I pregi e i difetti che vediamo in noi stessi…

Da qualche giorno penso di pubblicare un nuovo post, visto che ormai latito da un po’ 😀 Il punto è che ogni volta è troppo tardi, sono troppo stanco o manco di concentrazione. Così, come sapete, a volte rispolvero un vecchio post oppure estraggo una frase da un libro e lo commento… pensando di fare prima 🙂 Peccato che di solito non è così 😉 Perché in entrambi i casi mi sento di aggiungere almeno un commento, nel primo caso di “confronto con il me stesso del passato”, nel secondo per aggiungere qualcosa di mio a qualcosa che mio non è, anche se certamente per il solo fatto di averlo scelto in fondo non è mai davvero così.

Così stasera mi stavo preparando a copiare la frase scelta dal libro, ma poi – non so come – mi è venuta l’ispirazione di un “gioco”, ovvero pensare a quelli che penso essere i miei tre pregi maggiori seguiti dai tre difetti principali e poi, prima di mostrarglieli, chiedere a Lady Wolf di dirmi quali sono secondo lei 😀 Ancora non l’ho fatto… ma sono certo che avrò delle sorprese 😀

Allora, per me, i mie tre pregi principali sono:

  1. sono un animalista convinto, perché rispetto la vita e la riconosco in tutte le sue forme, per cui non posso che vederla scorrere anche negli animali, così come in noi;
  2. ho una grande intelligenza logica, quella del famoso Q.I. per intenderci, e questo mi ha aiutato a impostare in modo logico e razionale la risoluzione di molti problemi. Ma… poi guardate anche il punto 2. dei “difetti” 😉 ;
  3. cerco di essere il più vicino e presente possibile a chi fa parte della mia vita, cosa che può sembrare scontata ma… basta vedersi attorno per scoprire che non è proprio così.

I tre difetti:

  1. sono piuttosto ipocondriaco, anzi sono certo che questo “piuttosto” sarà omesso da Lady Wolf! 😀
  2. non ho proprio una grande “intelligenza emotiva” che, nella vita, conta certamente più di quella logica. Al di là della risoluzione dei problemi pratici, è infatti come rispondiamo emotivamente agli eventi a fare la differenza e… bé, diciamo che in questo “pecco” spesso e volentieri 😉
  3. sono parecchio “orso”, sto bene con la mia famigliola, fatta di moglie e quattrozampe e non sento per nulla il bisogno di socializzare 😀 So che questo può sembrare, da un lato, anche un aspetto positivo, ma avere tanti amici sicuramente aiuta e da’ molto.

Bene, ora chiedo a Lady Wolf 😀 Speriamo bene! 😀

Pregi:

  1. l’onestà
  2. la coerenza
  3. la sensibilità

Difetti:

  1. l’indecisione, o meglio l’insicurezza
  2. l’ipocondria [eccolaaaaaa! N.D.R. :-D]
  3. la pigrizia intesa come “prenderla con troppa calma” 😀

Bene… come vedete, a parte quella che avevo indovinato 😀 sono tutte diverse!! 😀

Mi chiede Lady Wolf di fare lo stesso giochetto con lei; allora, mentre lei pensa ai suoi pregi e difetti, io vi scrivo quello che penso a proposito di questi 😀

Pregi:

  1. altruismo, che si manifesta anche con una grande sensibilità per la sofferenza altrui (animali inclusi);
  2. instancabile lavoratrice, sia in ufficio – in ogni lavoro che ha fatto -, che in casa, giardino o quel che è 🙂
  3. è “ciò che appare”, cioé è “immediata”, “non calcolatrice”, genuina.

Difetti:

  1. bé, è lunatica 😀 Ma quale donna non lo è??? 😀
  2. difficilmente torna sulle sue decisioni, quando esclude qualcosa o qualcuno dalla sua vita… non torna indietro (bé… d’altronde orso con orso ;-));
  3. è inflessibile, soprattutto con sé stessa; troppo senso del dovere, questa la porta a non riuscire quasi mai a rilassarsi (riguardando, guarda caso è proprio l’opposto di quello che per lei è il mio terzo difetto… sarà un caso? 😀 ).

