Cosa vorresti fosse diverso nella tua vita?

L’amica Dupont (http://dupont651.wordpress.com/) ha assegnato un “premio” (anche) al mio blog. Ora, notoriamente a me non piacciono i “premi” sui blog, li trovo una perdita di tempo con l’unico merito di far conoscere qualche blog magari interessante. Però questo ha una formula interessante, o perlomeno che può essere resa interessante ponendo domande interessanti 😛 L’unica cosa che onestamente cambierei è il nome “premio”… magari “iniziativa”, che dite? 😀 In ogni caso la formula prevede, come di rito, di nominare il blogger che ha “premiato” e nominare a propria volta altri blog e blogger. Inoltre di solito viene chiesto qualcos’altro, che è poi la parte che può essere interessante. In questo caso si tratta di rispondere a 10 domande e farne 10 a propria volta (non le stesse, o almeno non necessariamente!).

Ecco… salto a piè pari tutto il resto e semplicemente porrò a chi legge dieci domande, dopo aver risposto a quelle che mi sono state poste (bé, almeno questo lo devo ;-)). Ci penserò un pò, in modo di non farvi domande scontate e che incuriosiscano per primo me stesso. Tuttavia, poiché saranno domande “pesanti”, almeno così io credo, ve le porrò una per volta dilazionandole nel tempo.

Intanto queste sono le mie risposte alle domande di Dupont.

——————

1 – C’è un blog che ti piace in modo particolare? (quale?)

Bé, questa non è una domanda che mi piace, perché di blog interessanti ne conosco molti e nominarne uno vorrebbe dire fare torto agli altri. In questo momento ho 84 blog che seguo (anni fa avevo superato i mille, ma era davvero troppo dispersivo); di questi, oltre il 40% li ritengo davvero interessanti. Ecco perché non mi sembra il caso di nominarne uno in particolare 🙂

2 – A cosa non rinunceresti per niente al mondo?

Alla mia famiglia. Lady Wolf, il fido Tom, il pacioccone e testardo Julius (non che Tom in quanto a testardaggine sia da meno), la simpaticissima e tenera Numa, la decana Sissi (Tom è un cane, gli altri tre sono gatti) e i pesci tutti 😀

3 – Hai un sogno nel cassetto, se sì, puoi dirmi quale?

Immagino che tu voglia intendere qualcosa di concreto da realizzare, altrimenti ti direi poter invecchiare con mia moglie (notoriamente sono un po’ pessimista sul fatto di arrivare alla vecchiaia :-P). Una casa vicino a boschi e mare con un lavoro che permetta sia a me che a Lady Wolf di vivere dignitosamente passando più tempo assieme, sia tra noi due che con i nostri adorati animaletti 🙂

4 – Dove sei nata/o?

In casa 🙂 Esattamente nella cucina (almeno così mi disse mia madre) dell’appartamento di un palazzo che da’ sulla piazza principale di Sestri Ponente, una delle più popolose delegazioni di Genova.

5 – In quale città abiti?

In un paesino sempre in provincia di Genova, distante davvero pochi chilometri.

6 – C’è un viaggio che desidereresti intensamente fare?

Immagino tu intenda viaggi di piacere… Non particolarmente. Avendo cane e gatti (e pesci), allontanarsi tanto o per tanti giorni non si può. Mi piacerebbe comunque riuscire a vedere i posti natali di mio papà (in Sicilia, dove non sono mai stato), e poi tanti altri viaggetti brevi, parchi dell’Abruzzo, tornare sulle colline toscane, o nei grandi laghi del nord… ad esempio Lady Wolf deve ancora vedere quello di Como 😉

7 – Cosa non perdoneresti mai ad un’amica/o?

Oh, bé… se un amico cercasse di mettermi i bastoni tra le ruote in famiglia… oltre che a smettere di essere mio amico rischierebbe qualcosa di più eheheh 😀

8 – Quando hai aperto il blog lo hai fatto per un motivo particolare?

Sì, venivo da anni di forum dove ero molto “gettonato” – ogni nuovo thread (lì i post si chiamano così) raccoglieva sempre centinaia di commenti – ma dove avevo avuto qualche “scontro” di troppo ed avevo anche un po’ esaurito l’originalità di argomenti e risposte, per cui cercavo uno spazio mio e che non fosse limitato alle parole.

9 – Hai mai dovuto bloccare qualcuno dei tuoi commentatori perché offensivo o volgare?

“Bloccare” no, rarissime volte ho cancellato qualche commento, mai il suo commentatore. Ma di solito non faccio nemmeno questo.

10 – Sei felice?

