando arrivò Tom. Julius non era certo un Gatto anziano. La Sissi come sta? Non ho ancora Gatti in casa, accudisco quelli che girano in giardino. Viola che ha compito 14 anni è diventata allergica al pelo dei gatti, stranamente e per fortuna non alla sua Tigre. Gli unici gatti che non trasmettono allergie sono i siberiani… personalmente mal propensa ad acquistare animali. Speriamo che le prossime analisi sciolgano l’enigma.

    Mi piace

    • Sissi sta bene, anche se comprensibilmente ogni acciacchetto dei gatti adesso ci fa subito preoccupare. Lei ora ha 12 anni… uno per ogni chilo, più o meno 🙂
      Sono d’accordo, anche noi non abbiamo mai comprato un animale (pesci a parte): Sissi arriva da un’amica che ha ancora sua mamma (ha un anno in più di Sissi), Julius arrivava da una colonia di Novi Ligure, Numa l’abbiamo presa in un gattile genovese e Perseo l’abbiamo trovato abbandonato.
      Tom invece fu un regalo delle ex colleghe di mia moglie a lei, le era appena mancato il suo Shih Tzu e vollero allietarla con un nuovo piccolino 🙂
      Quello di Tom è meno misterioso di ciò che ha ucciso Julius, per il quale purtroppo siamo rimasti con sole ipotesi. Andrà chiarita l’aggressività del tumore per poi decidere, post-intervento, se saranno necessarie ulteriori terapie.
      Grazie per l’interessamento!
      Un saluto 🙂

      Mi piace

  15. mie cari wolf e consorte…ricapitoliamo un attimino…:-))…essendo cattolica considero maestro spirituale,senza metterlo però tra virgolette ,il mio padre confessore e nella mia vita di credente se ne sono avvicendati molti con i quali ho condiviso le mie gioie i miei dolori le mie esperienze ma mai ho camminato con i loro piedi,o mi sono rifiutata di prendermi le mie responsabilità di persona,di donna,di figlia madre moglie,sempre con i miei,a parte che io ho avuto dei genitori che mi hanno insegnato ad essere indipendente sempre(per questo hanno meritato e meritano il mio bene da vivi e da defunti conservo il loro ricordo con la dignità e l amore che è loro propria e da viventi mi hanno insegnato).Sin da piccola ho sempre vissuto con la mia autonomia di donna non pesando mai sulle spalle di nessuno,cercando sempre di sbrigarmela da me senza dar disturbo agli altri,sono poi figlia unica e questo ha giocato a mio favore perchè i figli unici al contrario delle tante etichette,sono delle identità ben integre e integrate con loro stessi pur a volte soffrendo la mancanza di sorelle o fratelli.Come madre dei miei due figli trovo normalissimo occuparmi di loro tutto il tempo della mia vita,sino a 100 anni la mamma è e sarà sempre la mamma( non sono ancora suocera per mia sfortuna) e i propri figli generati e partoriti cuccioli cui aprire sempre le braccia anche quando si è stanche ma non la considero una fonte di stress.
    Speriamo che Lara e Mr.Jones arrivino presto ad allietare voi due genitori con la telecamerina,siete davvero unici.Un bacio a Tom…buona giornata…:-))…Mari

    Mi piace

    • Concordo, cara Marilena 🙂 Al momento io “Maestro Spirituale” lo metto invece (di solito) tra virgolette proprio per il motivo che dici: non mi sono mai “affidato” a qualcuno, ascolto e leggo, sì, ma non seguo mai “ciecamente”, anche se, rispetto a solo qualche anno fa’, non sono più sicuro sia la scelta necessariamente più giusta: inizio a credere che se non ci si lancia “anima e cuore” in una corrente spirituale, quale essa sia, si finisce prima o poi per cedere ai dubbi che sempre esistono per la nostra mente razionale finendo per divenere potenziali “banderuole al vento”, ovvero cambiare spesso – troppo spesso – direzione. Insomma, senza “lasciarsi cadere” non si arriva mai in fondo.
      Ma sono il primo a non farlo 🙂
      Io ho avuto due fratelli, uno c’è ancora, ma forse proprio perché non avevo la mia “libertà” (per mio padre i miei amici dovevano essere solo i miei fratelli e viceversa), in realtà spesso avrei preferito essere figlio unico (so che è brutto dirlo). Anche se è tutto da dimostrare che sarebbe andata meglio. Anzi se proprio lo devo dire, non cambierei una virgola del mio passato se ciò volesse dire non conoscere Lady Wolf, non aver adottato qualcuno dei nostri animaletti, non aver conosciuto gli amici che via via si sono succeduti 🙂
      Non ho dubbi che tu viva per i tuoi figli, tuttavia vivere anche per sé stessi non vuol dire non vivere per qualcun altro. Le due cose possono e devono coesistere. Ma sono sicuro che, visto la vita sociale che da quanto capisco riesci comunque a condurre, questo lo sai meglio di me 😉 Non concordo invece su chi si annulla completamente, perfino per i propri figli: non fa il bene proprio e nemmeno il loro.
      Ovviamente sono solo opinioni 🙂
      Un caro saluto e… Mr Jones e Lara dovrebbero arrivare sabato 😉