Secondo Lady Wolf:

Pregi:

  1. onestà;
  2. sensibilità;
  3. amore per gli animali [bé, ci siamo trovati, no? 😉 ]

Difetti:

  1. troppo ansiosa, questo la porta ad essere anche pignola;
  2. nervosa;
  3. intollerante (con le persone :-D)

Direi che siamo più vicini su di lei che su di me, no? 😛

Saluti da Tom
Annunci

50 e non più 50 :-D

Vabbé, a 50 ci sono arrivato! 🙂

per uno che da ragazzo immaginava che sarebbe campato fino a 33 anni (che cadevano nell’anno 2000) è già un successo, no? 😀 Certo, considerando che mi è difficile ricordare un maschio della mia famiglia che sia andato oltre i 75, significa anche che – bene che vada – sono entrato ufficialmente nell’ultimo terzo della mia vita, nonché nel decennio (50 – 60) che da sempre ho “temuto” più degli altri 😛 Probabilmente ciò dipende dalla prima persona che ho visto andarsene: ero bambino, e mi portarono all’ospedale a trovare la mia madrina della comunione. Aveva la pelle gialla, mi dissero che l’avevano “aperta e richiusa”, come si soleva dire a quei tempi a significare che, durante un’operazione, i medici si erano resi conto che era inutile proseguire e avevano richiuso senza andare oltre. Non mi ricordo nemmeno come si chiamasse, solo che aveva poco più di 50 anni. Da allora ne ho visti e sentiti tanti, anche molto molto più giovani.

Quindi, al di là delle battute, davvero mi ritengo fortunato e ringrazio per questi 50 🙂 Poi… ogni cosa in più che viene è la benvenuta, eh!!! 🙂

Un saluto da Jones… se riesco a distrarlo da una delle sue trasmissioni preferite: Nasa’s unexplained files 😉

Season’s Greetings…

Dalla pubblicazione dell’ultimo mio post sono passati ben 14 giorni. Anche se ho fatto perfino di peggio – il record credo che sia di 24 – di questo passo rischio di andare nel 2016, quindi… bé, meglio che anticipo un po’di auguri, in particolare quelli di Natale 🙂

Voglio però anche ripercorrere questo 2015 che sta per lasciarci e tirare qualche conclusione. Per noi è stato un anno terribile, Lady Wolf, giustamente, non vede l’ora che passi. Io un po’ meno: nella mia tremenda consapevolezza dell’ineluttabile caducità della vita, so infatti che non è affatto certo che il 2016 sia migliore. In Agosto previdi che l’anno “scolastico” (cioé da settembre) 2015-2016 sarebbe stato per me un “anno horribilis”, e se il buongiorno si vede dal mattino…

Ma nel 2015 è pure arrivato anche qualcosa di buono, quindi… vediamo 🙂

Gennaio.

Lady Wolf decide di lasciare un lavoro che ormai è diventato per lei insostenibile. Starà senza lavoro quasi per tutto l’anno. Eppure c’è il rovescio positivo: in questo particolare anno il fatto che lei si trovasse libera è stata quasi una benedizione. E lo si capisce da subito. Sempre a gennaio, infatti, la sua amata nonna Olga, che per lei è stata come una madre, viene ricoverata in fin di vita. Vista l’età, 94 anni, sono un po’ tutti pessimisti. E invece si riprende e dopo un po’ torna a casa. Lady Wolf può starle vicina.

Marzo.