Ragionevolmente o, meglio, “compatibilmente” 🙂 Con cosa? Bé, col fatto di avere un lavoro tiranno (e vale sia per me che per Lady Wolf) che mi costringe a non poter stare in famiglia quanto vorrei.

——————

Ed ora ecco la prima delle mie dieci domande per chiunque voglia rispondere 🙂 Le prossime ve le porrò nel tempo inframmezzandole con gli altri post.

1. Cosa vorresti fosse diverso nella tua vita e cosa servirebbe affinché ciò avvenisse?

 

Annunci

55 pensieri su “Cosa vorresti fosse diverso nella tua vita?

  1. Bravo Wolf, ne hai tratto proprio un bel post, mi piace molto l’idea di porre delle domande agli amici che passeranno di qua. Ora provo anch’io a rispondere alla prima della serie, quando posterai le altre fammelo sapere, mi dispiacerebbe perderle

    Mi piace

  2. Mi dispiace non riesco a inviare tutto quello che ho scritto, come vedi ho provato tre volte e per tre volte sono rimaste solo tre righe. Non capisco il perché. Comunque ho salvato il commento e domani riprovo.
    Ciao

    Mi piace

    • Non lo so, in effetti è strano. Ho pensato che il problema fosse il solito, ovvero che non facevi il refresh della pagina per vedere gli ultimi commenti, cosa che qui è, ahimé, sempre necessaria, ma il fatto che restino solo tre righe di un commento più lungo è davvero strano… forse c’era qualche carattere speciale nel tuo testo…

      Mi piace

  3. … Hum! Devo confessarti che mi hai messo in crisi 😉 !
    Continuo a pensarci da quando ho letto il tuo post (alle due circa), malgrado tutto non cambierei nulla!
    Tutto il pacchetto e’ il risultato di un capitale iniziale, ora dico ottimo,e di conquiste, battaglie e bellissime esperienze… E non cancellerei nulla, anche se a sangue caldo non avrei esitato a barattarle con qualcos’altro :-)!
    Grazie per questa iniziativa e per questa prova di verifica!
    Buona settimana
    Un abbraccione!

    Mi piace

    • Bé, in realtà non parlo di cancellare qualcosa, casomai di… modificarla, in meglio 🙂 In fondo anche ciò che hai ottenuto è stato frutto di sacrifici, è qualcosa che un tempo avevi voluto per… cambiare qualcos’altro che avevi prima, vero? 🙂 Magri c’è ancora qualcosa che vuoi cambiare… 😉

      Mi piace

      • I did it my way… and I’m very happy for that!
        Mai scombussolare gli equilibri della vita.
        Anche perche’ non spetta a me cambiare il mondo, con molta difficolta’ riesco solo ad interpretare quanto mi e’ possibile percepire delle situazioni che attengono alle situazioni politiche che guidano il mondo. Ne soffro, ma qui non si parla di miracoli, vero?
        …così siamo a venerdi’
        Buon weekend, so che e’ stato non facile per tutti, ma che sia un weekend con molto relax e riposo gioioso con i tuoi cari :-)*

        Mi piace

      • Cambiare il mondo per noi comuni mortali è un’utopia, ma cambiare il nostro posto in esso è diverso… 😉
        Sì, è venerdì… ti dirò, sono molto stanco e un po’ acciaccato… eppure anche se parto sempre con le migliori intenzioni, non sempre nei weekend mi riesce di riposare lo stesso. Speriamo bene! 😀

        Mi piace

  4. Tu sai bene che io non sono più molto giovane, quindi devo dire che la mia vita ormai va bene così, una delle cose che mi piacerebbe veramente fare è viaggiare, viaggiare, viaggiare, ma anch’io come te ho due cani ed un gatto per cui sai che non è facile, potrei viaggiare da sola o con qualche amica o sorella, ma io vorrei farlo con mio marito, ma gli animali non possiamo certo portarli con noi, e allora o ci accontentiamo di girare un po’ qua e un po’ la con il camper (ma il gatto è terrorizzato da questo mezzo) o dovremmo proprio andare separati, perché i viaggi che piacciono a me sono oltre oceano per conoscere altre terre, altri popoli, scoprire cose nuove.
    Fin da ragazzina sognavo di studiare lingue per poter girare il mondo lavorando. Non mi è stato permesso di farlo, ma potessi tornare indietro, con l’esperienza di oggi, nessuno riuscirebbe ad impedirmelo!
    Ecco, questo è quello che avrei voluto di diverso nella mia vita, ormai rimane solo un sogno ….. sarà per la prossima volta

