Raccoglieremo ciò che piantiamo

RACCOGLIEREMO CIO’ CHE PIANTIAMO
di Paulo Coelho

 

seminaIl pessimismo contagia. Il vittimismo contagia. La disperazione contagia. Coloro che hanno la sensibilità sufficiente per scorgere le auree (vibrazioni energetiche che avvolgono gli esseri viventi) capiscono che, prima che la malattia fisica penetri nel corpo, parte dell’energia vitale viene drenata dal cervello afflitto e preoccupato.
Tutto ciò che investiremo nell’oggi, in qualche maniera ci sarà restituito in un ciclo molto simile a quello che osserviamo in natura. “Ciò che piantiamo, raccoglieremo”, dicevano i nostri antenati. Essi non udirono mai parole come ecologia. Ma in questa semplice frase – “ciò che piantiamo, raccoglieremo” – risiede parte della saggezza che l’Universo ci insegna.
Ogni momento della nostra realtà è direttamente influenzato da come noi riteniamo che una “realtà” debba essere.

 

 


Commento di Wolfghost: la chiave sta nella parolina “influenzato”: ogni nostro momento è influenzato da come noi siamo portati a pensare esso debba essere. Quando arriva un lavoro importante ci si può ritrovare a pensare frasi come “Sarà un bagno di sangue”, “Di qua non ne usciamo”, e altre cosette del genere. Oppure si può vedere quel lavoro come una nuova sfida, una nuova opportunità di crescita e di prova di sé stessi. Di divertimento perfino. E chi credete che lavorerà meglio, più tranquillo, e con maggiori risultati? 😉

Guardatevi attorno, è facile trovare altri esempi: la fidanzata ansiosa pensa, dopo 5 minuti di ritardo, che il fidanzato “sarà con un’altra!” o che “ecco, non gliene importa nulla!”; un’altra ne approfitterà per farsi una chiacchierata con un’amica, magari sul telefonino, o per finire qualcosa che stava facendo. Poi magari scoprirà che… c’era semplicemente traffico 🙂 Questa persona renderà il rapporto leggero, divertente, pieno di sorrisi; la prima, al contrario, pianterà il seme del dissidio, del dubbio, del rancore, del sospetto… e il rapporto non potrà che declinare per davvero 😮
Certo, essere “influenzato”, non significa essere completamente “determinato”: una persona “sportiva” potrà mettere le corna sia all’una che all’altra delle due sopra descritte, ma… almeno fino al momento della scoperta si sarà vissuti sereni, senza essere preda dell’ansia e del disfattismo 🙂
… e soprattutto senza avere il dubbio di essere stati artefici delle proprie corna! 😛

 

p.s.: e ora non iniziate a chiedermi “ma perché parli così? Forse qualcuna… ?” ahahah 😀 No, al momento sono felicemente single, ma il testo è assolutamente generale 🙂

Sissi e Julius sulle scaleNelle foto: Sissi che cerca di non far rientrare Julius in casa quando lui, al mio arrivo, si va a fare la sua passeggiata per le scale! 😀 Lei ad esempio ha seminato male: lo ha trattato male fin dall’inizio, e ora che lui è cresciuto… sono dolori! eheheh 😛 Non fatevi ingannare da queste foto: Julius non è tipetto da farsi mettere sotto! 😉

 

Pubblicità

0 pensieri su “Raccoglieremo ciò che piantiamo

  1. ..felice d trovare un altro cercatore…

    “chi cerca non desista dal cercare fino a quando non trova. Quando troverà rimarrà turbato. Una volta turbato resterà meravigliato. Regnerà sul Tutto”…vang di Tommaso

    "Mi piace"

  2. Ahhhhhhhhhhh ma è tutto un contagio!!!Dai che così non è siamo spiriti liberi e ogni giorno viviamo un pezzetto della nostra libertà…:))
    Dolce giorno caro Wolf un pò bagnato ma sempre bel giorno è!!!
    bacio**
    Anna.

    "Mi piace"

  3. E se Sissi lo stesse sempicemente aspettando?E volesse solo accoglierlo per fargli qualche dispetto tanto per giocare?Io un nuovo lavoro lo avevo trovato ero molto felice di potermi mettere in gioco sfidando i miei timori e devo dire che mi ero molto applicata studiando e prendendo appunti.Quindi dal tuo ragionamento avrei dovuto ottenere il posto ma dopo un mese non gli sono piu’ andata bene che colpa ne ho io?La mia mente era programmata per il successo forse il sapere che ero a tempo determinato ha fatto si che finissi prima?Sto iniziando a credere al destino che e’ gia’ scritto tutto!!!

