Acquari e… carattere :-D

Aggiornamento: come da richiesta, ho aggiunto all’immagine i nomi dei pesci 😀

Bene, con l’introduzione dei pesci non da fondo, l’acquario può dirsi completato 🙂

In totale i suoi abitanti sono adesso 13 (14 con la lumachina, per i più superstiziosi :-D):

(immagini da Internet)

Ovviamente mi sono già tirato dietro l’ira di alcuni esperti che sostengono che l’acquario (90 litri) è troppo piccolo, soprattutto per gli scalari, ma non tutti la pensano così, anche in questo campo ci sono pareri molto discordanti…

Comunque il tema del post si riferisce al fatto che perfino questi piccoletti hanno ognuno la propria indole che differesce, a volte grandemente, perfino tra pesci della stessa identica specie.

Ad esempio, i Trichogaster (tipo quello in foto) sono pesci conosciuti per essere tranquilli e facilmente gestibili, ma uno dei nostri si è rivelato, almeno per ora, un “seccaballe” (definizione cara alla nonna 92enne di Lady Wolf :-D) al punto che a volte è lui a prendersela con i molto più temuti (di fama) Scalari, anche se a dire il vero la sua vittima preferita è l’altro Trichogaster che insegue e “becca” spesso e volentieri 😦

Al di là che spero che c’entri, almeno in parte, la fase di ambientamento (già ieri sembrava più tranquillo), questo mi fa pensare a come siamo portati a catalogare per indole e carattere persone e animali quando, perfino in creature cerebralmente molto più semplici di noi (credo :-D), è evidente che l’individualità rende difficilmente predicibile i comportamenti altrui…

Annunci

45 pensieri su “Acquari e… carattere :-D

  1. Eheh simpatica la nonna di Lady Wolf 🙂
    Ho letto qua e la su internet e sembra che i Trichogaster lottino con altri pesci più che altro per una ragione territoriale. Magari il tuo con qualche giorno nel nuovo ambiente si può adattare e starsene più tranquillo, ma se non lo facesse? Hai provato ad iscriverti ad un forum di acquariofilia? I negozianti che vendono pesci spesso danno dei consigli che di solito non coincidono con quelli di persone che coltivano da anni la tua stessa passione.
    Questo è un discorso che vale anche per le piante, quando le prendevo da negozi in cui neanche le innaffiavano e cercavo di aiutarle chiedendo consigli e informazioni a vivaisti e fiorai, non riuscivo mai a capire come potevo recuperarle, loro si preoccupavano più che altro
    di venderle, allora un bel giorno mi sono iscritta su un forum e finalmente i buoni consigli sono arrivati da persone competenti e le piantine hanno ringraziato a modo loro 😉

    Mi piace

    • Sì, certo, mi sono iscritto a un sito di acquariofilia, ma ho trovato poca flessibilità. Voglio dire che se si seguono tutti i parametri possibili e immaginabili… ci esce un singolo pesce in una vasca di 200 litri 😀 quando nella realtà delle cose ci sono acquari molto belli con molta più varianza all’interno. E poi… se devo essere sincero la “saccenza” di gente che non ti da nemmeno spiegazioni e ti fa cadere “ordini” dall’alto come fossero la bibbia mi da onestamente fastidio. Anche perché… sito che vai, pareri diversi che trovi. E perfino negli stessi siti a volte litigano tra di loro ed hanno idee anche molto diverse. Perfino su libri specializzati trovi idee diverse. E allora… ? 🙂 Si cerca di andare per buon senso, che è ciò che sto facendo. Se vedrò che i pesci iniziano davvero a patire, allora prenderò iniziative diverse.
      Comunque è senz’altro così: quel trichogaster è territoriale, così come lo è il “capo” dei tre scalari. Infatti, nel passare dei giorni, il tricho infastidisce meno l’altro tricho e… inizia a beccarsi – reciprocamente – con uno degli scalari 🙂 Ma non pensare a “botte da orbi”, eh! Si “beccano” ogni tanto.

