Un po’ di Wolf… i miei animali: gli scoiattoli giapponesi

Ho già parlato dei miei gatti, di Kit in particolare, ma tornerò sull’argomento con nuove foto dei miei gatti attuali: Sissi e Julius 🙂 A partire da questo post però voglio iniziare a parlare di tanto in tanto degli altri animali che hanno allietato la mia vita 😉 Chissà che un giorno non decida di fare lo stesso con le "mie donne"…  ahahah scherzo :-D!

Andiamo ad iniziare… Premetto che ci sono animali dei quali non parlerò, poiché la loro presenza è troppo antica nella mia memoria e poco ricordo di loro. C’è stato Nereo, l’unico cane, di lui ricordo solo quanto mi raccontava mia madre, ovvero che quando mi avvicinavo troppo alla finestra, mi veniva a tirare per i pantaloni per farmene allontanare  😉 e che ad un certo punto fu affidato ad una famiglia che viveva vicino alla casa in campagna nella quale andavamo in vacanza poiché i miei sostenevano che l’appartamento era troppo piccolo per lui. Ci sono stati pesci, rossi e non. Uccellini, me ne ricordo uno in particolare: era tutto nero ed a un certo punto finì nella boccia del pesce rosso. Il poverino si dibatteva per uscirne, ma io, che ero un bambino piccolo, non lo riconobbi, e andai a cercare mia madre per dirle che c’era un mostro nella vasca del pesce!!! 😮 Ovviamente quando mia madre arrivò, era troppo tardi, e lo sfortunato giaceva privo di vita sull’acqua 😦 Ci sono stati criceti ed una gallina perfino! 😛 E poi… altro, di cui parlerò in qualche prossimo post 🙂

TamiaMa parliamo dei Tamia, gli scoiattoli giapponesi 🙂 (le foto sono tratte da Internet, i siti di provenienza sono riportati sotto le foto nel catalogo Multimedia).
Tutto iniziò con Cip e Ciop (che fantasia, eh?) due scoiattoli che mio padre comprò (non alla fiera dell’est! O chissà… forse sì! :-P). Essi generarono altri scoiattoli, e così via. Alla fine ne avevamo 14 😀 Le gabbie via via diventavano sempre più grandi, l’ultima era enorme, pienamente popolata! ahahah
Il bello è che ogni scoiattolo aveva un nome che lo rispecchiava: c’era Zampetta, che aveva una malformazione che lo faceva zoppiccare, Briscola, Morsicone! ahahah Morsicone era simpaticissimo: lo scopo della sua vita era riuscire ad arrampicarsi e correre lungo le gambe, il corpo e le braccia del malcapitato per mordergli le dita! 😮 Che male e che sangue! 😀
Una volta mio padre perse le staffe (probabilmente Morsicone stava attaccando qualche altro scoiattolo), ficcò la mano con l’intero braccio nella gabbia, prese Morsicone e gli urlò "Vuoi mordere? E mordi allora! Mordi!!"… Secondo voi cosa fece Morsicone? 😉 ahahahahahah 😀
Dovete sapere che mio padre era proprietario di una delle uniche due scuole per parrucchieri di Genova e la nostra casa era divisa in due: appartamento e scuola, con vari saloni, il principale particolarmente grande. Nel fine settimana, la scuola era libera e noi figli, io ero il più piccolo, ci divertivamo a lasciare liberi gli scoiattoli che scorazzavano in lungo e in largo 🙂 A volte inventavamo giochi scemi, ad esempio costruivamo con dei libretti di favole (ne avevamo più di cento) un vero e proprio labirinto con due sole uscite e lo coprivamo con delle riviste. Poi lasciavamo a turno due scoiattoli da un lato e dall’altro del labirinto 😉 I due sparivano al suo interno, correndo come pazzi. Quando però si incontravano, anche se erano scoiattoli che fuori andavano d’accordo, evidentemente non si riconoscevano, perché se le suonavano tanto da far venire giù l’intero labirinto! 😀 Sì, forse eravamo un po’ crudeli, ma io ero piccolo piccolo eh! 🙂

I nativi dell’ultima cucciolata smisero di riprodursi o, se lo facevano, divoravano i piccoli appena nati 😦 Non so, forse perché erano la terza o quarta generazione proveniente da consaguinei, o forse perché istintivamente pensavano che lo spazio non fosse sufficiente e il cibo potesse iniziare a scarseggiare. Alla fine si estinsero letteralmente.