      Mi piace

  16. quando ero molto piccola e non comprendevo ancora che la mia mamma non avrebbe, per motivi di salute ,più potuto avere figli ci soffrivo molto,desideravo un fratellino o sorellina,loro erano sempre molto evasivi poi da grande ho scoperto quanto è bello stare da soli cosa che però comporta molto sacrificio perchè poi come si suol dire tocca tutto a te nel bene e nel male,hai responsabilità che non puoi delegare a un fratello o sorella quando sei in difficoltà e quando vengono a mancarti ti rendi conto di essere rimasto solo,le tue radici sono da un altra parte,in cielo,a me basta pensare che i miei genitori sono assieme e mi rassereno subito anche se sono morti a distanza di tempo,l’uno dall’altro pace all’anima loro.I miei figli sono la mia gioia,adesso sono diventati molto grandi e sono fiera di loro,spero sempre il bene come ogni genitore per i propri figli.Non ho avuto una figlia femmina ma…spero in una nuora che mi doni tanti bei nipotini,chissà se accadrà questo mio desiderio…un abbraccio…speriamo bene per Tom e per tutti voi che possiate essere sereni…Mari

    Mi piace

    • Bé, molte persone hanno tanti parenti… ma non riescono o non possono delegare nulla ugualmente 🙂 Io credo sia la qualità del rapporto a contare, più del grado di parentela. Ci possono essere amici più fidati dei parenti più vicini, ad esempio.
      Spero che il tuo desiderio possa essere esaudito 🙂
      Grazie, un abbraccio! 🙂

      Mi piace

  17. Wolf? Ti sei addormentato?…:-))…che peccato che qui non ho le emoticons che ho invece nella mia casella di posta…che per fortuna funziona sempre contrariamente alla tua che ogni tanto dobbiamo ricominciare d accapo e ci perdiamo di “vista” e nota bene sono sempre io a cercare te…poi non ti arriva la mia email poi facciamo mille prove e poi siamo ancora qui a dialogare.Perchè scegliamo sempre di non celare nulla di noi anche se come te amo molto la quiete e poco la confusione.Rileggo la tua risposta e non posso mettere le virgolette al maestro spirituale perchè,a meno che tu non consideri maestro spirituale ogni persona con cui interloquisci e ti affidi o meno,ti confidi o meno
    io considero maestro spirituale il prete al quale mi confesso e affido spiritualmente..Non ho mai corso il rischio di divenire una banderuola in quanto ho avuto sempre buoni padri spirituali che mi hanno sempre accolto e dato il giusto insegnamento ,poi si dovrebbe raggiungere la maturità.La vita sociale io la faccio a casa mia tutto il santo di ad occuparmi della mia famiglia e poi ho sempre lavorato in vita mia da non avere molto tempo da perdere in chiacchiericcio.

    Mi piace

    • Cara… in questi giorni sono stato, per esigenze lavorative, anche 12 e più ore al giorno davanti allo schermo di un PC 🙂 Infatti stasera ho seri problemi agli occhi, al punto che sono stato lì lì per andare al pronto soccorso!! 😦 Capirai che starci tanto anche per motivi personali è una cosa che, da solo, non mi consiglio! 😉
      Per te, cattolica, il maestro spirituale è il prete al quale ti confessi, ci sta, ma non è che l’alternativa è considerare “maestro spirituale ogni persona con cui interloquisci e ti affidi o meno,ti confidi o meno” 😀 La vita, sperabilmente, permette a volte di cambiare 🙂 Anche se naturalmente, se si è soddisfatti, come sei tu, non c’è motivo di farlo.
      Un saluto 🙂

      Mi piace

  18. Caro…mi spiace…:-))…era per farti sorridere…evidentemente è importante la tua presenza…non solo per me…per ogni persona che legge di te e si interessa alla tua vita…non ci sono alternative…certo…non cambierò padre spirituale ma se avrò bisogno di te…busserò alla tua porta…e so che sei sempre disponibile per dialogare…tutto qui…riposa…e fra poco anche io vado a nanna…gli occhietti miei si chiudono già…un saluto di buonanotte…:-))…non mi firmo che sai che sono io…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...