    "Mi piace"

  4. Come si fa a commentarti. Trovi un portone spalancato su tali argomenti.
    Sai cosa trovo angosciante in alcune persone che davvero riescono a rovinarsi (ahimé rovinandola anche a chi gli è attorno) la vita da sole. Negatività, sfiducia, paura. Rioescono persino a credere che se qualcuno compie un gesto amico “ci sarà sotto qualcosa”. Mi spiace, io sono molto paziente e comprensiva ma ho imparato col tempo ad allontanarmi il piu’ velocemente possibile da siffatti individui, giacché c’è un alto livello di contagiosità nel loro comportamento.
    Sorrisoni, quindi, approfitto del sole che s’è fatto strada nella pioggia ed esco, dopo averti salutato.

    "Mi piace"

  5. x Sadhak: benvenuto sul mio blog, anzi dovrei dire benvenuto su Splinder! 😉 Il tuo blog si prefigge molto, spero che tu riesca nel tuo intento 😉
    A presto.

    x Anna: ahahah ma no, il pezzo di Coelho si riferisce proprio al fatto che le cose “brutte” contagiano, ed e’ per questo che dobbiamo riuscire a tenerle lontane il piu’ possibile 🙂
    E si’, piove a dirotto anche qua da ieri sera ormai 🙂 Ieri sono uscito tardi dall’ufficio e gia’ al momento di entrare in auto ero letteralmente da strizzare! 🙂

    "Mi piace"

  6. x yasmine: be’, “feliz” e’ una parola grossa! 😀 Ma… facciamo quel che si puo’! 😉

    x ocramasil: come scrivevo nel commento al pezzo di Coelho, la nostra predisposizione e’ senz’altro molto importante ma, sfortunatamente, non e’ tutto 🙂 La vita non e’ esattamente un sistema meritocratico: a volte i colpi del caso cadono pur essendo stati valorosi e accorti.
    Tuttavia… il nostro stato d’animo e i nostri pensieri giocano comunque un ruolo fondamentale almeno nell’arte di… risollevarsi.
    Ed e’ questo il mio augurio per te: di risollevarti il prima possibile, dopodiche’ sono certo che riuscirai a reimpiegarti prontamente 🙂

    "Mi piace"

  7. x flame: esatto, esatto, proprio cosi’. Non si tratta di essere pessimisti sulla natura umana, ma semplicemente di riconoscere che il circondarsi di negativita’ puo’ facilmente rendere negativi anche noi. Non si parla di allontanare una persona che attraversa un momento difficile, quello capita a tutti, ci mancherebbe, ma ci sono persone che si sono calate nel ruolo del “tempesta e’, tempesta sara’ e se non sara’ tempesta presto la tempesta arrivera’” 😀
    Altro che “sereno”! 😉

    x daphnee: grazie cara, stasera prometto di dargliela da parte tua 🙂
    Sorriso 🙂

    "Mi piace"

  8. Simpatico lo sceneggiato “Sissi e Julius”, a quando la prossima puntata? …E certo Julius adesso é grande e può difendersi, e la signora avrà poco da fare la spiritosa. Sì la negatività é contagiosa, ma anche un sorriso e l’allegria lo sono. Sono i nostri pensieri che influenzano la realtà…se abbiamo troppo spesso pensieri neri, presto una nuvola nera ci avvolgerà e non ci accadrà nulla di bello, perché la nuvola nera di pensieri crea una specie di barriera. In linea generale é vero che raccogliamo ciò che abbiamo seminato, in ogni campo della vita.
    Buona giornata e un bacione ai mici.

    "Mi piace"

  9. Caro Wolf,

    parole sacrosante!

    una buona giornata e… forse Sissi nn aveva pienamente intenzione di lasciarlo fuori altrimenti lo avrebbe facilmente ostacolato Julius (… mi sono spiegata no?)

    Lands

    "Mi piace"

  10. E’ come dire “è inutile fasciarsi la testa prima di essersela rotta”.
    Di certo sono più serene e allegre quelle persone che prendono la vita in maniera più ottimistica, di quelle che continuamente si fanno le ” p… mentali” o vedono intrighi e cospirazioni ovunque.
    Ma rientra sempre nel carattere e ognuno agisce di conseguenza.
    E prendiamola con più filosofia! ^__^

    "Mi piace"

  11. E’ certo che l’ansia non può che creare altra ansia… Ma per esperienza personale so quanto è difficile liberarsi da certe paure di cui la mente si è nutrita nel passato… paradossalmente finisci per affezzionartici!