Marzo, ma proprio il suo primo giorno. E’ una serata serena. Siamo di ritorno da Merano, dove siamo stati in visita alla nonna di Lady Wolf. Non vediamo l’ora di essere a casa per passarci qualche ora nella nostra casetta ritrovando gli adorati gatti Sissi, Julius e Numa. Ma, appena parcheggiato, Tom si precipita giù dall’auto e per qualche motivo che non sapremo mai, si lancia in strada e viene investito. Il botto, il latrato lancinante. Lady Wolf che corre in strada e tira via il corpicino insanguinato di Tom… Per fortuna una clinica veterinaria nelle immediate vicinanze è aperta. Tom viene operato e si trova che una vena si era tranciata. Ha rischiato di morire dissanguato. Ma si è salvato. Qualche settimana e il piccolo guerriero torna in forma come se nulla fosse accaduto 🙂

Sempre a Marzo, muore Whity, la nostra deliziosa pesciolina bianchissima. Era solo un pesce, vero, ma ci aveva sorpreso. Era bellissima, cresciuta in fretta (non abbiamo mai avuto pesci che crescessero così velocemente… e pensare che era piccolissima al suo arrivo). Si era legata a Giustino, il pesce scalare “residente”, aveva perfino deposto le uova ma gli avanotti purtroppo non erano poi sopravvissuti. Un giorno perse misteriosamente una pinna. Poi, iniziò a gonfiarsi nell’addome e nel giro di pochi giorni morì 😦 In un acquario, purtroppo, capita relativamente spesso che qualche pesce “se ne vada”, ma a lei ci eravamo affezionati e la rapidità della sua scomparsa ci rattristò parecchio 😦

Luglio.

Poiché erano diversi mesi che non stavo bene, proprio il primo di Luglio ho dovuto fare delle visite approfondite. Non sono state semplici e sono state “condite” da una buona dose di preoccupazione. Per fortuna però il responso è stato buono, e questo è ciò che conta. In seguito però ho avuto problemi prolungati, ho faticato a rimettermi.

Sempre a Luglio, abbiamo fatto la conosenza della cagnolina Stella 🙂 Lady Wolf ha avuto l’idea di prendere un cane dal canile locale e portarlo con noi per qualche piacevole ora di libertà tra laghetti di montagna e passeggiate 🙂 Una cagnolina deliziosa, infatti dopo solo un paio di settimane abbiamo replicato 🙂

Era incomprensibile per noi il motivo per cui non fosse stata ancora adottata, per fortuna però a inizio Agosto Stella ha trovato casa e, dopo qualche incomprensione iniziale, ora è felice con la sua nuova famiglia 😉

Infine, a fine Luglio, ho migrato di nuovo il blog. Dopo Splinder e Logga, sono atterrato su WordPress. Ho perso qualcosa in termini di personalizzazione e lista degli argomenti, ma… va bene così, sono soddisfatto soprattutto dalla stabilità della nuova piattaforma. Purtroppo Adottauncucciolo è andato perso. Avrei potuto salvare anche quello, ma… dopo averne parlato con Lady Wolf, abbiamo deciso di lasciarlo solo su facebook, dove i contatti erano immensamente di più.

Agosto.

Un giorno decido al volo di andare a passare qualche ora in un’area picnic su un monte nelle vicinanze. Il tempo di scendere dall’auto ed arrivare nell’area, e intravvediamo un gatto rosso nella zona “barbecue”. Trovando la cosa strana per il posto, piuttosto isolato, mi avvicino, portando con me un po’ di stuzzichini per Tom. Il gatto apprezza e noi decidiamo che non possiamo lasciarlo lì. Dopo aver chiesto presso le poche case vicine, decidiamo di portarlo con noi. Visita dal veterinario per i test anti Felv e Fiv (due malattie pericolose e contagiose tra gatti) e poi… dritti a fargli conoscere i gatti “residenti” 🙂 Il nome che gli daremo sarà… Perseo 🙂 Ora è uno splendido gattone rosso che tanto ricorda Garfield 😉

