Il potere della scelta

bivioMettere impegno nella decisione
di Paolo Coelho

Carlos Castañeda dice: “Il grande potere dell’essere umano sta nella sua capacità di prendere decisioni.” Ogni decisione che prendiamo ci permette di modificare il futuro e il passato.
Scegliere, però, significa impegnarsi. Quando si compie una scelta, ci si deve ricordare che il cammino da percorrere sarà molto diverso da quello immaginato. Scegliere significa dire: “Bene, io so dove voglio arrivare.” Da quel momento in poi, bisogna prestare attenzione al mondo, perché una decisione scatena una serie di eventi inaspettati.
Impegnati con la tua decisione, sia essa nel campo affettivo, professionale o spirituale. Tutto ciò di cui la tua decisione ha bisogno è la tua volontà di andare avanti. Del resto, essa stessa ti prenderà per mano e ti mostrerà il cammino migliore.



Commento di Wolfghost: Abbiamo parlato dell’importanza di scegliere un buon obiettivo, esso deve essere raggiungibile, non deve creare danni a se’ stessi o ad altri (persone care soprattutto), deve essere “importante”, stimolante. Abbiamo detto che poi occorre determinazione per raggiungerlo, o almeno per provare seriamente a farlo. Ma… manca ancora l’anello di congiunzione, quello che, se la scelta dell’obiettivo e’ la meta e la determinazione e’ la benzina, potrebbe definirsi come la chiave del motorino d’avviamento. Perche’ quello e’ spesso il momento in cui ci perdiamo. La differenza tra i classici “buoni propositi” e il successo (o almeno l’avventura per raggiungerlo), sta proprio qua: partire per davvero.

Bisogna prendere l’abitudine a perseguire l’obiettivo scelto, a tenere fede alla decisione presa.
Possiamo pensarci quanto vogliamo, sceglierlo con cura, ma quando alla fine prendiamo la nostra decisione, abbiamo preso un impegno con noi stessi e la vita. E’ di fondamentale importanza non sgarrare, altrimenti cadremo in un circolo vizioso senza fine fatto di “buoni propositi”… e sappiamo tutti come essi vanno a finire, non e’ vero?

riunioneChe la nostra vita sia un buon governo, con le camere che si ritirano per compiere la loro scelta, con una legge nella quale quella decisione viene trasformata, con un controllo perfino severo perche’ quella legge venga seguita.
Poi un giorno, se proprio si rivelera’ un errore, il nostro parlamento potra’ tornare a riunirsi e decidere di porvi fine, ma fino ad allora ogni reticenza per pigrizia o timore, non dovra’ piu’ esistere.

Vi sembra troppo rigido? Messa cosi’ forse, ma seppure senza bisogno di uno “schema figurato” di questo tipo, e’ cosi’ che si muove chi “vince”: esso sa che nel momento in cui prende una decisione, deve muoversi affinche’ quella decisione venga davvero perseguita. Anzi, non ha nemmeno bisogno di pensarci: lo fa e basta. Ma chi non e’ abituato, ha spesso bisogno di “regole figurate” per riuscire a partire.

Poche cose hanno piu’ potere sulla nostra mente, sulle nostre convinzioni, sulla fiducia che nutriamo sui nostri mezzi, sulla nostra autostima, che il notare che diamo seguito alle nostre decisioni. E’ un processo che si autorafforza, dandoci ancora piu’ spinta a prendere altre decisioni che saranno frenate da inerzie e timori sempre meno forti, sempre piu’ facili da superare.

Il successo, di qualunque campo si stia parlando, e’ fatto di abitudine a seguire le decisioni prese.

