Non arrendersi – Il vento lo sa’…

Purtroppo questo e’ un periodo molto pieno di impegni per me, non riesco ad essere presente ed aggiornare come vorrei 😐
Il futuro… chissa’ che mi riservera’? Ci sono grandi mutamenti nel mio ambito lavorativo, molta incertezza, e l’idea di cambiare (o cercare di farlo) diviene sempre piu’ ostica con l’avanzare dell’eta’… ma credo che questo stato di cose sia abbastanza comune a tante persone oggi, non e’ vero? 😦
Comunque non bisogna abbattersi o, peggio, arrendersi.
Come diceva John Fitzgerald Kennedy, «Scritta in cinese la parola crisi è composta di due caratteri. Uno rappresenta il pericolo e l’altro rappresenta l’opportunità» 😐

Nonostante il poco tempo, oggi pubblicare mi e’ facile. Infatti, proprio sul tema di resistere prima e superare poi, le avversita’, ho trovato una splendida storia sul blog di Kjya (Amore Infinito) e voglio condividerla con voi.
Personalmente l’ho “sentita” molto, e credo che anche voi, chi almeno ancora non la conosce, l’apprezzerete…


Il vento lo sa’…
dal blog
Amore Infinito
di Kjya

Lui solo sa’? Un mattino il soffione fu afferrato dalle dita invisibili e forti del vento. I semi partirono attaccati al loro piccolo paracadute e volarono via, ghermiti dalla corrente d’aria. “Addio… addio”, si salutavano i piccoli semi. Mentre la maggioranza atterrava nella buona terra degli orti e dei prati, uno, il più piccolo di tutti, fece un volo molto breve e finì in una screpolatura del cemento di un marciapiede.

C’era un pizzico di polvere depositato dal vento e dalla pioggia, così meschino in confronto alla buona terra grassa del prato. “Ma è tutta mia!”, si disse il semino. Senza pensarci due volte, si rannicchiò ben bene e cominciò subito a lavorare di radici. Davanti alla screpolatura nel cemento c’era una panchina sbilenca e scarabocchiata.
Proprio su quella panchina si sedeva spesso un giovane. Era un giovane dall’aria tormentata e lo sguardo inquieto. Nubi nere gli pesavano sul cuore e le sue mani erano sempre strette a pugno. Quando vide due foglioline dentate verde tenero che si aprivano la strada nel cemento. Rise amaramente: “Non ce la farai! Sei come me!”, e con un piede le calpestò.

Ma il giorno dopo vide che le foglie si erano rialzate ed erano diventate quattro. Da quel momento non riuscì più a distogliere gli occhi dalla testarda coraggiosa pianticella. Dopo qualche giorno spuntò il fiore, giallo brillante, come un grido di felicità.

Per la prima volta dopo tanto tempo il giovane avvilito sentì che il risentimento e l’amarezza che gli pesavano sul cuore cominciavano a sciogliersi. Rialzò la testa e respirò a pieni polmoni. Diede un gran pugno sullo schienale della panchina e gridò: “Ma certo! Ce la possiamo fare!”. Aveva voglia di piangere e di ridere. Sfiorò con le dita la testolina gialla del fiore. Le piante sentono l’amore e la bontà degli esseri umani. Per il piccolo e coraggioso dente di leone la carezza del giovane fu la cosa più bella della vita.

Non chiedere al vento perché ti ha portato dove sei. Anche se sei soffocato dal cemento, lavora di radici e vivi. Tu sei un messaggio Noi siamo messaggi…

78 pensieri su “Non arrendersi – Il vento lo sa’…

  1. la prima parte del post potrei averla scritta io… per me è un periodo di cambiamenti, e non so cosa mi riserverà il futuro, purtroppo dipende solo in parte da me (almeno per ora), quindi sto vivendo alla giornata cercando di non farmi sopraffare dalla preoccupazione. Per adesso sto reggendo bene ma è dura 🙂

    In bocca al lupo… ora leggo il resto del post, la storia della tua amica blogger. Ah e grazie di essere ripassato a vedere il video dei pinguini 🙂

    "Mi piace"

  2. Ti faccio i  complimenti, quando scrivi riesci a mixare ottimismo e profondità, non ti conosco e quindi non so se sia il tuo carattere o il frutto di un grande lavoro su te stesso. 
    Il racconto è carino, ribadisce che con la forza d'animo  e la  determinazione ce la si può fare.

    "Mi piace"

  3. Che aggiungere wolf?
    Dice tutto questa storia….così delicata e così reale.
    Bellissimo il passo:

    Non chiedere al vento perché ti ha portato dove sei. Anche se sei soffocato dal cemento, lavora di radici e vivi. Tu sei un messaggio Noi siamo messaggi…..