Durante il mese di Agosto, non sapremo mai il giorno, muore improvvisamente mio fratello. Viene trovato in casa sua diversi giorni dopo, solo a fine mese. Oltre lo choc, inizia un periodo durissimo. Come parente più vicino, non forse come grado di parentela poiché c’è un terzo fratello ma come vicinanza di “contatto” e per distanza, devo occuparmi di tutto io. Il funerale, la pulizia della casa, la riconsegna delle chiavi ai proprietari della casa, la burocrazia infinita… Vi risparmio i dettagli, confusi tra scene alla Kafka ed altre alla Hitchcock…. Ma è stato un periodo terribile, nel quale la vicinanza di Lady Wolf è stata fondamentale: essendo senza lavoro, ha potuto occuparsi lei di tante cose. Senza, sarebbe stato davvero problematico.

Settembre.

Mentre siamo ancora impegnati con la tragedia di mio fratello, ci accorgiamo che il nostro adorato Julius sta male. Ma non immaginiamo quanto. Il veterinario si accorge che pelle e mucose sono gialle e gli esami del sangue sono impietosi: i globuli rossi sono già a livello incompatibile con la vita. Nonostante le cure continue di flebo e iniezioni, e un apparente miglioramento momentaneo, alla visita successiva i globuli rossi si sono ancora dimezzati. E’ chiaro che la cura lo sta tenendo su… ma è solo un palliativo. Passiamo circa due ore al giorno per un mese, curandolo nella speranza di un miracolo. Di nuovo, il fatto che Lady Wolf fosse a casa, è stato importante. Sapere che Julius non era da solo a casa nelle sue ultime settimane, è stato impagabile.

Ottobre.

Julius muore. Una mattina, vedendo che si riversava da un lato, decido che non ha più senso andare avanti e chiamo il veterinario per l’eutanasia. So che è stata la cosa giusta… ma è un peso che porterò con me per tutta la vita. Julius era il mio gatto preferito, in generale una delle creature più importanti della mia vita. Il dolore per la sua perdita è enorme. Due mesi dopo, e nonostante la nostra famiglia si sia ripopolata di altri due “bimbi pelosi”, Lady Wolf dice che sente la sua mancanza più oggi di quando è mancato.

Con lui se ne va un periodo storico nel quale i nostri quattro animalotti ci hanno accompagnato con affetto, senza lasciarci mai. Era troppo bello perché durasse, ma noi non ne avevamo la giusta consapevolezza. Se tornassimo indietro, apprezzeremmo quel periodo molto di più, ne sono certo…

Sempre a Ottobre, portiamo Tom dal veterinario per una massa sospetta su una zampa anteriore.

Il prelievo con l’ago aspirato è allarmante: potrebbe essere cancro. Tom andrà operato e si dovrà aspettare il risultato dell’esame istologico. Sembra che la sorte si stia accanendo contro di noi e i nostri animalotti…

Come vedremo però, stavolta le cose andranno diversamente.

Novembre.

A inizio Novembre arrivano Mr Jones e sua mamma Lara. Mr Jones è un tigratino delizioso, e lo è anche sua mamma ma… purtroppo lei si rivelerà troppo aggressiva con i nostri gatto residenti e sarò costretto a riportarla alla persona che ce l’aveva portata. Mi dispiace molto per lei, ma la situazione era davvero insostenibile.

Jones invece si lega tantissimo a Perseo, giocano in continuazione, si leccano a vicenda, si sono proprio scelti… è un piacere e un divertimento vederli assieme 🙂

Nell’ultima decade di Novembre, arriva Junior, il quinto gatto 🙂 Arriva da Roma, l’abbiamo scelto per la somiglianza con Julius che all’inizio riguarda solo il colore ma poi si vedrà anche nella sua affettuosità. Anche se… Julius è Julius, e non cerchiamo certo un “rimpiazzo”.

