Decisionismo – di Ralph Marston

Non è mai successo che riportassi per due post di seguito uno scritto di uno stesso autore, ma diversi scambi nei commenti al post precedente ne hanno “reclamato” l’anticipazione così da chiudere il cerchio 🙂

Io aggiungo solo che, anche se è giustissimo prendersi il tempo di valutare pro’ e contro, poi una decisione e un’azione conseguente vanno prese, pena l’inerzia e l’immobilismo. E come ormai ho ben imparato, facendo mie le parole che una blogger lasciò sul mio blog tanto tempo fa, l’immobilismo diventa colpevolezza.
Coelho, in un altro scritto, sostiene che chi per paura di sbagliare temporeggia troppo, finisce poi per compiere quasi sempre una scelta sbagliata. E se consideriamo anche il non-scegliere come una scelta, sono completamente d’accordo.

Meglio decidere e correre il rischio di sbagliare, che non farlo e rimanere per sempre nelle sabbie mobili di una vita piatta ed infelice, la classica “vita di quieta disperazione”.

Ed ora le parole del buon Marston 🙂

 



DECISIONISMO
Se tu potessi rivivere la tua vita sarebbe facile evitare gli errori. Potresti semplicemente guardare indietro ai tuoi errori, vederli avanzare in modo chiaro e indubitabile e muoverti in un’altra direzione.
Nel mondo reale, dove il tempo si muove solo in avanti, evitare gli errori non e’ invece cosi’ facile da fare. Perche’ il solo modo di evitare completamente gli errori e’ di evitare completamente di entrare in azione.
Ma quello, naturalmente, sarebbe il piu’ grave errore di tutti. Perche’ sebbene tu riusciresti cosi’ a non compiere mai degli errori, non riusciresti parimenti ad avanzare, e non riusciresti cosi’ a fare nulla.
Per poter riuscire a compiere qualcosa, devi accettare il fatto che stai per commettere alcuni errori. Naturalmente non partiresti mai con l’idea intenzionale di commetterne ed e’ saggio prendere tutte le misure possibili per evitare di compierne.
Abbi quindi il coraggio di guardare avanti e di procedere, di prendere decisioni definitive, di compiere azioni specifiche, anche se qualcuna di queste si rivelera’ poi un errore. Quando gli errori arriveranno, lo stesso decisionismo ti consentira’ di lasciarteli rapidamente alle spalle.
Ralph Marston

salto gatto

Pubblicità

0 pensieri su “Decisionismo – di Ralph Marston

  1. Sono d’accordo con il tuo "non scegliere" come scelta. Di fatto alcuni, molte volte per insicurezza  stanno immobili ma non il mondo intorno a loro che fa le proprie scelte anche in base al loro immobilismo facendo così in modo che anche la loro apparente non scelta divenga una scelta. La maggior parte delle volte, poi, è proprio vero, le non scelte portano il mondo intorno a scegliere strategie che alla fine sembrano davvero punire l’immobilismo. Tutto sommato forse è meglio scegliere rischiando di sbagliare.. come diceva un detto "sbagliando si impara".. rimanendo immobili si subiscono solo le conseguenze 🙂
    buona giornata

    "Mi piace"

  2. Edna St. Vincent Millay

    Nel dorato bacile d’un gran canto
    versiamo tutta la nostra passione;
    si giacciano abbracciati gli altri amanti
    nel riposo d’amore – noi parliamo
    con la lingua di tutto il mondo: il sangue
    che s’agita, la lunga inerzia, i fremiti,
    le calde palme supplici all’ospite che
    fugge,
    ed un’anima sola, indifesa, ma forte.
    Il desiderio solo canta al liuto;
    nell’aperto sospiro, fra le ortiche
    s’acquieti il menestrello, ozioso e muto
    anche lui – sia l’amore alto e lontano:
    tradisce il ramo piú alto quel frutto
    che ogni passante può trovare a terra.