    "Mi piace"

  12. x glicine: ciao cara 🙂 Sono naturalmente d’accordo con le tue parole, perfino quelle su Sissi e Julius eheheh
    Ovviamente il post metteva in risalto il… lato oscuro della forza della nostra mente, ma se lo fa è solo affinché venga scoperto anche il suo lato solare, che esiste ed è altrettanto forte.
    Anche perché la natura non fa distinzioni: per lei esistono solo pensieri e susseguenti azioni (e reazioni). Poi siamo noi ad esperirle come positive o negative.
    Certo… sempre in generale… e nella vita il caso ci mette sempre tante belle (in senso lato) eccezioni, non è vero? 🙂 Ma anche in questo caso… saranno sempre i nostri pensieri, guidando la nostra reazione agli eventi, a fare spesso la differenza.
    Ok, darò il bacione ai mici ;D

    "Mi piace"

  13. x Lands: ahahah forse hai ragione, ma… in effetti quella volta sono dovuto intervenire, altrimenti Julius sarebbe rimasto fuori per un pezzo! Almeno fino a quando Sissi non si addormentava 🙂
    … e guarda che non è la prima volta che le capita, eh! ;D

    "Mi piace"

  14. x Stella: è un processo in divenire: non importa quanto ci metti, importa che non ti fermi o torni indietro 🙂

    x l’utente anonimo: nessuno ha detto che sia facile 🙂 ed è vero che si può finire per affezionarcisi, nel senso che divengono un territorio per lo meno conosciuto, che non riserva sorpresa. Per quanto scomodo esso sia.
    Tuttavia le grandi conquiste si sono sempre ottenute con grandi fatiche ed anzi, il fatto di sapere che le cose stanno così, che si tratta quasi di un “trabocchetto” della nostra mente, dovrebbe aiutarci a rimetterci in carreggiata 🙂

    "Mi piace"

  15. x Fly: Sì, ma spesso il “carattere” è usato come scusa… Il temperamento è temperamento, certo, ma il fatto che sia immutabile, che non dipenda nemmeno in parte dai pensieri che sempre nutrono, in un modo o nell’altro, i nostri stati d’animo, bé… non lo credo 🙂

    x annaxs: ehilà! Ciao Anna! Ben tornata dunque! 😉

    x fiore: eheheh bé… speriamo nascano in entrambi i posti buoni frutti! 😉

    "Mi piace"

  16. Non so Wolf,
    per me questo è un tasto un po’ dolente.
    Non riesco mai a fidarmi del tutto,sai un po’ come l’uomo che ogni sera, rientrando a casa, picchia la moglie, tanto ha fatto sicuramente qualcosa di male!
    Di solito ci si azzecca!!!!!!
    Sorrido.
    Un bacio Red

    "Mi piace"

  17. ahahah è un proverbio cinese quello che citi 🙂
    Potersi lasciar andare completamente è probabilmente il punto culminante, più ricco e bello delle nostre storie. Ma certamente comporta dei rischi, a volte anche grossi, per cui c’è sempre una certa soglia da superare prima di abbassare il ponte levatoio.
    E questa soglia è diversa per ciascuno, e perfino per noi stessi in momenti diversi della nostra vita.
    Sorriso 🙂

    "Mi piace"

  18. E’ la lotta per l’energia descritta nella Profezia di celestino…certo noi possiamo spezzare questi “drammi..” come li chiama lui ,L’autore,e risolvere a nostro vantaggio…ma nella vita reale e senza pensarci tutto è più difficile

    "Mi piace"

  19. La mia filosofia di vita! Sarà per questo che difficilmente mi ammalo dei malanni di stagione? Quei malanni che danno fastidio ma in cui la gente si crogiola perchè gli permettono di starsene a casa al calduccio lontano dagli stress quotidiani. Penso che ogni malanno, fisico o mentale, arrivi perchè noi lo facciamo entrare, un po’ come Sissi e Julius, se lui entra è perchè ad un certo punto lei decide di farlo entrare 🙂 un po’ gode della sua compagnia “fastidiosa”, non si annoia, si tiene agile e in forma, allena la mente a nuove piccole angherie e quando le serve lo usa sicuramente come plaid per coccolarsi nelle giornate più fredde. Anch’io quando getto la spugna mi prendo un bel malanno e ne approfitto per riposare un po’ dalle mie fatiche.