Junior ha passato molti dei suoi primi mesi in una gabbia, e quando arriva inizia a correre come un matto per la gioia 😀

Non trova un “compagno” come Perseo, ma comunque si integra nel gruppo e ora gioca con il “fratellino” Jones 🙂

E’ davvero un gatto affettuosissimo e siamo felici di averlo con noi, anche se… se proprio dobbiamo essere sinceri, cinque gatti iniziano ad essere… come dire… impegnativi 😀

Nello stesso periodo la notizia che tutti aspettavamo: quello asportato a Tom non era cancro! Tom può dirsi guarito e può tornare a correre, a sfidare i cagnoni molto più grandi di lui e… a far ancora parte della nostra famiglia 🙂

Tom è per Lady Wolf quel che Julius era per me… perdere anche lui, a così breve distanza da Julius, sarebbe stato un colpo tremendo.

Un’altra notizia del periodo è che Lady Wolf è tornata a lavorare 🙂 Sarà “solo” una sostituzione maternità, ma è importante perché in totale durerà un annetto e poi chissà… non è detto che la persona sostituita decida di riprendere a tempo pieno. In ogni caso è stato comunque importante interrompere il lungo digiuno lavorativo 😉

 

Cosa ci riserverà il 2016? Chi lo sa… Non chiediamo tanto, ci piacerebbe un semplice anno di serenità, dopo un anno così turbolento e per lunghi tratti triste e doloroso. Purtroppo, ogni anno di più, sappiamo che davvero del doman non v’è certezza: possiamo solo fare del nostro meglio, e sperare che la sorte ci arrida…

Sicuramente Buon Natale a tutti! 🙂 Chissà, può essere che ancora un post prima del 2016 ci scappi, altrimenti… che il 2016 sia un anno felice, o almeno sereno… già tanto sarebbe! 🙂

Caro fratello…

E’ appena passato un forte temporale, adesso c’è un bel sole in giardino, si sta bene. I gatti sono usciti a prendere un po’ d’aria, anche Sissi, l’unica di loro che ti ha conosciuto. Chissà se ti ricorda.

Non sapevo se scrivere di te qua sopra. Ma in fondo ho raccontato dei nostri nonni, dei nostri genitori. E sento che lo devo fare anche per te.

Ricordi di quanto eravamo uniti da bambini e ragazzi noi tre fratelli? Anche troppo. Io, che ero il più giovane, avrei voluto avere amici “esterni”, ma… bé, papà lo conoscevi, voleva il controllo su tutto… e tutti, naturalmente. Noi dovevamo essere oltre che tre fratelli anche tre amici. Ed era giusto, ma forse non lo era che fossimo gli unici.

Tra noi tre c’era il classico rapporto di amore-odio, avevi una personalità forte già allora, non era facile sopportarti. La mamma, se fosse qua, direbbe la stessa cosa che dice sempre nostra zia: lo stesso carattere di papà! E… bé non è proprio un complimento 🙂

Però eri il più intelligente. Sempre voti altissimi… una promessa e una speranza per papà. Forse troppo. Forse c’era troppo peso caricato sulle tue allora giovani spalle.

Non so quando ti sei perso. La tua vita è stata a modo suo… avventurosa. Da quando ti allontanasti per gli studi e poi per varie comunità dove non andò come, credo, speravi. Per poi isolarti da tutto e tutti.

Quando tornasti a casa dei nostri genitori non eri più quello di un tempo. Fu un disastro, sicuramente a causa dei dissidi con papà. Eri in casa ma era come se fossi ancora isolato. Tu e papà finiste per non parlarvi nemmeno più, pur essendo sotto lo stesso tetto. In fondo questo lo capisco, visto che altrimenti erano strepiti ed urla da entrambi i lati della “barricata”.

Apparentemente la sua morte non lasciò tracce, ma quella della mamma, pochi anni dopo, stravolse tutto.

Lei era il tuo sostegno, così come nel tempo della sua malattia cercasti di essere tu, a modo tuo, forse per scusarti per come erano andate le cose, forse perché sentivi che senza di lei non avresti potuto andare avanti.

