Perseveranza – Vedere attraverso le cose, di Ralph Marston

Scusate il ritardo, rieccomi qua, in questa serata temporalesca… black-out permettendo 😛
Non avendo molto tempo posto un altro breve scritto di Ralph Marston, già citato in alcune altre occasioni 🙂

Il tema è la perseveranza… che, attenzione, non deve comunque essere scambiata con la testardaggine: bisogna sempre saper riconoscere quando ormai è davvero tempo di ritirarsi 😉

 



VEDERE ATTRAVERSO LE COSE
Ci sono quelli che smettono non appena qualcosa va per il verso sbagliato. Questi non vedranno mai nemmeno un barlume dei risultati che cercano.
Ci sono altri che tengono duro per un po’, ma poi si arrendono dopo ripetute sconfitte. Questi investono tanto tempo e sforzi, e poi abbandonato tutto troppo presto.
Poi ci sono quelli che riescono a vedere attraverso le cose. Trovano un modo per continuare ad andare avanti, non importa come. Sono pienamente impegnati perche’ conoscono, senza dubbio, il valore di cio’ che sono determinati a raggiungere.
Questi trascendono non solo i rovesci temporanei, ma anche il sarcasmo e la derisione di tutti quelli che li invogliano ad arrendersi.
Fortunatamente, questi sono quelli che hanno le idee chiare, che impegnano tutto cio’ che hanno nello sforzo di realizzare cio’ che sanno deve essere fatto. Queste persone portano un valore incalcolabile nel mondo in cui tutti noi viviamo.
Quando la vita continua ad andare avanti, nonostante le probabilita’ contro di essa, c’e’ sempre qualcuno che fa in modo che cio’ sia possibile. Quella e’ la persona che e’ pronta e capace di vedere attraverso le cose.
Ralph Marston

scalata

0 pensieri su “Perseveranza – Vedere attraverso le cose, di Ralph Marston

  1. Sapere quando vale la pena andare avanti, perseguire i propri ideali, le proprie mete, senza diventare schiavi però di questi obiettivi, del loro raggiungimento…
    E ti pare poco?
    A volte ci si scoraggia anzitempo, altre si va ad oltranza…. e non è facile sapere quando non è ancora tempo di cedere le armi o quando invece non ha più senso lottare.
    Occorre un equilibrio interiore degno d’un Essere Superiore.
    Noi, poveri umani, al mondo solo per commettere errori, come possiamo trovare questo metro di valutazione che possa impedire abbandoni precoci e frustrazioni tardive?
    Mah…!

    Un po’ giù, dici?
    Io striscio sotto le piastrelle.
    ‘notte.

    "Mi piace"

  2. beh, di certo non è facile avere la perseveranza; ammiro molto le persone che si battono per raggiungere un preciso obiettivo, che non si arrendono e portano avanti la loro idea anche se quelli intorno a loro magari cercano di dissuaderli…non è affatto cosa da poco, credo…occorre una forza d’animo notevole:)

    Bel post, come sempre d’altronde, nonostante il maltempo che imperversa ovunque…:)))

    bacino della buonanotte:)

    "Mi piace"

  3. …già…conosco la derisione e i tentativi di dissuasione altrui, così come la "quasi" rassegnazione, la rabbia o il dolore (che riduce spesso alle lacrime di impotenza)…
    Ma non so dire se sia la mia perseveranza, oppure la mia estrema testardaggine, che mi incitano ad andare avanti, contro tutto e contro tutti. E a stringere i denti, sempre e comunque, per ottenere i risultati voluti,

    Buonanotte (anche qui tempo pessimo…)

    "Mi piace"

  4. In effetti c’è un confine molto sottile con la testardaggine, ma laddove esso non venga superato è indubbio che la perseveranza permette di raggiungere mete importanti. La volontà è sua sorella 🙂
    Buona settimana, lupo

    "Mi piace"

  5.   
    Alda Merini

    La fuga

    Lasciami alle mie notti
    ed ai miei benefici di peccato,
    lasciami nell’errore
    se decantarmi è compito di Dio!
    So che mi assolverai delle mie pene:
    ma ora lasciami umana
    col cuore róso dalla mia paura.
    Quando sarò bassorilievo al tempo
    della Tua eternità, non avrò fronti
    contro cui capovolgere la faccia.
     
    tvb

    "Mi piace"

  6. GRAZIE wolf, (stamani è la seconda volta che ringrazio sul web) avevo bisogno del brano che hai messo sul post..perseverare, sperare nonostante tutto e tutti. Il valore della esistenza..ewiva gli amici di web..
    sai perchè….
    perchè scrivono per se stessi non per far qualcosa, e fanno bene a tanti..

    "Mi piace"

  7. Ho trovato interessantissimo questo tema e finalmente , mi sono detta , un blog che tratta gli stessi temi (più o meno) che tratto io .

    La perseveranza è una qualità fondamentale per chi intende portare avanti e soprattutto portare a termine un ciclo , dove per ciclo si intende una azione che noi cominciamo , ne vediamo gli sviluppi e con perseveranza la portiamo a termine .