      Mi piace

  2. A volte, Wolf, mi capita di fare il tuo ragionamento e di trasportarlo agli esseri umani… L’altro giorno, ad. es., la Protezione Civile ci ha fatto fare una prova di evacuazione dell’edificio: mentre stavo nell’are di sicurezza, guardavo quelli che via via arrivavano: tutti con due braccia, due gambe, una fronte, due occhi, in naso una bocca, tutti esseri umani, uguali ma tutti incredibilimente diversi, non ce n’erano due simili! E’ infinita la fantasia della Natura 😀 😀

    Mi piace

    • Assolutamente, cara Happy 🙂 Infatti ho preso l’esempio dei pesci per arrivare proprio agli altri animali… esseri umani inclusi 😉 L’importante infatti è ricordarsi che generalizzare è sempre pericoloso, tranne che per aspetti tangibilmente simili in tutti (ad esempio proprio il numero delle braccia, delle gambe… :-D).

      Mi piace

  3. Ahhh, ora si possono tranquillamente fare i complimenti a voi e gli auguri ai nuovi ospiti + i padroni di casa!
    “Che possiate godervi la vita insieme allegramente con “spontaneità”!
    Sono sicura che tutto andrà bene, i tre “moschettieri” finiranno presto la fase di “esplorazione”, si accetteranno, sirassegneranno, si rassereneranno e forse si vorranno anche bene. Per l’ultima fase sarà improbabile, ma non si sa mai!;-)
    … ma sono tutti bellissimi!!! 😀
    Vi abbraccio

    Mi piace

    • eheheh no, non succederà che si “vorranno bene” 😉 Anche tra gli animali, quando si crea dell’acredine, è poi difficile mandarla via. I nostri gatti maggiori, Sissi e Julius, avevano iniziato male il loro rapporto, forse perché Sissi aveva vissuto 5 anni come gatta unica, ma probabilmente è solo per indole, e comunque Julius, che con Numa invece sembrano fratello e sorella, non gliel’ha mai perdonata 😀 Niente di grave, eh: qualche soffio, qualche zampatina e nulla più. Ma… è comunque dimostrativo 🙂
      Un abbraccio! 🙂

      Mi piace

      • Beh, d’altra parte, avendo capito le idee degli altri conviventi, ci si comporta comunque adattandosi alle nuove situazioni, ma sempre con coerenza con sé stessi. Mai dimenticare chi siamo e chi siamo stati ;-). Mi sembra che questa sia la loro condotta 😀 !
        A proposito come stanno i nuovi arrivati?
        Ciao e un abbraccio

        Mi piace

      • Bé, noi moderiamo con la ragione le nostre antipatie… o almeno così dovrebbe essere 😀 Loro le esprimono liberamente 😀
        I nuovi arrivati stanno bene, direi! Sono tutti vispi, soprattutto quando si avvicina l’ora di cena 😀
        Devo ancora stabilire il modo migliore di manutenere l’acquario. Anche in questo cerco di usare un po’ di logica ed equilibrio, evitando eccessi da una parte e dall’altra.
        Vedremo 🙂

        Mi piace

  4. Anche io avevo un acquario bello grande fino a una decina di anni fa. Non avendolo più già da qualche anno, avrei voluto rimetterlo dopo l’ultimo trasloco ma gli spazi per noi non sono mai abbastanza (un trilocare in 5, ora in 6 ci va un po’ stretto). Gli scalare sono i miei pesci preferiti insieme al combattente (che però deve essere tenuto seperato).
    Il tuo post piacerà molto anche a mia figlia che ora si accontentata di 2 tartarughe.

    Mi piace

    • Già, non sembra ai neofiti, ma l’acquario può arrivare ad impegnare parecchio, a seconda delle dimensioni e della complessità. Il nostro non è certo grande, è un 90 litri, materiali inclusi, ma già ci rendiamo conto che non è una passeggiata, anche se sono certo che a regime l’esperienza ci aiuterà a non farci perdere più tempo del necessario 🙂
      Sì, gli scalari sono simpaticissimi, testardi e curiosi 😀 Ed è di nuovo vero: i pesci combattenti sono splendidi, ma… poi puoi aggiungerci davvero poco assieme 😐
      Oooh… lo sai che eravamo tentati di prendere le tartarughine d’acqua al posto dei pesci? Sono troppo carine con quelle “braccine” che nuotano 😛 Peccato che non possano convivere con i pesci… 😦

      Mi piace

    • eheheh sì, Lumi poi è stata la prima creaturina dell’acquario 🙂 Ricordo la sorpresa e l’emozione mia e di Lady Wolf quando l’abbiamo vista per la prima volta aggirarsi per l’acquario, a quei tempi ancora senza pesci 🙂
      Sorriso per te 🙂