    Il segreto è tutto qui.
    Grazie per questo stupendo post.         

    "Mi piace"

  4. Splendido…semino! Quanti cuoricini hai forgiato con questo schiocco di Amore?

    Ciao tesoro … spero che…in qualsiasi posto deciderai di …metter radici…bè che lì ci sia …ciò che desideri!

    Un grande abbraccio e Grazie

    "Mi piace"

  5. x Pepeannamari: no, non mi ricordo di averlo visto… Grazie per la segnalazione

    x Valeria: si, anche io vivo il periodo con una sorta di rassegnazione che appare più come una preparazione per le battaglie future Non saprei nemmeno se dirmi… preoccupato

    "Mi piace"

  6. x Vagabonda: ottimismo… è più una cosa che cerco che una cosa che ho, direi, anche se a volte i confini di ciò che si cerca e ciò che si è, o si ha, si intersecano…

    x Violetta: bé, il racconto implicitamente richiama alla mente messaggi positivi, al di là di cosa poi essi sono veramente. L'importante è, secondo me, l'idea di avere noi stessi un valore intrinseco che portiamo nel mondo.
    Questo per me è già un messaggio.

    "Mi piace"

  7. x Donnaflora: un ringraziamento, ed un apprezzamento, che faccio mio e che giro all'autrice del post originale

    x Daphnee: ah, bene! Sono contento se davvero ti è arrivata al momento giusto questa storia

    "Mi piace"

  8. x Anne: concordo Anne, non potevo non pubblicarla

    x Griza: eheheh io ho un po' di problemi a farlo… se non ci fossero, forse l'avrei già fatto. Ma… perfino i problemi hanno una priorità

    "Mi piace"

  9. Wolf, principalmente il cambiamento viene poco accettato proporzionalmente all'avanzare dell'età, è così.
    Tu tieni duro e non ho dubbi che lo farai.
    Il racconto che hai postato è quanto mai significativo ed adatto – complimenti a Kjya per la sua bravura.
    E sai che faccio il tifo per te.

    "Mi piace"

  10. Fino a qualche anno fa, per me i cambiamenti erano dei veri e propri momenti di panico e odiavo tutte le volte che eventi di questo genere si verificavano nella mia esistenza.
    Forse è colpa (o merito) dell'età che avanza, forse il carattere si è fortificato oppure semplicemente me ne sono fatta una ragione di vita.
    Ebbene, a volte sono io a cercare i cambiamenti. A dare "una spinta" perché questi avvengano. Perché, così come è vero che "non tutto il male viene per nuocere" ma, a volte, crea occasioni che non avremmo sperato o preso in considerazione, così i cambiamenti possono essere negativi allo stesso modo in cui possono rivelarsi positivi.
    Per cui, carpe diem e vivi la vita come si presenta; cercando di "smussare gli angoli" e di sfruttare le opportunità.
    Questo è un po' lo stile di vita che (mi) applico…

    "Mi piace"

  11. x FireArrow: in realta' quello che descrivi e' una cosa che facciamo in molti, solo che tu sembri farlo in modo consapevole, voluto, e questo non e' poco. Spesso in passato ho pensato che quando sai che qualcosa andrebbe fatto ma non la fai, prima o poi accadra' qualcosa che ti obblighera' a farla; bene, a volte questo "qualcosa" siamo proprio noi a provocarlo, perche' piu' o meno inconsciamente sappiamo che le condizioni in cui siamo non ci piacciono o non sono adatte, allora facciamo qualcosa – apparentemente senza volerlo – che crea le condizioni per cui dobbiamo per forza deciderci a muoverci.
    Non credo sia strettamente il caso mio di adesso, ma a volte capita. E comunque davvero a volte e' meglio cambiare, anche se magari la forza di inerzia o la paura di commettere qualche sciocchezza ci spingono a non farlo.

    x Bradirunner: sono d'accordo, infatti l'ho voluto fortemente pubblicare anche qua

    x Raggio: davvero Raggio?? Non lo sapevo! Stasera un abbraccetto in piu'  ai mici allora!

    "Mi piace"

  12. A "noi giovani" piace cambiare…se no ci annoiamo!!!
    prendiamolacosì, (non è un refuso!)

    con positività!

    Complimenti all'autrice per la storia molto delicata
    Ognuno di noi reca unmessaggio. Già

    buonaserata, Francesco

    "Mi piace"

  13. Avevo già letto questo racconto nel blog di Kjya ma l'ho riletto molto volentieri perch>é è davvero molto poetico, intenso e, direi, commovente. Quella pianticella che non si vuole arrendere e si ostina a vivere suscita una grande tenerezza!