    "Mi piace"

  20. Prima non avevo molto tempo…ora ti dico anche che non sempre gli atteggiamenti negativi ci contagiano…prendi la gelosia,chi ne è vittima non sarà mai geloso a sua volta anzi per paradosso tenderà a fidarsi oltre il limite…questo tipo di coercizione ti porta a non ripeterla ,soprattutto se quella di cui sei vittima è esagerata.
    E il vittimismo in genere mi imbestialisce se lo riconosco,perchè a volte ci lasciamo prendere dal malessere di una persona e ci accorgiamo poi dopo,che spesso è un atteggiamento abitudinario,costruito per poter entrare a forza nel cuore di chi ti sta accanto.
    sì anch’io malgrado sia una che non ha preconcetti,una che parte sempre con l’idea che chi mi sta davanti è sempre in buona fede ho imparato a riconoscere il vero male da quello costruito.
    E ho anche imparato che ponendosi davanti agli altri con fiducia e dandone qualche volta i frutti si raccolgono…qualche volta cadono dall’albero già marci.

    "Mi piace"

  21. penso che sia un male necessario essere influenzati, e non solo in senso fisico ahahah…se penso all’influenza di stagione dico che ci serve per rendere il nostro corpo attivo e combattivo e quando passa è proprio una vittoria, pensa: a livello cosciente noi non facciamo nulla, è il nostro corpo che lavora in automatico…
    ma è innegabile il valore della forza della mente: se solo siamo depressi ci impieghiamo più tempo a guarire…
    e così penso sia anche a livello comportamentale: il buon carattere ci aiuta a superare le difficoltà, ci si prende alla “leggera”, ci si ride sopra, ecc ecc… è comunque un continuo allenamento, e bisogna davvero raccogliere le avversità come una sfida…

    che simpatici i tuoi gatti!
    il mio è già pronto per domani notte: nero e col cappello a punta 🙂
    un bacione,
    giusy

    "Mi piace"

  22. la fidanzata ansiosa pensa, dopo 5 minuti di ritardo, che il fidanzato “sarà con un’altra!” o che “ecco, non gliene importa nulla!”

    Ahahah, oh dio, mi vergogno anche un pò a dirlo, ma mi capita spesso.
    Io mi fido ciecamente del mio uomo, ma credo sia insicurezza mia, più che nei suoi riguardi.

    "Mi piace"

  23. ah! io credevo che la parola chiave fosse “contagia”… ecco bisognerebbe stare alla larga da Coelho! ahahahah
    “Ogni momento della nostra realtà è direttamente influenzato da come noi riteniamo che una “realtà” debba essere.”
    certo, come si può negare?
    magari però la fidanzata ansiosa, in un’esperienza precedente, seminava bene pace e tranquillità per poi scoprire che la sua fiducia era mal riposta e adesso pensa male suo malgrado, perché le esperienze negative ci segnano e non tutti siamo filosofi meditabondi che riescono a non lasciarsi trasportare dalle emozioni…
    (e poi che vuol dire che almeno uno vive sereno prima di scoprire di essere stato tradito? quando lo scopri tutta quella serenità va totalmente in frantumi e l’astio verso te stesso e l’altro, non può che aumentare)
    Insomma, non sono d’accordo sul fatto che solo perché si è seminato bene poi si avrà un buon raccolto… l’esito dei raccolti è ‘influenzato’ da troppe variabili che prescindono da noi e dal nostro orticello…
    baci

    "Mi piace"

  24. Di questo tuo post non posso che dire che sottoscrivo ogni parola e, in qualche modo o parte, è anche simile al mio appena pubblicato … quindi mi fa tantissimo piacere leggerti! Un abbraccio e serena giornata 🙂
    Ele

    "Mi piace"

  25. Ed è proprio per questo motivo che molte persone pur avendo tutto si comportano come se non avessero nulla, ed altri pur avendo poco sono ricchi ed arricchiscono gli altri. La mente dell’uomo può rendere schiavi o liberi ed il cuore dà colore alla vita!
    Bacio

    "Mi piace"

  26. Posso dire che anche stavolta sono daccordo??

    Cerco di evitare la negatività (leggi persone negative) ma a volte non puoi fare a meno di stare in contatto con loro…

    E allora??

    Cornetto!!! Non alla crema ma Rosso;)) della serie aglie e fravaglie eccc

    eh eh

    buona serata

    dora**

    "Mi piace"

  27. Una predisposizione positiva e ottimistica porta certamente a risultati. Difficile invece che vengano raggiunti da una mente pervasa dal dubbio e dalla paura.
    Inutile aggiungere che concordo in pieno!