      Mi piace

  5. Vero che a volte neanche gli esperti si trovano d’accordo fra loro ma meglio dei negozianti che sanno poco e niente degli animali che vendono 🙂
    Come giustamente hai detto un ruolo fondamentale lo gioca il buonsenso, osservando gli animali si imparano molte cose e ci si regola di conseguenza…e se non ci sono “botte da orbi” tanto meglio, io temevo incontri di wrestling nell’acquario 🙂

    Mi piace

    • Ma non è sempre così, non bisogna generalizzare. Non tutti gli esperti “da Internet” sono esperti, come non tutti i negozianti sanno poco di ciò che vendono.
      Il buonsenso a cui mi riferisco è quello di valutare i vari consigli che trovo, come detto spesso diversi – se non addirittura antitetici – tra di loro, e scegliere quelli più… equilibrati e logici 🙂
      ahahah qualche scena di wrestling… uhm, forse più da inseguimento stile guardie e ladri 😀 , c’è, ma mi pare che siano in calo e che si stia creando una sorta di equilibrio…

      Mi piace

  6. “Non tutti gli esperti “da Internet” sono esperti, come non tutti i negozianti sanno poco di ciò che vendono.” Anche questo è vero, avrò avuto io un po di sfortuna con i negozianti trovando buoni consigli per le piantine solo in un forum.
    Aspettando che la situazione da “guardie e ladri” si calmi, mando un salutino a Lumi 🙂

    Mi piace

    • Può darsi che tu sia stata semplicemente fortunata, o forse hai scelto tra i tanti consigli che si trovano su Internet quelli più sensati. Perché davvero: per ogni domanda che metti su Internet, trovi molteplici risposte diverse, e sta comunque a te poi scegliere 😉

      Mi piace

  7. Sono bellissimi, donano gioia. Il gatto ormai si è abituato, comunque è meglio tenerlo d’occhio di tanto in tanto. I pesci d’acquario sono delle vere opere d’arte e tu hai saputo fare una bella scelta.
    un saluto
    annamaria

    Mi piace

    • Bé, comunque la vasca è chiusa e fissata abbastanza saldamente; i gatti adesso sono molto meno insistenti, ma in ogni caso non credo che riuscirebbero a fare danni… tranne forse spaventarli un po’ 🙂
      Un salutone 🙂

      Mi piace

  8. Grazie per essere passato da me e avermi lasciato un bellissimo commento sul post degli auguri a mia figlia. Commento molto apprezzato per aver colto il lato più importante del carattere di Claudia.
    Intanto devo dirti grazie anche perché mi hai dato l’opportunità di venire a conoscere il tuo interessantissimo blog, verrò ancora a leggerti con immenso piacere. Auguri per una serena Pasqua Maria

    Mi piace

    • Figurati, è stato bello per me leggere di un bel rapporto tra madre e figlia 😉 Il blog l’avevo scoperto grazie a Maria Dulbecco, non ho però capito bene come funziona… sono blog condivisi, forse? 🙂

      Mi piace

  9. Bello l’acquario, non ne ho mai avuti e non conosco i pesci, quindi per me va bene tutto quello che dici 🙂
    Ciao e buona Pasqua a tutta la famiglia, pesciolini compresi 🙂 🙂

    Mi piace

  10. Ma perché spariscono sempre i miei commenti?
    Comunque dicevo che il tuo acquario è molto bello, io non ne ho mai avuti, quindi non conosco i pesci e devo credere a quello che dici 🙂
    Buona Pasqua a tutta la famiglia, pesciolini compresi 🙂 🙂