    "Mi piace"

  3. E’ un po’ come dire che chi lavora sbaglia. E’ inevitabile che non tutte le nostre scelte possano essere giuste, ma in ogni caso vanno fatte.
    Ancora una volta condivido, insomma

    "Mi piace"

  4. Non sono necessarie le parole di "marlston" o di "coelho".
    E’ sufficiente quello che dici tu, amico mio, bello.
    Chi non sceglie è un buffone, appena buono per essere adottato da un circo. E dico anche che non serve neanche tempo per "valutare" o per "temporeggiare".
    Piuttosto, attento alla "lady-wolf", per quelle foto di "gnocchissime" che ricevi.
    Hai visto mai che a scegliere dovrai essere tu?
    abbraccio.
    sherwood

    "Mi piace"

  5. x Shayla: se non scegli, prima o poi qualcuno lo fara’ per te, che sia il caso o altre persone. Potresti anche essere molto fortunata, eh, ma di solito il caso e’ troppo… casuale, e le persone tirano l’acqua al proprio mulino… che potrebbe non essere il tuo
    Buona serata a te!

    x Julka: grazie per i bei versi che hai scelto Buona serata!

    x Anne: sembra banale, vero? Eppure e’ lungi dall’esserlo. Basta guardarsi attorno, e spesso perfino a se’ stessi, per rendersene conto

    "Mi piace"

  6. x Anna: … diciamo che e’ anche dagli errori Spesso mi trovo a dire che avrei preferito rimanere un po’ piu’ ignorante pur di risparmiarmi certe… lezioni Ma quando non si riesce ad evitarle… be’, tanto vale usarle per imparare
    Buona serata Anna!

    x Sherwood: come scrivevo ad anneheche, so che puo’ sembrare banale, eppure basta guardarsi attorno, e a volte ricordare certi pesanti temporeggiamenti di noi stessi, per rendersi conto che cosi’ non e’. La pratica val sicuramente piu’ della grammatica: anche sapendo che una cosa e’ vera, a volte si fatica a metterla in pratica Che ci vuoi fare? Siamo esseri fallaci!
    Lady Wolf sa che non ha nulla da temere, tranquillo: la mia scelta l’ho fatta da tempo
    Abbraccione!

    "Mi piace"

  7. mah…a volte temporeggio,a volte agisco di istinto…non so in quale fascia collocarmi, ecco:)
    però è sicuramente vero che cmq prima o pioi una scelta va fatta, in qualsiasi situazione in cui ci si trovi davanti ad un bivio – o magari ad un trivio, non è detto…forse è anche vero che sarebbe meglio non pensarci su troppo tempo, ed agire…però, certo, va visto caso per caso, naturalmente. Ci sono decisioni importanti che richiedono attenta riflessione; altre no…

    bacione:)))

    "Mi piace"

  8. x Morellina: assolutamente è così, nessuno dice di "buttarsi allo sbaraglio", semplicemente di "non perdersi" continuando ad oltranza ad evitare di prendere una decisione. La via di mezzo è sempre la migliore
    Bacio

    "Mi piace"

  9. Non ricordo più chi disse: "Se potessimo tornare indiatro non commetteremmo più gli stessi errori, ma ne commetteremmo altri"
    E anche "Vorrei tornare indietro per poter bagliare meglio".
    L’Uomo, essere imperfetto, non potrà mai vivere senza sbagliare.

    Non ti permettere più sai?
    Guarda che ti lavo la bocca col sapone!
    Dire eresie simili non è da te… pentiti!!!!
    Sgrunt!

    Ehm…. va bene così?
    ‘notteeeeeeeeeeee!

    "Mi piace"

  10.  Wolf , promesso che tornerò nel pomeriggio a leggere e commentare il tuo post . ora sono in ufficio e non ho tempo ne tranquillità . ti volevo dare il buongiorno , che per me è speciale perchè oggi qui nevica!!!!  ed è bellissimo l’appennino imbiancato

    a più tardi

    "Mi piace"

  11. sbagliare è umano , io penso che poi sia importante rimboccarsi le maniche senza piangersi addosso e guardare la situazione da un’altra angolazione per potere fare la scelta giusta , o perlomeno la meno dannosa per noi stessi e sempre ricordando che è importante che noi stessi siamo importanti e fondamentali proprio per noi stessi . credo che a te sia chiaro questo ultimo concetto , forse ad altri risulòta nebuloso , ma è il mo pensiero .

    ciao Wolf , sempre con stima ti lascio un abbraccio nevoso.