Chissà come Sissi e Julius accoglierebbero qualcuno di loro… mmm… no, eh? :_)

tamia

Annunci

0 pensieri su “Un po’ di Wolf… i miei animali: gli scoiattoli giapponesi

  1. che bello questo post Wolf.Adoro i post che ti permettono di conoscere un pò la vita delle persone che lo scrivono.Sin da bambini ho avuto piccoli animali. Prima passerotti che mio padre trovava ritornando dal lavoro caduti dal nido.Li portava a casa ed io li nutrivo cacciando per loro mosche ai vetri delle finestre. Poi gli insegnavo a volare ed in fine li liberavo. Non tutti riuscivano a vivere però. Uno mi è rimasto nel cuore,cominciava a cinguettare quando io scendevo dall’autobus, riusciva a sentirmi, io l’amavo e lui pure loso.Morì per una malattia…Poi ho avuto un pulcino,bellissimo,quelli che si compravano alle ferie o alle feste dei santi. L’ho cresciuto, ma puzzava un pò,si comportava come tutti ci cuccioli,affettuossamente. Mia madre quando divenne grande lo diede ad una signora che aveva un pollaio. Non voglio nemmeno pensare che fine abbia fatto, spero solo il gallo.Poi ho allevatro canarini ,ma crescendo ho sempre meno sopportato il fatto di vederli in gabbia, così li ho regalati ad un amatore, li avrei liberati ,se fossero stati capaci di vivere fuori.Ho avuto la fortuna di tenere per un giorno un riccio, trovato in giardino e poi liberato per paura che morisse. Oggi ho un gatto che adoro e due cani, mamma e figlia che convivono serenamente col micio.
    Un caro saluto e buona giornata
    🙂

    Mi piace

  2. x rigirandola: grazie cara 🙂 Sorrisone anche a te 🙂

    x belllissima: ahahah che entusiasmo! 😀 Grazie per il sorriso! 😉

    x Aliseys: eheheh esatto, li riconosco: facevano cosi’ anche loro! ;D

    x aphrodite: non ti preoccupare, anche io in questo periodo ho davvero poco tempo 😦 Capisco 🙂

    Mi piace

  3. x daphnee: si, di solito raggruppo le cose riguardanti il mio passato sotto la categoria “wolfghost” e con il titolo che inizia con “Un po’ di Wolf”, cosi’ tramite categorie o per argomento (tramite la colonna relativa alla sinistra del blog) e’ facile trovarli 🙂
    Anche te hai avuto via via un piccolo zoo, eh? 🙂 Col pulcino sei stata fortunata, mio padre prese una gallina, la allevo’ e poi… le tiro’ il collo, tra l’altro non essendo esperto penso l’abbia fatta soffrire davvero molto, povera bestia. Io non sarei mai in grado di fare una cosa del genere. Forse e’ anche per questo, per coerenza, che sono vegetariano.
    Che bello che i tuoi cani convivano pacificamente col gatto 🙂 I miei due gatti se le suonano sempre molto volentieri invece! 😀
    Buona giornata a te, carissima! 🙂