… perche’ non creare un vero e proprio “quaderno delle decisioni”? Un quaderno dove cio’ che viene scritto verra’ inderogabilmente seguito, inderogabilmente! Ma, dobbiamo essere coscienti che se decideremo di usarlo, sara’ un’autentica sfida a noi stessi: dovremo pensarci bene prima di scrivere su di esso una intenzione, perche’ poi… indietro non si deve tornare 😉

Chi vuol provare? 🙂  Un consiglio: iniziate con qualcosa di semplice, di facilmente raggiungibile, e poi, via via, crescete in “importanza della decisione”. Questo perche’ “il successo genera il successo”: e’ un modo per accrescere la fiducia nella vostra capacita’ di tenere fede alle decisioni prese, preparandovi alle sfide piu’ importanti 😉
Rendetevi forti nella vostra autostima, prima di affrontare le onde piu’ alte.

block notes

 

0 pensieri su “Il potere della scelta

  1. La cosa più difficile è definire un cammino per noi stessi. Chi non compie alcuna scelta, agli occhi del Signore muore, anche se continua a respirare e a camminare per le strade. Perché l’uomo deve scegliere. In questo sta la sua forza: il potere delle sue decisioni…

    "Mi piace"

  2. Brava Yasmine, concordo. E non c’e’ nemmeno bisogno di scomodare il Signore: che “lasciarsi vivere” per inerzia o paura sia un peccato, uno spreco dell’unica (forse) vita che abbiamo, dovrebbe essere palese a tutti.

    "Mi piace"

  3. “il successo genera il successo”… nulla di piu’ condivisibile! TI SOTTOSCRIVO IN PIENO… Ogni successo è una conferma, ciascuna conferma un piccolo tassello concorrente a formare il “puzzle della nostra AUTOSTIMA”… Tanti piccoli passi allargano i nostri orizzonti, alla fine quello che ritenevamo essere un limite potrebbe trasformarsi nella conquista di qualcosa di acquisito…
    Si Wolf, concordo: “il successo genera successo”.
    Certo, possono esserci piccoli passi indietro, magari dovuti a contrattempi o disguidi, importante è pero’ VARCARE OGNI VOLTA il nuovo limite con cui ci si trova a confrontarsi per avere una nuova “zona di frontiera”.

    "Mi piace"

  4. x Legolas: “il successo genera il successo” (… “e l’insuccesso genera insuccesso” era la frase completa) non è mia, è di Anthony Robbins, solo che la uso così spesso che alla fine metto solo le virgolette per far capire che è una citazione 🙂
    Sai, i passi indietro per contrattempi o disguidi non sono mai veri passi indietro. I veri passi indietro sono le sospensioni del cammino per pigrizia o paura, questi si che sono pericolosi…
    Ciao caro! 🙂

    "Mi piace"

  5. Carino il quaderno delle decisioni, potrebbe essere utile come allenamento, per piccole cose di ogni giorno.
    Ma gli obiettivi, i progetti cui teniamo veramente non hanno bisogno di quaderno, sono scritti in noi con inchiostro rosso.
    Serena notte.

    "Mi piace"

  6. Si, ma spesso non li seguiamo 🙂 Restano lì, classici sogni in un cassetto.
    Il quaderno delle decisioni serve proprio per dimostrare a se stessi che se prendiamo una decisione, se accettiamo di imbarcarci in un progetto… bé, allora si salpa davvero!
    Finché non sarà così, finché non avremo questa percezione di ineluttabilità, ci saranno sempre migliaia di scuse pronte per noi per decidere di rimandare un impegno. Forse rimandarlo per sempre.

    Serena notte a te, cara Sofia 🙂

    "Mi piace"

  7. io lo sto già facendo il “quaderno2.. può sembrare una cavolata.. invece ti aiuta parecchio..

    da fiducia in me = 0

    sono già arrivata a fiducia in me = 5

    che è quasi vicino alla sufficienza..