    Linda

    "Mi piace"

  12. vivere significa anche questo sbagliare e trarre insegnamento dai propri errori, altrimenti saremmo dei semplici spettatori della vita anzichè esserne partecipi..
    questo probabilmente ci porta a scontare a volte duramente gli esiti delle nostre decisioni, ma penso sia preferibile all’eventualità di continuare a chiedersi: e se .. ma .. forse.. però..
    io mi sono cimentata in entrambe le cose, ho provato a devitarli e ne ho commessi,  e tra i due devo dire che ho preferito magari star male e soffrire che rimpiangere..
    bel post.. di riflessione
    un caro saluto

    "Mi piace"

  13. x Linda: bisognerebbe mantenere il piu’ possibile l’oggettivita’, questo anche e soprattutto, per e a salvaguardia di se’ stessi
    Nevica a Reggio? 

    x Anna: grazie cara, serenita’ anche per te!

    x Alba: sono assolutamente d’accordo c’e’ poco da aggiungere alle tue parole
    Salutone!

    "Mi piace"

  14. vero verissimo!!! chi temporeggia troppo per prendere una decisione fisce per prendere quella sbagliata…ma credso che l’ndecisione genere sempre sbagli in qualsiasi direzione …qualsiasi scelta ..pèochè l’indeciso non è mai contento …purtroppo..
    gabbiano

    "Mi piace"

  15. L’errore, la pigrizia, la timidezza, l’asocialità, la tircheria, l’invidia, l’arroganza e…chi più ne ha più ne metta…sono dei giochini …diciamo…crudeli…che l’uomo ha messo su.. nei confronti dell’altro..uomo o su se stesso!

    A me piace pensare che l’umanità e formata da persone intelligenti che stanno percorrendo la via del vivere bene e con naturalezza gli uni con gli altri, senza soffermarsi in cose inutili. 

    Ciao un abbraccio. Lucia 

    "Mi piace"

  16. x Gabbiano: be’… credo che ci sia del vero in quello che dici. L’indeciso poi si nasconde anche un po’ in ciascuno di noi: pochi di noi sanno essere contenti, trovano sempre il bicchiere mezzo vuoto anziche’ mezzo pieno. Ma… in fondo, proprio perche’ nessuna scelta fara’ mai essere completamente soddisfatti… non e’ forse il caso di non esagerare con le indecisioni e fare una scelta? … tanto…  Il peso del dubbio della scelta puo’ essere piu’ pesante e dannoso dei risultati della scelta stessa 

    x Lucia: un po’ tutti e due. Nessuno e’ completamente vistuoso, nessuno ha solo le componenti negative che hai indicato. Di solito la verita’ e’ in mezzo ai due estremi, ma dove esattamente si ponga e’ anche merito e compito nostro. La nostra percezione puo’ essere migliorata, anche se difficilmente diverra’ perfetta
    Abbraccione!

    "Mi piace"

  17. x Leggerevolare: non esattamente. Riflettere e cercare di decidere per il meglio e’ cosa buona e giusta. Pero’ spesso, siccome quasi mai le soluzioni disponibili sono "perfette" e ognuna ha anche qualche contro oltre ai pro, finiamo in uno stato di blocco dal quale non riusciamo ad uscire e, per paura di sbagliare, finiamo per non prendere nessuna decisione. Ecco, quel che voglio dire e’ che questo stato di blocco e’ spesso peggiore del risultato della scelta, anche se puo’ apparire sbagliata.
    Inoltre il fatto stesso di operare una scelta ci da l’impressione di avere potere sulla nostra vita, ci da stima in noi stessi, e la stima a sua volta ci portera’ la prossima volta a decidere piu’ in fretta, con meno paura.
    La teoria della capacita’ di scegliere, dice che dovremmo valutare e ragionare sui pro e contro, ma ad un certo punto dobbiamo mollare la presa e aspettare che sotto forma di intuizione il nostro subconscio, che nel frattempo ha continuato ad elaborare i dati che abbiamo ad esso fornito, ci fornisca l’opzione migliore.
    Pero’ poi dobbiamo agire e non rimettere razionalmente tale "suggerimento" in discussione.
    Su questo argomento avevo scritto questo post: La chiave di svolta: il "pilota automatico"