Come era stato sperato dall’assistenza, iniziasti ad uscire dal tuo guscio: all’inizio la spesa te la portavo io, poi iniziasti a fartela da solo. E quando mi chiamavi, solo tu potevi farlo perché altrimenti il tuo cellulare era inesorabilmente spento, quasi sempre eri fuori casa. Un ottimo segno!

Ma a volte è come se le persone avessero delle sabbie mobili latenti dentro di loro. Nere sabbie mobili che a poco a poco ti ritrascinano con loro. E sei tornato a perderti, ammesso che ne fossi mai uscito veramente. Ci siamo visti sempre più raramente noi tre. Fino a quando non sentendoti più da tempo, ci siamo insospettiti.

Ho raccontato a Sissi che non ci sei più, pareva ascoltare attentamente… chissà se ha capito.

Quando io e Lady Wolf siamo tornati a casa, quella sera, la luce della cucina si è spenta da sola. “Si è bruciata la lampadina! Proprio ora!”, ho pensato. Ma poi ho premuto l’interruttore… e la lampadina si è accesa. Ho fatto diversi tentativi: quell’interruttore non è difettoso, come non lo è la lampadina: non è mai più successo. E’ come se qualcuno lo avesse premuto. Lady Wolf ha esclamato: “vedi? E’ un segno…”.

Spero che adesso tu, finalmente, abbia trovato la pace.

Ti saluta anche Sissi…

Nuova migrazione…

Bene, eccomi su WordPress. E’ stato un dispiacere muovermi da Logga.me ma… devo dire che apparentemente ho fatto appena in tempo: ormai quella piattaforma è indisponibile da giorni e se non avessi traslocato il blog… forse avrei perso tutto. Purtroppo è il rischio delle nuove piattaforme: anche se partono a mille, soprattutto con l’assistenza, poi non sai se dureranno e nemmeno sai se hai garanzie nel  caso succeda qualcosa: di fatto, a meno che Logga si riprenda, Adottauncucciolo è andato perso. E anche se, in fondo, ormai si appoggiava per il 95% su facebook, dove ha una pagina dedicata, mi spiace molto perdermi lo “storico” 😦

Le grandi piattaforme, come WordPress o come era una volta Splinder, hanno questo di bello: se decidono di chiudere o modificare il servizio, non puoi farci nulla, ma almeno ti danno il tempo di salvaguardare ciò che hai fatto, e non è affatto poco.

Ad ogni modo, devo ringraziare calorosamente Simone “Nobodyridesforfree” per il supporto che mi diede nella migrazione da Splinder a Logga,  era stato davvero determinante: se ero riuscito a salvare il mio blog all’epoca, e se sono riuscito a farlo oggi, visto che comunque Logga usava (o usa ancora, non so se e come stiano cercando di ripristinarlo) formati wordpress-based e quindi facilmente esportabile qui, è merito suo, e non lo dimentico.

Qui ho molto da lavorare: mancano diverse cose (come l’indice argomenti), altre sono da sistemare (come i colori del testi dei post… e ne ho più di 500! :-o), i link sono da cambiare o rimuovere e probabilmente lo stesso per diverse foto, ma posso dire che il blog è sopravvissuto! Poi, col tempo, finirò di sistemarlo.

Per il momento, un caro saluto a tutti e… se avete suggerimenti, non vedo l’ora di saperli 🙂

10 domandine… a Wolfghost :-D

No, non sono impazzito facendomi domande da solo (anche se a dire il vero di domande a me stesso ne pongo davvero tante :-D), questa è una mini intervista che mi ha fatto l’amica Happysummer  e che ho voluto riportare qua per non perderne traccia 🙂 Tra l’altro l’amica Happy è anche una delle più antiche conoscenze di blog che potete trovare qua sopra 🙂

Ecco l’intervisata, l’originale la trovate qua: 10 domandine a… Wolfghost

——————————

D: Oggi vanno per la maggiore i Social Network, cos’è che ti spinge a tenere un blog?