    Via, verso l’ infinito ed oltreeeeeee XD

    (scusa sono 36 ore che non dormo, ho bisogno di riposo 😉 )

    "Mi piace"

  8. Grazie davvero per la tua testimonianza 😉
    Anche testimonianze come queste sono importanti per chi magari è indeciso ma, leggendole, propenderà per il “ma sì… proviamo!!! Se ha funzionato per lei…” 😉

    "Mi piace"

  9. Giusto il finale…se non hai autostima come puoi reallizzare le cose prefisse?????
    Naaaaaaaaaaaaaaaaaa non ci credo che non ti piacevono le foto tutte saporite e colorate…
    ehehehheheheheh!!!!
    baciotti…
    AnnA..

    "Mi piace"

  10. Sì, sono d’accordo, come ti dicevo. Ma credo che gli obiettivi “forti” che sentiamo molto non abbiano bisogno di quaderni.
    Ma, ovviamente, parlo per come sono fatta io.
    Un bacio di buona giornata.

    "Mi piace"

  11. x AnnA: non ho detto che non mi piacciono, ho detto che le “immagini” che creavi te con le tue parole lo erano ancore di piu’ 😉
    Buon weekend anche a te! 🙂

    x Sofia: se li senti davvero, se gia’ ti “trasportano” appieno, certamente non hai bisogno di “quaderni”.
    Buona giornata anche a te! 😉

    x cenere: boh, guarda te! 🙂 La differenza e’ che questi sei te a scegliere se farli oppure no.
    🙂

    "Mi piace"

  12. ..ciao wolf…, la tecnica del quaderno la conoscevo sai? ci proverò ancora perchè quest’inverno…, nn ho mantenuto fede..a ciò che avevo scritto….!!!! giustamente tu dici…. “inderogabilmente!!!!!!!!”. la carica c’è….ma poi mi perdo….!!!!!!mi fermo…torno indietro…, nn c’è nulla di più sbagliato..ne sono cosciente!!!!!! grazie del post…caro e saggio wolf!!!!!!!:-))))))))))))))) un abbraccio al tuo buon cuore!!!!

    "Mi piace"

  13. Buongiorno Wolf,
    ma quanto mi piace questo post qua!!!
    E’ di una solarità e di una positività che mi trasmette davvero tanta gioia.
    Quello che frena a volte non è tanto la pigrizia quanto la paura dell’insuccesso o meglio la paura di quello che succederà.
    E conseguentemente se saremo in grado di gestire o meno la situazione.
    E’ anche vero, per esperienza personale, che alcune cose vanno come devono ma il nostro atteggiamento deve mantenersi positivo e propositivo.
    Un saluto.
    Giò

    "Mi piace"

  14. La vita , è piena di scelte , ma anche di paure , di dubbi …. che se non si affrontano , si ripresentano sempre …per molti , scegliere è difficile , vuol dire prendere decisioni che possono cambiare la tua vita , che , vuoi per abitudini , o per insicurezza molte volte non si affrontano e si mette la testa sotto la sabbia per non vedere … un abbraccio Rita

    "Mi piace"

  15. x simona: quella di scriversi gli obiettivi e’ una tecnica riconosciuta, e’ vero, ma… creare proprio un “quadernetto sacro”, che dia “ufficialita’” alle decisioni che si prendono, mi sembrava “qualcosa in piu'” 🙂
    Parti da cose facilmente raggiungibili, Simona. Di solito le tecniche motivazionali suggeriscono di scegliere anche obiettivi grandi, ma poi di “spaccarli” in passi, in “miniobiettivi” piu’ facili da raggiungere. Altrimenti c’e’ il rischio di percepire il tutto come un’impervia e ostica scalata ad una difficile montagna, con il risultato di… smontarsi da soli alle prime difficolta’ 🙂
    Abbraccio!

    "Mi piace"

  16. x Gio’: esatto Gio’! Per me e’ piu’ importante il tentativo, serio, determinato, fatto con tutto noi stessi, piuttosto che il risultato che verra’ ottenuto. Il tentativo e’ vita 🙂 o, come dicono gli orientali, “la strada e’ la ricompensa” 🙂
    Anthony Robbins suggerisce di chiedersi “Cosa fareste se sapeste di non poter fallire?”.