    "Mi piace"

  18. Sono d’accordo con te. Prima o poi le decisioni vanno prese. E’ giusto prendersi un periodo di riflessione, ma poi è doveroso scegliere quale strada percorrere, anche se si corre il rischio di sbagliare. E poi io sono convinta che anche dagli errori si impari qualcosa! Saluti, caro Wolf. Sempre assai interessanti i tuoi post!

    "Mi piace"

  19. x Ten: si’, soprattutto chi lotta spesso contro le sue paure, soprattutto – in questo caso – quella di sbagliare
    Bello vero? Anche il mio Julius fa salti cosi’, eh! 

    x Luna: grazie cara, concordo con il tuo "riassunto"

    "Mi piace"

  20. Comunque… pensandoci…
    non è quello che facciamo ogni giorno?
    Prendere decisioni ed andare avanti.
    Forse dovremmo imparare a non farci condizionare dai rimorsi, cosa già più difficile.
    Meglio il rimpianto, o meglio il rimorso?
    Eterno dilemma………..

    "Mi piace"

  21. Tutto molto interessante.
    Leggerò meglio tutto domani perchè adesso sono in compagnia di alcuni miei amici e non voglio dimenticare la cortesia verso i miei ospiti…

    Volevo lasciarti un commento, caro amico.
    Sono riuscita a trovare funzionante un altro pc di casa mia per poter postare queste mie parole per te.

    Ti auguro una dolce notte.
    Un sorriso
    Aura

    "Mi piace"

  22. x Yasmine: non solo dagli errori, ma… visto che li commettiamo, sì, impariamo anche da quelli
    Buonanotte

    x Aura: mi spiace che ancora non sei riuscita a risolvere questo problema, spero che con Firefox riuscirai a… aggirarlo
    Grazie, una buonanotte anche a te!

    "Mi piace"

  23. amico mio bello,
    io l’ultima volta che ho sentito parlare di "decisionismo", (tu eri poco più che un ragazzo),  si parlava di Bettino Craxi, il quale non ha mai deciso un cazzo (pace all’anima sua, per carità).
    Speriamo che qualcuno, oggi, "decida" sulle pensioni, sui salari, sui bambini, sugli animali, sulle scuole, sugli ospedali e sulle strutture pubbliche in genere, che sono i temi che ci stanno più a cuore.
    un abbraccione.
    sherwood

    "Mi piace"

  24. Querido Wolf, mentre leggevo  i tuoi post mi è venuto un pensiero, bene, non so si mi capirai , per dire la verità mi son volte che mi viene un desiderio di chiamare al telefono e parlare tutto in portoghese…ma poi riceverò una tua chiamata e mi parlerai tutto in italiano, quindi ih,ih,ih – almeno ci parleremo durante tutto l’anno ih,ih.
    ma, sto scherzando…
    allora, perchè  questi scrittori o non, sono così "na moda" ( vedi, ci sono parola che io non lo so) come si fossero dei filosofi? cosa ci sta accadendo che leggiamo tanto quello che loro scrivono?