    Mi piace

    • Pensa che il camper è stato un nostro sogno proprio per questo motivo: spostarci assieme ai nostri animalotti 🙂 Sognavamo di farci un mese intero in giro per l’Italia e magari anche altrove 😉 Ma in effetti avevamo proprio il dubbio dei… gatti 😀 Non sono sicuro che apprezzerebbero, anzi sono quasi certo che sarebbero terrorizzati quanto il vostro, almeno Julius e Numa. Sissi, chissà… ci fosse sopra qualcosa che assomigliasse ad un divano… 😀

      Mi piace

  5. Qualche viaggio spero comunque di potermelo ancora fare in un modo o in un altro. Probabilmente a primavera tornerò in America, non più a NY. Quando sarà il momento ti saprò dire dove, come e quando?
    Ciao a presto
    Marta

    Mi piace

  6. Bel post… come sempre-
    Mumblee mumble
    Cosa vorresti fosse diverso nella tua vita e cosa servirebbe affinché ciò avvenisse?

    La mia risposta in questo momento è molto semplice.
    Vorrei stare con l’uomo che amo e vorrei che lui decidesse in questo senso. Ci vuole coraggio ma ci sono le motivazioni. Vediamo. Almeno ci proverò e combatterò per questo

    Mi piace

  7. Meritato senz’altro il premio, anche per la simpatia e la modestia, che fanno del tuo blog un luogo dove ci si trova a proprio agio e in cui è bello ritornare…ed anche interessante è sapere un pò di te e della simpatica signora Wolf e di tutti i vostri “wolfini”… 🙂
    Per quanto rigaurda la domanda (anche perchè è interessante leggere le risposte degli altri),
    posso solo dire che finalmente ho nella vita quasi tutto ciò che ho sempre desiderato (dove quel “quasi” è comunque robetta, rifiniture di cui posso fare allegramente a meno). L’unica cosa che vorrei di diverso è il tempo: averne di più, averne per tutti, per leggere e per viaggiare, per imparare e non dover mai riposare per non perderne, perchè è la cosa più preziosa che sento mancarmi. Per fare avverare questo desiderio si dovrebbe semplicemente non aver bisogno di lavorare, ma se per le buone intenzioni mi sto già attrezzando, per i miracoli ci vuole… tempo! Un abbraccio!

    Mi piace

    • Bravissima. Il tempo! E il lavoro che ce lo ruba. Eppure c’è gente che di tempo ne ha, ma lo spreca in modi terribili 😦 Quindi la tua risposta non è scontata: chi vuole più tempo è perché sa cosa ne farebbe. E non è poco.

      Mi piace

    • Parole sante, carissimo! Bisognerebbe sempre avere la piccola oasi personale nella quale prendere momentaneo rifugio e riposare 🙂 Secondo i busshisti ce l’abbiamo già: è da qualche parte nella nostra testa 😛 😉

      Mi piace

      • Ieri sera ho visto Il piccolo Buddha di Bertolucci, con Keanu Reeves ( che già allora da Siddartha era in una “Matrix”, un’isola creatagli dal padre….ma sentendo qualcosa che non quadrava nella sua vita voleva uscirne…le similitudini tra quei due film mi hanno colpito). Casuale questo incrocio di domande risposte visioni e considerazioni.
        Il post che ho scritto stanotte “I pazzi che cambiarono il mondo” è legato un pò a ciò che mi ha suscitato il Buddha da cui sono particolarmente attratto.
        Che dici Wolf, ho tempo per diventare Buddista? 😀

        Mi piace

      • Scherzi? C’è sempre tempo 🙂 Anzi, gli induisti in particolare erano usi ad avere una vita normale, con moglie, lavoro… poi, in tarda età, si lanciavano nelle pratiche spirituali. Mica scemi, no? 😀 In realtà credo che sia anche naturale accostarsi maggiormente alla spiritualità man mano che si va avanti. Un po’ ci si rende conto che il tempo davanti inizia a scarseggiare, un po’ perché si inizia a capire che molte cose che un tempo erano importanti… non lo sono più, si vedono le cose con occhi diversi 😉

        Mi piace

  8. L’idea di Jorkele non è male 🙂
    Ci sarebbero varie cose da cambiare dalla casa (è un po esasperante vivere sopra un ristorante..) al lavoro, però fra tutte vorrei la persona che amo più vicino. Certo sarebbe un impresa abbiamo vite abbastanza complicate 🙂 Alla tua domanda “Cosa servirebbe affinchè ciò avvenisse?” forse che uno dei due abbassase un pochino il suo stare sulle difensive (e non mi riferisco a me :-)). Percepisco timore, ma capisco anche che se una persona in passato (quando ancora io e lui non ci conoscevamo) ha ricevuto delle grandi delusioni poi ci vuole tempo perchè si riprenda.
    Un bacione caro Lupo 😉