R: Questa è uno domanda alla quale oggi rispondo in modo diverso rispetto a qualche anno fa’.

Entrambi, blog e social network, hanno una loro funzione: i social network sono un po’ il fast food di Internet ma sono ottimi per divulgare prontamente informazioni, notizie, annunci (un esempio è Adotta un cucciolo, il nostro sito di adozioni animali, il cui blog è ormai semi-deserto ma la cui corrispondente pagina facebook ha oltre 5.000 “amici” che ricevono puntualmente ogni annuncio); il blog è più uno slow food, più difficile da mantenere, richiede più attenzione, ma potenzialmente da’ molta più possibilità di espressione.

Un tempo alla tua domanda avrei risposto che il blog mi dava più ampiezza, più possibilità di esprimermi. Oggi ti rispondo che… è sostanzialmente perché mi spiace chiuderlo, visto che “passa sopra” parecchi anni della mia vita. E comunque non andrei verso i social network, mi allontanerei e basta.

C’è un tempo per ogni cosa, e in questa fase della mia vita esprimermi sul web non è per me una priorità.

 

D: Se dovessi partire per un’isola deserta, quale libro porteresti con te?

R: In senso letterale, un libro che parlasse di come riconoscere le piante commestibili da quelle velenose 😀

Nel senso di qual è il libro è più importante per me, inevitabilmente la risposta sarebbe diversa a seconda delle fasi della mia vita. Forse oggi porterei “Il libro tibetano del vivere e del morire”, di Sogyal Rinpoche. Ma è una scelta difficile.

 

D: A cosa associ la parola mare?

R: A “casa mia”, la Liguria 🙂

 

D: E la parola cane?

R: A Tom, il nostro canetto 😉 L’unica esperienza di cani prima di lui è troppo antica per ricordarmene significativamente; poi sono stato solo “gattofilo”: è stato Tom a farmi scoprire il fantastico mondo dei cani 🙂 (ma non tolgo nulla a quello dei gatti, eh! ;-)).

 

D: Se fossi il Genio della lampada, quale desideri vorresti che realizzasse?

R: Darmi la risposta definitiva e sicura ad una delle domande fondamentali della vita: se qualcosa sopravvive o meno alla morte. Questa risposta, da sola, è in grado di cambiare la percezione della vita stessa. Sia che sia positiva sia che sia negativa.

 

D: Quale qualità indispensabile dovrebbe avere il tuo partner?

R: Lasciarmi dormire a lungo nel fine settimana! 😀 L’ho scritto apposta perché Lady Wolf è vicino a me 😀 Battute a parte, direi la complicità, intesa anche come empatia. Un partner può avere tutte le qualità di questo mondo, può essere bello, intelligente, capace… ma se non “ti sente” o tu non “senti lui” (o lei), è come avere un robot.

 

D: Quale personaggio (cantante, sportivo, scrittore, storico ecc.) ammiri di più?

R: Tutte le persone comuni che sono riuscite a sconfiggere una grave avversità, come una malattia.

 

D: E quale di meno?

R: Hitler e tutti i dittatori come lui (e sono stati e sono molti più di quel che normalmente crediamo). Tutti coloro che non “sentono” la vita, in sé stessi e, di riflesso, nel mondo che hanno attorno.

 

D: Quale spettacolo cancelleresti subito dai palinsesti televisivi?

R: Tutti i programmi della D’Urso 😀

 

D: Cosa di bello ci auguri per domani?

R: Di avere la capacità, la serenità e la forza di poterlo apprezzare, qualunque esso sia. Perché già vivere è regalo.