    Un bacione, querido.
    TVMB.
    Fatima

    "Mi piace"

  25. Amica mia bella , quando insegnavo io, si chiamava “Ufficio Scolastico Interregionale”, e trovai la sistemazione sotto casa (per noi laureati in Economia e Commercio era facile).
    Poi ti dirò cosa ho dovuto fare io con quei delinquenti di studenti.
    Quanto meno, una t……con la mia amica Monica, insegnante di lettere, l’ho rimediata.
    A presto.
    sherwood

    "Mi piace"

  26. Meglio decidere e correre il rischio di sbagliare, che non farlo e rimanere per sempre nelle sabbie mobili di una vita piatta ed infelice, la classica "vita di quieta disperazione".

    MOLTO bella!!!!

    COme al solito, sono daccordo con te 🙂

    "Mi piace"

  27. x Sherwood: ahahah vero Però anche noi dovremmo decidere meglio… no? Quelli che stanno "là" – e non mi riferisco solo al governo attuale ma un po’ a tutti – in fondo ce li abbiamo messi noi, no?

    x Fatima: cara Fatima, questi autori hanno solo il fatto di proporre argomenti che interessano a tutti, che tutti riconosciamo perché in fondo avremmo voluto dirlo noi In un certo senso sono… banali, scontati, ma è mia opinione che in fondo è la vita ad essere semplice, siamo noi a complicarla. Ecco perché questi autori piacciono. In fondo, in piccolo, è stato anche il motivo del "successo" del mio blog: non faccio altro che proporre (di solito) argomenti della vita di ogni giorno, argomenti nei quali un po’ tutti si riconoscono, almeno in parte…
    Un bacione cara

    x Nuvolaribelle: grazie cara, un salutone!

    "Mi piace"

  28. E’ vero: sbagliare aiuta a crescere, ma a volte ci sono errori che si portano dietro delle conseguenze difficilmente rimediabili, capaci talvolta di farti diventare ciò che non avresti mai voluto essere… Basta un niente, a volte, per perdersi e ritrovarsi può non essere così facile…

    Buona domenica.

    "Mi piace"

  29. x Sparkling: bene, ne sono contento Allora poi faccio un salto…

    x Antartica: certo, è vero. Come dicevo in uno dei commenti precedenti, nessuno dice di "buttarsi allo sbaraglio", semplicemente di "non perdersi" continuando ad oltranza ad evitare di prendere una decisione. Personalmente ho imparato che è giusto prendersi tempo per riflettere, valutare le varie possibilità per cercare di prendere la decisione migliore, ma… è indispensabile non cadere in un circolo chiuso: ogni scelta infatti ha pro’ e contro, se aspettiamo la decisione "perfetta", senza rischi, allora la decisione non la prenderemo mai, e l’immobilismo è certamente potenzialmente più dannoso che prendere una decisione sbagliata.
    Buona domenica anche a te

    "Mi piace"

  30. ahahah bé, il tuo dubbio non fa, a rigore, una piega
    Diciamo che nella vita sempre si sceglie, anche quando si decide non scegliere si sta in fondo scegliendo, non è forse una decisione decidere di lasciar andare "alla deriva" le cose senza tentare di cambiarle?
    Così quando dico che ad un certo punto "bisogna scegliere", intendo dire effettivamente che bisogna assumere una posizione, che si deve agire, che non si può più rimanere neutrali

    "Mi piace"

  31. E’ proprio così non scegliere è peggio di sbagliare… Mia sorella direttore di una grande filiale…. mi disse…  da questo lavoro ho imparato una cosa… che serve anche nella vita… devi scegliere, scegliere in continuazione ed il più rapidamente possibile… non importa se la scelta è sbagliata… se scegli sempre hai anche il tempo di correggere il tiro delle scelte…
    Purtroppo per pigrizia… non sono una gran decisionista… ma devo dire che gli anni o le aumentate incombenze e responsabilità in questo mi hanno mgliorata…
    Buona domenica…
    baci…

    "Mi piace"

  32. …..sai cosa penso in questo fine settimana carissimo wolf?  ….che l’unica cosa che mi va di fare è ……decidere che non ho voglia di altre decisioni, in questi giorni ne ho prese già troppe!!!! scusa la battuta, ma decidere è faticoso ho voglia di scherzare..

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...