    "Mi piace"

  17. x Rita: … e potrebbe perfino essere peggio, Rita! Cio’ che ci ha dato la possibilita’ di scegliere potrebbe non ripresentarsi, potremmo rimanere per sempre sulla strada dell’inerzia, di una vita anonima, spenta. A questo dovrebbe pensare chi ha paura di tentare, perche’ la paura peggiore dovrebbe essere rivolta a cio’ che la paura stessa ci puo’ far perdere.
    Ricambio il tuo abbraccio 🙂

    "Mi piace"

  18. Ciao wolf,io invece approvo e ti ti ringrazio ,perchè è proprio grazie al tuo post che ho preso una decisione che rimandavo da tempo e che da troppo tempo avevo chiuso nel cassetto con tutto il quaderno ,era scritto lì nero su bianco ed era scritto nella mia mente ,ma niente rimandavo sempre ,è credo che ora non devo trovare più scusanti ,più scappatoie e prendere il toro x le corna o come si dice cacciar via i fantasmi del passato x non cadere più e trovarmi in quello che tu chiami il Principio della coazione ..(E’ stato molto interessante leggerti)..Mi hai dato l’input che mi serviva e non mi resta che dirti grazie grazie …………………ti farò sapere quale sarà il risvolto di questa mia decisione …….

    "Mi piace"

  19. Bene Tsjaaa! 🙂 C’e’ una legge esoterica che serve a distinguere un proposito per noi davvero importante da uno che e’ solo “un’idea del momento”: bisogna “lasciarla perdere”, e se ci torna in mente almeno altre due volte (tre e’ ovviamente un numero simbolico, per dire “piu’ volte”) allora e’ segno che dovremmo proprio provare a raggiungerlo. Certamente il tuo, che ha urlato perfino dal fondo del cassetto, e’ tra questi “propositi da seguire”.
    Se lo raggiungerai o meno non lo so, certamente se sarai determinata avrai buone possibilita’, ma comunque sara’ stato giusto tentare!
    Ricordatelo, in ogni caso: anche se un giorno dovessi tornare indietro, non sara’ mai un “tornare d’accapo”.

    "Mi piace"

  20. molto interessante questo post…
    sulle decisioni affettive posso solo dire che uno può perseguirle quanto vuole, ma si prendono in due e non in uno solo…

    le decisioni della vita, diciamo pratiche, sono altra cosa.
    qui davvero siamo noi stessi a dover fare qualcosa

    "Mi piace"

  21. x pallyna: Be’, sulle decisioni affettive non e’ sempre cosi’: una decisione “positiva” deve ovviamente avere l’avvallo di entrambi, e’ vero, ma per quelle negative… basta che non sia d’accordo uno solo! 😉
    Comunque se si affronta la questione con una “visione allargata”, le cose cambiano. Cosa voglio dire? mmm… Mettiamo che tu decida di volere una relazione sana. Questo e’ un obiettivo senz’altro positivo e puoi cercare di metterti nelle migliori condizioni possibili per ottenerlo. Queste “migliori condizioni possibili” potrebbero non includere la persona che al momento ti piace ma che magari non ti corrisponde o e’ proprio incompatibile.
    Di fatto limitare tale obiettivo alle sole persone che si conoscono al momento o addirittura ad una sola, potrebbe rendere l’obiettivo un “obiettivo cattivo”, “sbagliato”.
    Anche qua quindi vale la regola di “sognare in grande”: volere solo ed esclusivamente una determinata persona, e’ sognare in piccolo; volere una persona che davvero e’ adatta a noi e ci ricambi – perfino se ancora non la conosciamo – e’ un invece sognare in grande 🙂

    "Mi piace"

  22. x vany: grazie! Buon weekend anche a te!
    A proposito… devo innaffiare le piante dell’ufficio prima di uscire 🙂 Meno male che augurandomi buon weekend, me l’hai ricordato! 😉

    "Mi piace"