    Mi piace

    • Quale che sia il motivo, non bisogna mai spingere troppo, il legame deve rinsaldarsi e aprirsi naturalmente. Ciò può richiedere più o meno tempo, è inutile chiedersi il perché: ho visto persone senza traumi apparenti essere molto chiuse, ed altre con un passato di terribili delusioni essere subito pronte. Ma se credi che ne valga la pena… bé, è giusto che lo fai 🙂

      Mi piace

  9. Hai ragione caro Lupo ci sono persone molto più aperte di altre con tutte le situazioni difficili che hanno passato, questione di carattere. Io ho molta pazienza, caratterialmente non forzo mai i tempi, non lo faccio in nessuna situazione anche perchè lo trovo solo un atteggiamento controproducente. Il percorso è lungo ma con una meta così…bè si ne vale la pena 🙂

    Mi piace

  10. Bella domanda! la mia risposta potrebbe sembrare stupida. Ho passato i cinquant’anni.
    Quello che sono oggi è il risultato di tanti passaggi, a volte subiti e metabolizzati, a volte di scelte spericolate. Ma tant’è mio figlio è il mio epicentro, la mia famiglia il corollario e ci vogliamo serenamente bene sapendo di contare gli uni sugli altri. Amici cari e più d’uno.
    Vorrei che il mondo che mi si affaccia ogni giorno fosse più gratificante per molti.
    Vorrei cambiare la strategia politica tout-court che permette tante diseguaglianze.

    sherainparolepoveredellamiavitacambiereilavitaditroppialtri

    Mi piace

  11. Devo dire che le tue risposte mi sono piaciute molto e le condivido. Anch’io ho i miei animali (2 gatte) e non le lascio mai sole. Anch’io vorrei visitare i luoghi che nomini (in Abruzzo non ci sono mai stata) e non ho mai visto il lago di Como.
    Sicuramente abiti in una bella zona, io amo molto la Liguria.
    Ti saluto caramente e ti auguro una buona domenica.

    Mi piace

    • Sono convinto che ogni nostra regione nasconda luoghi incantevoli, certamente le aree che si affacciano sul mare o su altri specchi d’acqua, o si allungano tra maestose montagne (come l’Alto Adige, da dove arriva mia moglie) sono favorite, ma… luoghi splendidi si trovano ovunque, basta volerli cercare. E’ un po’ quello che reciprocamente abbiamo fatto io e Lady Wolf con le reciproche regioni di provenienza – più lei che me a dire il vero, visto che ovviamente siamo molto più spesso in Liguria che in Alto Adige – e ci piacerebbe molto avere il tempo di fare lo stesso anche con altre regioni, forse non solo italiane. Al momento questa possibilità appare come poco più di una pia illusione 😦
      Grazie e buona domenica anche a te 🙂

      Mi piace

  12. Devo contentarmi di quello ho e che sono. A metà della mia decade (60/70 anni), si può solo vivere giorno per giorno felice di quello che la vita mi riserva di buono. Forse … se questa domanda mi fosse stata rivolta, qualche tempo fa, avrei risposto … tutto e niente … perché avrebbe comportato una scelta di vita diversa che io non avrei saputo affrontare. O forse quelle scelte, apparentemente obbligate, sono state dettate dal mio modo d’essere.
    Di certo, è che ora vorrei solo avere più spazio per me sola, per sviluppare la mia arte ed esserne padrona senza che ci sia qualcuno che sta dietro il collo a guardare e a dare “consigli” non richiesti.

    Scusa Wolf se, all’inizio, la mia risposta è un po’ sibillina, ma la domanda racchiude il percorso di una vita.

    Mi piace

    • Non trovo affatto sibillina la prima parte della tua risposta, anzi, pur avendo una quindicina di anni in meno, la sento molto mia, e infatti uno dei miei crucci è di non poter godere appieno del tempo che ho a causa del lavoro che mi leva tempo e anche, ne sono abbastanza convinto, salute.
      A parte il fatto che a causa del suo progressivo allontanamento, ogni lavoratore oggi non vede l’ora di arrivare alla pensione perché “chissà se poi la daranno ancora”, mi hanno sempre sorpreso quelli che la pensione la temono perché “chissà cosa farò dopo” 😮 Sono convinto che di cose da fare, di hobby ai quali dedicarmi, ne avrei tanti ma tanti che non mi basterebbero dieci vite, altro che il tempo lasciato libero dalla pensione! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...