    "Mi piace"

  14. Bellissimo racconto,non arrendersi ma  cercare la forza in noi stessi  ogni sconfitta deve essere uno sprono per ricercare in noi le energie …la vita è questo..tutto cio' che conquistiamo con fatica è una risorsa preziosa…spingiamo le nostre radici ed assaporiamo le nostre conquiste,magari piccole ma estremamente importanti dell'esistenza…

    "Mi piace"

  15. ….sai dolce Francesco…ho tutti i libricini di Bruno Ferrero e spesso li regalo a nipoti amici e persone a me care e questa storiella sempre del grande Bruno Ferrero che tu e Kjya ci avete voluto regalare…grazie di cuore e se per caso non conosci i magici libricini di Bruno Ferrero ti dico cerca di leggerli perchè sono davvero piccole storie per i nostri e le nostre anime…un saluto al tuo mare….una carezza al tuo cuore e alla tua anima…namaste giogiò

    "Mi piace"

  16. Caro Wolf ti ringrazio tanto …per la tua gratificazione ma i racconti che a volte metto non sono miei sono fruitti di riflessioni fatti in gruppo …allora il mio padre spirituale non ci diceva l'autrore eravamo giovani avremmo letto i libbri e non avremmo meditato il significato quindi firmo sempre (MCI) ma la piccola riflessione sotto e' mia.. ecco quindi rivolgo il vostro ringraziamento a questi grandi uomini l'autore vero e il mio padre spirituale…grazie un sorriso con gioia nel cuore..

    "Mi piace"

  17. ri-ps: puoi copiarlo da qui perchè da me il tasto destro è disattivato :)))

    Ai premiati ecco il regolamento del premio "Sunshine Award":

    fare un post celebrativo per il premio ricevuto e linkare il blog che ve lo ha assegnato;
    premiare altri 12 meritevoli blogger segnalando i loro link;
    avvisare subito i prescelti  🙂

    "Mi piace"

  18. x Lory: esatto Lory, solo dalla morte non esiste ritorno

    x ilmercantedeisogni: oooooooh! Grazie cara! Avevo capito che solo un pezzetto della storia era stato aggiunto da Kjya (che correttamente l'aveva scritto), ma non conoscevo l'autore originale! Grazie mille e… si', penso che lo cerchero'!

    "Mi piace"

  19. x Kjya: l'autore della principale parte del racconto ce l'ha detto ilmercantedeisogni, leggi i commenti proprio prima di questo! Si', tu correttamente avevi segnalato che solo l'ultima parte era una tua aggiunta, quindi sapevo che non era scritto tutto da te, ma non importa, una cosa bella va condivisa, da qualunque parte essa arrivi

    x Cri: grazie cara Come ho ormai scritto da molte altre parti, sono almeno due anni che ho smesso di partecipare a questi premi, ne esisteva un'inflazione ormai e non si faceva altro che darseli a vicenda Ora la situazione e' migliorata, ma… resto fedele alla mia decisione. Comunque grazie, fa sempre piacere riceverli

    "Mi piace"

  20. ed è veramente così wolfi….
    mai abbandonarsi a….
    mai mollare la presa,
    tu lo insegni in mille modi diversi,
    e poi che diamine anche tu sei "un po' umano" e ogni tanto hai le tue crisi da umano, ma sempre in mezzo alla polvere c'è un pizzico d'aria pulita e il respiro profondo ha inizio, poi…si riparte…

    anche io credo che ogni cambiamento…così fatica, ma dia nuove opportunità…per la serie, invecchiando occore ringiovanire pariteticamente..

    kissoni tanti…

    m.

    "Mi piace"

  21. Non si puo' L'unico modo e' stabilire delle priorita' e imporsi di rispettarle. Sempre che si intenda farlo. A mio avviso dovremmo prenderci almeno cinque minuti ogni tanto e pensare seriamente se abbiamo il bisogno – e se vogliamo – realmente rallentare, tenendo conto che qualcosa, in questo caso, va sacrificato…

    "Mi piace"

  22. x Alessia: all'autrice e all'autore! L'autore è Bruno Ferrero, l'abbiamo scoperto dopo grazie a ilmercantedeisogni, Kjya invece ha avuto il merito di pubblicarla per prima e di aggiungere qualcosa di suo nel finale del racconto
    Grazie e buon weekend anche a te!

    x Anna: bella anche quella del tuo amico, è vero, è animata dallo stesso spirito

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...