    "Mi piace"

  28. x tanax: quello che citi tu fu uno dei passi più interessanti che trovai nella profezia di Celestino. Quello per me non fu un libro cult, non diceva nulla di nuovo in fondo, si limitava a riprendere concetti già noti, ma… era (ed è) un ottimo ripasso per chi già si era imbattuto in queste tematiche e abbastanza interessante per far nascere la voglia di approfondire ad un lettore che magari per la prima volta vi si affaccia.
    Come al solito, naturalmente, vale poi “la pratica vale più della grammatica”. Va da sé 🙂

    x yasmine: mmm… notevole quel capo di abbigliamento ;D
    Buonanotte cara 🙂

    "Mi piace"

  29. x Aliseys: ahahah non preoccuparti: sei in ottima compagnia! 😉

    x Anna: I nostri nonni, cara Anna, sapevano bene che sono proprio i primi freddi quelli più traditori 😉
    Va bene, io che invece paura del contagio non ce l’ho… l’abbraccio te lo do! eheheh

    x dalloway: infatti l’ho scritto anche io che non è sinonimo di certezza 😉 Però, quanto meno, se avremo seminato bene, soprattutto in noi stessi, anche quando non riusciremo a parare i colpi del caso… sarà comunque più facile rialzarsi.
    Penso sia innegabile 🙂

    x Ele: grazie Ele 🙂 Sì, conoscendoti ci avrei scommesso che ti ci saresti ritrovata 😉

    "Mi piace"

  30. x Monica: brava Monia… penso sia proprio così, sia per noi che… per Sissi e Julius 🙂 Anche se ogni tanto, a dire il vero, devo intervenire, altrimenti Julius resterebbe fuori per un pezzo! eheheh
    Dubito solo sul fatto che “ogni” malanno arrivi perché lo facciamo entrare, forse questo no. Inoltre è rischioso pensarlo: si rischia di caricarsi di sensi di colpa quando ci si ammala. E sarebbe davvero il colmo 😉
    Ma… in ogni caso il nostro atteggiamento mentale, come minimo aiuta. E molto 🙂

    x glicine: grazie Gio! 🙂 Un abbraccio! 😉
    P.S.: leggi il commento qua sotto, quello a Fiore ;)))

    x Fiore: ahahah guarda un po’ l’avatar di chi ha commentato subito prima di te! ;D E siete entrambi artisti! Chissà che non ci sia qualche… legame sconosciuto! 😉

    "Mi piace"

  31. x tanax: sono d’accordo anche con questo tuo secondo intervento. In effetti anche io provo un certo fastidio quando sento che l’atteggiamento di chi ho di fronte è un atteggiamento costruito, un vittimismo di fondo. Niente a che vedere con chi invece è in difficoltà veramente, anche se forse già da molti anni.

    x Giusy: ahahah deve essere davvero simpatico il tuo gatto 😉
    L’impatto dei nostri pensieri sul corpo non è ormai più un segreto. Certo, forse non si arriva ai miracoli, ma la nostra disposizione positiva nei confronti della malattia contribuirà alla cura 🙂
    Bacione anche a te :*

    "Mi piace"

  32. x daisy: grazie a nome dei gatti (che ora dormono ;)). Ottimo il tuo stringatissimo riassunto dell’argomento 🙂
    Io uso sempre troppe parole! eheheh

    x sorgente: esatto cara, il tuo intervento sembra fare da perfetto corollario a quello precedente, di daisy4love. Vi siete messe d’accordo, vero? eheheh
    Bacio :*

    "Mi piace"

  33. x ilmiomaestro: sono d’accordo, il commento di tanax era assolutamente attinente (e approfondente) al tema trattato 😉
    Salutone! 🙂

    x Dora: “aglie e fravaglie”? Mi serve un dizionario! ahahah 😀

    x Anna: ahahah riciao Anna! E… buonanotte ;D

    x Angelo: la natura ritrova sempre il suo equilibrio se noi non ci intromettiamo.
    Ma pare che questa nostra capacità sia innata! ahahah

    "Mi piace"

  34. x anne: … e io concordo con il tuo commento 😉 Altrettanto in pieno 🙂

    x Giada: ma non è gentilezza, mi fa sempre piacere quando riesco a visitare i blog amici 🙂 Se solo avessi un pochetto più di tempo! :/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...