  23. “…. lentamente muore….. ” in fondo,anche chi non riesce mai a prendere una decisione… lo dico io che sono la quintessenza dei dubbi e un fabbricante di elucubrazioni mentali… puoi anche rimandare certe decisioni,ma alla fine presenteranno sempre il loro conto…. la storia di ogni uomo è fatta di decisioni,dalla più piccola a quella “decisiva” e come splendidamente tu sottolinei,la forza di un uomo sta si nella decisione stessa… ma forse ancor di più nel perseguirla.
    Buona vita

    "Mi piace"

  24. E’ un post che fa molto riflettere, Wolf. Perché è vero che scegliere un obiettivo e avere la determinazione di perseguirlo fino in fondo…bé è molto difficile e richiede volontà e coerenza e…….
    …Sai che ti dico? Domani mi compro un quaderno per annotarci i miei obiettivi!

    "Mi piace"

  25. “Le decisioni sono soltanto l’inizio di qualcosa. Quando si prende una decisione, in realtà si comincia a scivolare in una forte corrente che ti porta verso un luogo mai neppure sognato al momento di decidere.”

    Paulo Coelho

    … e con queste parole, non mie ovviamente, ti auguro una dolce notte.
    Le mie ci sono ora… se passi leggi cosa hai combinato con il tuo commento. Scherzo! Baci.

    "Mi piace"

  26. x yasmine: eh, è lunga quella scala, non è vero? 🙂 Ma non dobbiamo farcene scoraggiare! 😉
    Abbraccio ricambiato 🙂

    x messier: dipende. Più che deleterio è inutile per chi non ha bisogno, ovvero per chi è capace di mettersi in cammino senza esitazioni sulla strada della decisione che ha preso. Ma questo post, e relativo quaderno 🙂 , sono rivolti a chi invece questa capacità non la ha ancora ed ha perciò bisogno di qualche piccolo stratagemma 🙂

    "Mi piace"

  27. x cuoredaliante: prima di tutto benvenuto! 🙂
    Come dice il protagonista di una pubblicità che trovo simpatica e che va di moda adesso, “Esatto!!!” 😀

    Si, e quel conto può essere molto salato, perché, come ha scritto qualcuno nei commenti precedenti, a volte la vita ti ripresenta la stessa situazione e tu hai l’opportunità di imparare, decidere, rifarti; ma a volte si tratta del classico treno che non torna più.

    Entrambe le cose sono importanti, prendere la decisione, agire, e avere la determinazione di non arenarsi. Ma io credo che molto spesso la mancanza di determinazione non sia intrinseca, ma sia dovuta al fatto che l’obiettivo che abbiamo scelto, non è abbastanza “gustoso” da ispirare la nostra determinazione.
    Ecco perché credo che scegliere un giusto obiettivo sia davvero il passo più importante e determinante.
    Ho scritto un post sugli obiettivi solo pochi giorni fa, questo ne era un po’ la logica prosecuzione, se ti va, dacci un’occhiata! 😉

    p.s.: ma tu hai un blog! Che sorpresa! Da come scrivevi nel blog di quelcherestadime, credevo avessi solo il profilo! 🙂

    "Mi piace"

  28. x happysummer: ehi… ma è la tua stagione ormai! Auguriiii! 😀
    Brava, prendilo piccolo, così puoi portarlo dove vuoi e leggerti spesso i tuoi obiettivi 😉 Buona norma sarebbe leggerli prima di andare a dormire e appena svegli 🙂
    Momenti che, se aspetto ancora un po’ prima di andare a nanna, stasera coincideranno!! ;D

    "Mi piace"

  29. x amaryllisa: assolutamente no! Non basta! 🙂 Non basta scegliere i giusti obiettivi, prendere le decisioni più corrette, ed avere determinazione nel perseguirle. Dico sempre che la certezza, in questa vita, non ci è data. Ma… almeno così attingeremo al nostro massimo potenziale, ci metteremo nelle condizioni migliori per riuscire.
    E se poi non ce la faremo… bé, io credo che saremo comunque soddisfatti di sapere che almeno ce la siamo davvero giocata fino in fondo! 🙂
    Come dicono gli orientali, “Il viaggio è la ricompensa”.

