Ispirazione

"Quando sei ispirato da alcuni grandi propositi, da qualche progetto straordinario, tutti i tuoi pensieri rompono le loro catene. La tua mente trascende le limitazioni, la tua consapevolezza si espande in ogni direzione, e scopri te stesso in un nuovo, grande e magnifico mondo. Forze sopite, facolta’ e talenti prendono vita, e scopri te stesso essere una persona di gran lunga piu’ grande di quanto tu abbia mai sognato essere." – Patanjali, Filosofo indiano – Yoga-Sutras

corpiChi non ha mai provato, almeno una volta nel corso della sua vita, l’esaltante stato d’animo descritto da Patanjali? Solitamente e’ stato un evento, un incontro, qualcosa che si e’ parato fortuitamente sul nostro cammino a donarcelo. O almeno cosi’ pensiamo. Di solito ci danniamo per qualcosa che non abbiamo o che che abbiamo perso. Qualcosa che abbiamo desiderato cosi’ tanto da pensare che senza di esso la nostra vita non e’, o non sarebbe piu’ stata, degna di essere vissuta.

Eppure, se ci riflettiamo, la magia accade nella nostra mente. E’ la nostra mente. Perfino quando quel qualcosa che funge da ispirazione non e’ attorno a noi, o non e’ stata raggiunta, la nostra mente la ricrea dentro di noi; puo’ essere immagine, suono, sensazione… Il gatto e la lunapuo’ essere qualcosa che non si riesce a definire, ma quel qualcosa e’ come se fosse sempre li’, presente, a spronarci. Siamo noi, nel momento in cui abbiamo deciso di farci coinvolgere da quel sogno, da quella musa ispiratrice, chiunque o qualunque cosa essa fosse, che abbiamo acceso la forza incontenibile della ispirazione. Noi in quel momento abbiamo visto qualcosa che di solito non notiamo e raccogliamo. Noi non ne siamo di solito coscienti, ma il nostro stato d’animo, la nostra determinazione, la nostra voglia di sognare, il coraggio di affrontare le nostre paure, lo spirito di reazione nelle avversita’ e nel rompere gli schemi negativi che ci affliggono, contribuiscono enormemente al fatto che quel qualcosa di straordinario avvenga.

Ogni sogno che tramuta in realta’, parte sempre da noi e dalla nostra mente. Ogni ispirazione nasce Warming Up for the Nightprima di tutto dall’anima che la esperisce.

Coltivate i vostri sogni, lottate contro la vostra inerzia, i vostri blocchi, la paura di risultare forse ridicoli. Agite perche’ quei sogni possano divenire realta’. Forse non avverra’, e rimarranno solo bellissimi sogni, ma se non lo fate, la possibilita’ che si realizzino sara’ davvero minima.

Voi siete la vostra prima ispirazione…

"Aspettiamo tutti questi anni per trovare qualcuno che ci comprenda, pensai tra me, qualcuno che ci accetti come siamo, qualcuno con un potere magico che sappia trasformare le pietre in luce solare, che ci porti felicità nonostante le controversie, che possa far fronte ai nostri draghi notturni, che ci possa mutare nelle anime che scegliamo di essere.
Soltanto ieri ho scoperto che quel magico Qualcuno è la faccia che vediamo nello specchio: siamo noi, e le nostre maschere casalinghe.
Dopo tutti questi anni, c’incontriamo finalmente…
Pensate un po’."
Richard Bach, "Via dal Nido."

Annunci

0 pensieri su “Ispirazione

  1. Ripasso solo per salutarti e perchè in questo momento mi viene dal cuore di dirti (e non so il perchè razionalmente) che fortuna averti incontrato ^__^ perciò te lo dico 😉 un abbraccio e buona giornata :)))
    Elena

    Mi piace

  2. Be’, grazie Elena 🙂 Spero di meritare il tuo apprezzamento 🙂

    Ricambio il tuo abbraccio…

    Grazie anche a te Morgelyn. Se dici cosi’ vuol dire che tu non li esorcizzi, ne’ li fuggi… 🙂

    Mi piace

  3. Ma quanto è carino il gattino sovrastato dalla luna…me lo presti?

    Detto questo… leggendo le tue parole mi è venuta in mente questa frase:

    “Chi rinuncia ai propri sogni è destinato a morire”…non mi ricordo però da dove essa riecheggia dentro di me…

    Aggiungo un piccolo suggerimento: leggi il Delfino di Sergio Bambaren: è dedicato a tutti i sognatori…

    Landscape

    Mi piace

  4. x Pinky pinky: grazie 🙂 Buon Weekend anche a te 🙂

    x MyLandscape: eheheh il gattino assomiglia molto alla mia Sissi, ma non e’ lei… In quanto alla luna, be’… lei e’ di tutti e di nessuno.

    Bambaren e’ uno dei miei autori preferiti: leggero da leggere, ma con messaggi costruttivi… Il Delfino l’ho senz’altro letto…

    “Alcune cose saranno sempre più forti del tempo e della distanza, più profonde del linguaggio e delle abitudini: seguire i propri sogni e imparare a essere se stessi, condividendo con gli altri la magia di quella scoperta.” – Sergio Bambaren

    Mi piace

  5. Si dice che quando qualcosa ci da una bella sensazione, bisogna ancorare quel momento, quella frase, quella persona per poi poterla ricreare quando se ne ha bisogno… forse anche per l’ispirazione è così.
    I sogni… beh quelli fanno parte della mia vita reale.
    Ti lascio un pensiero:
    Tu puoi avere
    tutto ciò che vuoi,
    se lo vuoi
    con determinazione.
    Lo devi volere
    con un’ esuberanza
    che prorompe attraverso la pelle
    e si unisce all’ energia
    che ha creato il mondo..
    Sheila Graham
    … è il mio prox post, ma per te in anteprima… per ripagarti della caccia al tesoro cui ti sto costringendo… eh eh!

    Mi piace

  6. Si, la prima (ancorare le sensazioni positive per rimettersi a comanco nello stesso stato d’animo) è una pratica della Programmazione Neuro Linguistica. Sulla seconda (la passione, la determinazione), ti lascio un breve racconto di Coelho:

    IL DESIDERIO DEVE ESSERE FORTE
    di Paulo Coelho
    Lo yoga Ramakrishna illustra, con una parabola, qual è l’intensità del desiderio che dobbiamo avere.
    Il maestro condusse il discepolo vicino a un lago. “Oggi ti insegnerò che cosa significa la vera devozione”, disse. Chiese al discepolo di entrare insieme a lui nel lago e, tenendo la testa del ragazzo, la spinse sott’acqua. Passò il primo minuto. A metà del secondo minuto, il ragazzo cominciò a dimenarsi con tutte le sue forze per liberarsi dalla presa del maestro e poter tornare alla superficie. Alla fine del secondo minuto il maestro lo liberò. Il ragazzo, con il cuore che batteva all’impazzata, si rialzò, ansimante.
    “Volevate ammazzarmi!”, urlava. Il maestro aspettò che si calmasse: “Non desideravo ammazzarti – disse -, perché, se lo avessi desiderato, tu non saresti più qui. Volevo solo sapere che cosa hai sentito mentre stavi sott’acqua”.
    “Mi sono sentito morire! Tutto ciò che desideravo nella vita era poter respirare un po’ d’aria”.
    “È proprio così. La vera devozione si manifesta solo quando si ha un desiderio e si morirebbe se non si riuscisse a realizzarlo”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...