 

Image du Blog confinianima.centerblog.net

Bentornata, nonna Olga! :-)

Questo post è dedicato ad una persona speciale, la nonna 94enne di Lady Wolf che oggi è tornata a casa dopo essere finita in ospedale per una polmonite scambiata, per noncuranza del medico di famiglia, per una banale bronchite. Tutti abbiamo temuto per il peggio, ma lei ne è uscita fuori in maniera sorprendente 🙂 Un mio collega qualche anno fa’ espresse la sua idea che una persona, sorpassata una certa età, diventa una specie di “Highlander”, letteralmente “immortale”, ma inteso nel senso che può arrivare ad età sorprendenti. Mi sto accorgendo che aveva ragione 😉

Nonna Olga ha due sorelle, una di 90 e l’altra di 96 anni. Ovviamente ognuna ha i suoi acciacchi, curiosamente diversi da ciascuna delle altre, ma sono sempre lì a farmi pensare “Queste mi seppelliranno!” 😛

Dovete sapere che il mio carattere, parlando di attaccamento famigliare, ̬ molto simile a quello di mia madre, e parecchio distante da quello di mio padre. Mio padre amava le grandi tavolate famigliari, essere tutti assieme a pranzo e a cena Рquando il lavoro lo permetteva Рe ricevere e visitare parenti, avendo con loro rapporti assidui e stretti.

Mia madre…vi basti un anneddoto.

Anni fa’ saltò fuori un problema legato alla casa che fu’ dei suoi genitori, una piccola casetta in un paesino dei monti liguri vicina al confine con la Francia. Quando morì suo fratello, che lentamente stava cercando di sistemarla, la casetta fu’ definitivamente lasciata a sé stessa, per noi era troppo distante, agli altri parenti sembrava non interessare. Le chiesi se voleva che cercassi di contattare suo fratello che, a quanto ricordavo, viveva a Nizza. Lei rispose sbottando “Uh, era più vecchio di me! A quest’ora sarà già morto!”, e chiuse il discorso 😀 Per la cronaca la casa fu poi occupata, acquisita in usofrutto, demolita per far posto ad una villetta, poi venduta agli olandesi (moltissime case abbandonate sui monti liguri finiscono a tedeschi e soprattutto olandesi). La stessa fine aveva fatto il terreno, un uliveto: acquisito dal Comune e dato chissà a chi…

Anni fa arrivai a coniare il pensiero “Il mio albero genealogico ideale sono io e una nuvola vuota attorno!” 😀

Nel 2003 morì mio padre. Nel 2006 mia madre. I miei nonni li avevo persi molti anni prima. Molte cose avevo dimenticato, come l’essere in famiglia il giorno di Natale (per inciso, è anche il giorno del compleanno di Nonna Olga ;-)).

Poi arrivò Lady Wolf e dopo qualche mese conobbi la sua famiglia lato madre, purtroppo scomparsa prematuramente quando lei era ancora bambina. Nonna Olga mi conquistò subito, per la sua simpatia, per il suo modo di essere schietta e diretta. Per essere una persona che è passata attraversi tempi duri, dove non esistevano orari di lavoro, dove un’età minima per iniziare a sgobbare non c’era, che ha visto gli orrori della guerra, che ha perso il compagno dopo una lunghissima ed estenuante malattia, era sorprendente per me trovarla così serena e, a suo modo, moderna.

Certo, l’impostazione “di altri tempi”, inevitabilmente si vede. Non credo sia stato sempre facile per Lady Wolf andarci d’accordo in passato, d’altronde tra le due corrono poco meno di 60 anni. Ma anche quando sono distanti – viviamo a 440 chilometri di distanza – il loro attaccamento reciproco è evidente… e contagioso 🙂

Insomma, grazie a loro ho riscoperto alcuni valori della famiglia, come il piacere del Natale ad esempio, e non è poca cosa.

Vero, resto un “orso”, ma sono fatto così, che ci volete fare? 🙂

Comunque Nonna Olga stamattina è tornata a casa. E ne siamo tutti entusiasti e felici 🙂