    "Mi piace"

  30. x Dupont: uffff!! :)))) Il suggerimento del quaderno non è piaciuto a… direi un 30% di voi (la butto lì, non ho voglia di mettermi a fare una statistica adesso ;D).
    Come ad esempio ho risposto a messier (commenti #31 e 39): “Dipende. Più che deleterio è inutile per chi non ne ha bisogno, ovvero per chi è capace di mettersi in cammino senza esitazioni sulla strada della decisione che ha preso. Ma questo post, e relativo quaderno 🙂 , sono rivolti a chi invece questa capacità non la ha ancora ed ha perciò bisogno di qualche piccolo stratagemma :)”

    Buon fine settimana a te! 🙂

    "Mi piace"

  31. x Sofia: … e Coelho ha ragione, Sofia 🙂 Ma… deve essere una vera decisione, seguita dai fatti. Se invece è solo un “buon proposito” come quelli che si fanno a inizio anno…
    Ma Coelho si riferiva certamente ai primi 🙂 Ed e’ vero, una decisione reale, da una grande carica.

    Più tardi o domattina passo 🙂

    "Mi piace"

  32. x amabilepensiero: in realtà ne parlo sempre spesso, perché credo che sia un po’ il fulcro dei problemi di molti che si lamentano ma non fanno mai nulla di veramente concreto per cambiare le cose. Le nostre decisioni e i nostri obiettivi ci seguono tutta la vita, in un modo o nell’altro. Sono certo che dovremmo curarli di più 🙂
    “Solo” questo bolle in pentola al momento 😉

    "Mi piace"

  33. Spesso parliamo nei post di ciò che rincorriamo in un determinato periodo .. alle volte in modo un pò generico. Nulla di strano che si punti su un discorso in particolare perchè all’interno della nostra vita ci si ritrova spesso ad incontrarlo.

    Buona notte caro, vedo che come me stanotte si va per le lunghe 😀

    "Mi piace"

  34. Ma io lo dico spesso infatti, soprattutto a coloro che pensano che il mio si un blog un po’ troppo… accademico 🙂 In realtà cio’ che scrivo è frutto del mio interesse del momento, quasi mai l’oggetto del post è scelto “a tavolino”. Infatti ho una lista di argomenti che vorrei trattare molto lunga sul “notes” del cellulare, ma quasi sempre… restano lì 🙂
    Quindi ciò che dici è vero, ma… gli obiettivi hanno davvero una grande importanza lungo tutto il corso della nostra vita. Insomma… non è che non ci sia “qualcosa che bolle in pentola”, è che… quella pentola è sempre in ebollizione! 😀

    "Mi piace"

  35. Non credo che siano i successi a darci l’autostima, è qualcosa che appartiene alla spiritualità non certo alla materialità…..un insuccesso non deve,ne potrebbe mai compromettere la stima di noi stessi.Una scelta va a buon fine se una serie di circostanze, eventi, si verificano simultanamente…un Alchimia. I nostri Credo si rafforzano a prescindere dal buon fine, è importante che quello che si fa lo si faccia proprio come hai premesso tu wolf, dopo aver esaminato attentamente che il nostro fine non faccia male a nessuno.
    Voglio anche io citare il magico Coelho ……”Quando si và verso un obiettivo è molto importante prestare attenzione al cammino.
    E’ il cammino che ci insegna sempre la maniera migliore di arrivare, e ci arricchisce mentre lo percorriamo….un saluto

    "Mi piace"

  36. x amabilepensiero: insomma! Non ho dormito granché… è stata la classica lotta contro la classica zanzara… che ho vinto solo di prima mattina! 😀
    Buon fine settimana anche a te 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...