    Mi piace

  4. x Gio: ahahah sì, non mancherà un post su Sissi e Julius, tranquilla 🙂
    Curioso… sto scoprendo che diverse persone hanno cresciuto pulcini! 😀 Non l’avrei detto! 🙂
    Briciola… doveva essere carino e simpatico, vero? 🙂 Credo di aver avuto criceti anche io… ma in un passato talmente remoto da ricordarli solo vagamente 🙂

    x Giulia: eheheh non sei l’unica, a quanto pare 😉

    x Anna: ironico, io? 😀 Grazie cara, buonanotte a te 🙂

    Mi piace

  5. x Alessia: per i blog… mica tanto! Ho pochissimo tempo :((( A parte questo, tutto sereno… sperando che non sia la classica calma che precede la tempesta! 🙂

    x donnalupa: grazie cara 🙂 Buonanotte ricambiata… ehi, che bella immagine retro’ che hai scelto stasera 🙂

    Mi piace

  6. Che bello leggere questi racconti… E che meravigliosa scoperta è la natura, ogni volta…
    Cmq no, l’esperimento scoiattoli-gatti io lo eviterei, eh!
    Anch’io ho sempre avuto tanti animali, purtroppo da piccola facevo cose mostruose tipo collezione di ragni, caccia alle farfalle, sventramenti di lucertole…
    Uh, che vergogna, ma quando si è piccoli non ci si rende proprio conto! Adesso sconto tutte le mie malefatte, evitando di uccidere persino le zanzare e quando cammino sto ben attenta a non spiaccicare qualche formica!
    Avevo però anche un nutrito allevamento di chiocciole; una volta, una ha fatto i piccoli: erano tutti trasparenti ma già con la loro bella casetta!
    Insomma, ero un maschiaccio… Da grande poi mi sono trasformata in una tenera femminuccia ;-)))
    Bacione!
    *danj

    Mi piace

  7. x Nimiel: oh… mi ero perso questo tuo intervento! 😦 E si che cerco sempre di guardare la lista completa dei commenti…
    ahahah si, comunque corrono come dei pazzi 🙂 Infatti anche loro avevano le “ruote per correre”, un po’ come i criceti, hai presente? 🙂

    x danj: ahahah gia’, da piccoli si e’ spesso piuttosto crudeli, vero? 🙂 Anche se io non arrivavo certo a sventrare lucertole, povere! :}
    Chiocciole ne ho avuto anche io da bimbo, ma… non ricordo abbiano mai “figliato” 🙂

    Mi piace

  8. possedevo un tamia che il marzo scorso è venuto meno dopo tanti anni di compagnia…il mio Scricciolo è morto dopo 7 anni di ottima salute..aveva dei problemi ai polmoni, forse operchè il fumo che si creava in cucina quotidianamente ha indebolito la sua respirazione..mi è morto tra le mani, dopo aver sferrato un morso così forte da far colare sangue sui vestiti..mi manca..ma è la straordinaria vita, e nessuno può cambiarla..
    pianistdreamer

    Mi piace

  9. oh! Povero! Chissà cosa ha provato in quell’ultimo momento 😦
    La vita media dei tamia è molto varia, va dai 6 ai 12 anni, per cui 7 ci rientra, non penso che la colpa sia il fumo della cucina… Posso immaginare che ti manchi…
    Ah, benvenuta sul mio blog 🙂

    Mi piace

  10.    alcuni scoiattoli maski,come i criceti,dopo che la femmina ha partorito,uccidono i cuccioli per poi riprodursi subito con la femmina

    Mi piace

  11. Commento andato perso durante il trasferimento da Splinder e mia risposta:

    # Nimiel78 03 Dicembre 2008 – 13:25

    Da piccola li avevo anch’io, uguali! La cosa che rammento sono le loro corse folli su e giù per la gabbia…
    Uno stupore è stato vedere come in una metropoli come New York, nei grandi parchi ci siano davvero dei bellissimi scoiattoli che talora timidamente si avvicinano alle persone. 🙂

    # Wolfghost 05 Dicembre 2008 – 16:25

    oh… mi ero perso questo tuo intervento! 😦 E si che cerco sempre di guardare la lista completa dei commenti…
    ahahah si, comunque corrono come dei pazzi 🙂 Infatti anche loro avevano le “ruote per correre”, un po’ come i criceti, hai presente? 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...