    Mi piace

    • In genere devi solo “rinfrescare” la pagina per vedere apparire il tuo commento, cara Dupont 🙂 Non so onestamente dirti il perché 😐 Un’altra possibilità è che, per errore, ti finisca nello spam, ma questo è in genere molto più raro…
      In realtà non devi credere a quanto scrivo io sull’argomento, in effetti questo è il mio primo acquario e sto facendo sì tutti i passi che vanno fatti, ma solo quelli indispensabili. Un acquariofilo incallito farebbe molto, molto di più. E trattandosi di salute degli animali in vasca, non mi sentirei di dargli torto. Naturalmente cambierò prontamente in corso d’opera nel caso veda che c’è qualcosa che inizia ad andare storto.
      Un esempio? Bé, l’acqua deve avere una determinata acidità, cosa difficile da azzeccare con l’acqua di rubinetto, seppure “trattata” (biocondizionata) e corretta. Bisogna allora aggiungerle dei correttori chimici di acidità, che saranno anche di estrazione da sostanze naturali (es. dalla quercia), ma sono comunque chimici, e aspettare lungamente prima dell’introduzione prima delle piante e poi dei pesci. Una volta introdotti i pesci, bisogna comunque fare di cambi d’acqua (la percentuale di acqua cambiata dipende anche dalla frequenza dei cambi, io preferisco cambi molto frequenti di poca acqua, così da evitare sbalzi a piante e pesci) e l’acqua “entrante” va’ di nuovo condizionata (anche in termini di temperatura, per evitare shock ai pesci). In ogni caso, se l’acqua a disposizione ha un’acidità diversa da quella nella vasca, e sarà così quasi sicuramente, alla lunga sarà necessario correggere di nuovo l’acidità della vasca. Io uso il correttore chimico, ma gli acquariofili evitano, usando una miscela di acqua di osmosi che abbassa naturalmente il ph dell’acqua di rubinetto. Questa a sua volta richiede in genere un’aggiunta di sali minerali poiché nel processo di osmosi essi vengono eliminati e ciò non è bene per i pesci.
      Scusa la lunga spiegazione, l’importante è che ad intuito ti sia chiaro che il secondo processo è molto più oneroso, devi avere un impiantino per l’osmosi dell’acqua o andarla a comprare, e si parla di diversi litri per volta. Però… è più sicuro per i pesci perché non introduce sostanze chimiche (anche se secondo i produttori queste non sono pericolose, va da sé).
      Sebbene per un piccolo acquario casalingo possa sembrare eccessivo, è chiaro che bisognerebbe sempre optare per il metodo più sicuro e salutare per i pesci… Ora, vediamo come va’, se mi rendo conto che qualcosa non va’, cercherò di farlo anche io…
      Grazie cara, buona Pasqua anche a te ed a tutti i tuoi cari 🙂

      Mi piace

  11. WOWWWWWW!!Ma sono meravigliosi!!Con Spic e Span avverto un certo feeling…hanno uno sguardo molto espressivo e io “sento” gli animali dagli occhi.Sai che quando hai scritto per la prima volta che avevi un acquario ,io una scenettina come le foto sotto dei tuoi gatti nella testa me l’ero postata! Non so se i pesci si rendono conto perfettamente ,nel senso che il loro universo è racchiuso in quel vetro e forse ( e sottolineo forse) fino a quando quell’invisibile muro non viene varcato magari non pensano di essere realmene in pericolo,cosa che è sostanzialmente vera se ci si riflette.
    Certo vedersi osservare come un “merendino” anche se si sa di non poter venir raggiunti piacevole non è,ma non sottovalutare la loro intelligenza:magari hanno già capito che ,nella vostra-loro situazione i gatti non possono fargli nulla.O,se puoi,al massimo,potresti mettere ,l’acquario in una posizione più”scomoda” per i tuoi mici.Molto bello anche quello giallo chiaro!
    In effetti,riguardo alla collaborazione di Cosetto,devo ammettere che,mi ha sempre dato tanta di quella forza lui,con la sua sola presenza,che quattro persone che mi aiutano ad imballare (che se,però ci fossero….mica tanto male sarebbe…hihihi..).
    Ciao a te e al tuo oceano-mare

    Mi piace

    • Sai che dipende dal tipo di pesce? 🙂 I due Trichogaster, Wendy e Jack, scappano quando vedono il gatto dare una zampata al vetro. I tre scalari, al contrario, restano impassibili, anzi sembrano guardare incuriositi 😛
      L’acquario penso che resterà lì, spostarlo adesso sarebbe davvero oneroso, vorrebbe dire svuotare quasi completamente l’acquario in apposite tanche, spostare – non senza difficoltà – l’acquario, e poi riempirlo di nuovo con molta attenzione. E quando l’abbiamo fatto per il nuovo trasloco, ancora non c’erano i pesci dentro! 😉
      Un caro saluto a te ed al tuo affettuosissimo Cosetto! 😛

      Mi piace

  12. […] Giustino era arrivato nel marzo del 2013 assieme a due altri piccoli scalari, Leone e Marilù, quest’ultima morta dopo pochi mesi. E’ stato uno dei primi abitanti del nostro acquario, assieme a altri pesci alcuni dei quali ancora vivi: 4 Corydoras e 2 Trichogaster. Qui trovate il post augurale che feci all’epoca: Acquari e… carattere😀 […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...