    Accosterei questo termine , questo concetto , più che termine alla "temperanza" ed assolutamente lo allontanerei dalla testardaggine , come giustamente dici tu nel tuo incipit , inquanto la testardaggine ha connotazione negativa e ha sfumature di ignoranza , la temperanza invece somiglia alla perseveranza , direi assolutamente molto di più di qualsiasi altro termine o concetto .

    che ne pensi tu , Wolf?

    p.s. credo che mi vedrai più spesso qui da te , non sapevo che i temi che tratti fossero tali , per me interessanti , visto quelli che tratto io , anzi mi scuso per non essere "arrivata" prima .

    Buon proseguimento .
    Linda

    "Mi piace"

  8. Ma grazie Wolfghost, quanto sei buooono, più leggo le tue proposte di riflessioni e più si alza la misura della mi autostima: sono bravissimissima  a vivere….

    Può succede che la gente non ha fiducia nelle tue capacità di "restistenza" alle avversità ed è questo il punto di partenza,  almeno per me, della sfida.
    Un piccolo esempio: tutti sanno che a me piace molto mangiare, però ho deciso di sistemare il mio fisico (che spesso me lo dimentico a furia di occuparmi dello spirito) e così ho deciso di mettermi a dieta. Gli altri dicono che non ce la farò mai, invece in 4 gg sono già dimagrita 1 kg. ed essendo seguita da un nutrizionista mangio più di prima, però meglio.

    Ho capito la differenza tra essere caparbi (o perseveranti) ed essere testardi (io li chiamo "capoccioni"). E’ proprio come dici tu, se non sei perseverante non arrivi a nulla: il segreto credo stia nella forza della volontà  e nelle diverse tentativi che si fanno.
    Potrebbe essere un po’ come giocare a scacchi. Caspita, se una persona può fare scacco matto alle difficoltà e tra tante mosse sbagliate, uno ci riflette sopra, per poi arrivare a quella vincente.
    Per fortuna che Natura ci ha tutti dotati di intelligenza da mettere in opera e la sfiducia è nostra nemica.
     
    La vita ci offre molte possibilità, è che a volte non abbiamo la forza giusta per affrontarle forse, oppure siamo troppi pigri, o non abbiamo fiducia in noi stessi, ma una cosa so per certo: nulla viene "a gratis", come dico io.
    Le cose conquistate, o i trionfi, hanno un sapore migliore di quelle offerte su di un piatto d’argento.

    Buon inizio di settimana Wolfghost e grazie ancora per la riflessione!

    Rondine

    "Mi piace"

  9. x Azalea: equilibrio si’, degno di un essere superiore… non lo so Credo che semplicemente tendiamo a raccontarci storie per… comodita’ perfino quando sul lungo periodo esse giocano contro i nostri stessi interessi…
    Vabbe’, dai… ci rifaremo alla prossima! Si dice sempre cosi’, no?

    x Morellina: grazie cara … non e’ che tendiamo a scusarle troppo le nostre debolezze?

    x Fire: be’, io credo che quando sappiamo di aver fatto il massimo, possiamo essere in pace con noi stessi, perfino se non abbiamo avuto successo…

    "Mi piace"

  10. x Anne: esatto, sono d’accordo Buona settimana anche a te!

    x Julka: un invito alla… liberta’ di essere umani Grazie

    x Titti: e’ cosi’: spesso scrivo per me stesso, ma se qualcun altro ne trae vantaggio… ne sono davvero contento

    "Mi piace"

  11. x Linda: be’, diciamo che la testardaggine e’ dietro l’angolo quando si parla di perseveranza: ovvio che non siano sinonimi, la prima e’… l’accanimento terapeutico della seconda, diciamo, e credo che in fondo tutti noi abbiamo sufficiente sensibilita’ per capire quando usciamo dalla perseveranza e cadiamo nella testardaggine, ma a volte siamo troppo deboli per cambiare rotta.
    Dico sempre che la strada maestra e’ si la perseveranza, ma solo se accompagnata dalla flessibilita’. Chi riesce a gestire con maestria entrambe… e’ davvero inarrestabile o quasi

    x Rondine: il segreto in fondo e’ nell’autocontrollo. Come scrivevo qua sopra, credo che tutti sappiamo quando abbiamo necessita’ di cambiare rotta, spesso pero’ questo comporta sforzo, dispiacere per rendersi conto che le cose non sono andate come volevamo, magari un piccolo colpo alla nostra autostima. Tutto questo puo’ portarci ad insistere perfino quando ormai e’ evidente che cio’ e’ a nostro svantaggio. Un po’ di "sangue freddo" in questi casi puo’ farci tornare ad avere una visione "pulita" di quanto sta accadendo…
    Grazie a te per il tuo spunto, cara Rondine

    "Mi piace"

  12.  Caro Wolf, oggi sono passato per leggere qualcosa di te, dato che sono da mia madre e la connessione va…
    A casa mia non va e quindi posso commentare poco, anche se passo almeno per leggere… 🙂
    Devo dire che la perseveranza rischia, spesso, di diventare cocciutaggine, ma solo con quella si raggiunge una meta.
    Ciao carissimo, ti saluto e ti auguro una bellissima settimana (qui piove, da te?)

    "Mi piace"

  13. mah…mica tanto; per me debolezza è altro, in generale…se si ha un particolare obiettivo ben definito, è giusto cercare di guadagnarselo; per me debolezza è lasciar perdere…e la testardaggine, poi,a ben guardare, potrebbe anche non essere un difetto così grosso, poi; in fondo di gente testarda ce n’è tanta assai….ehehehehheheeheheh…in realtà, la maggior parte delle persone che conosco sono testarde, compresa io, ovviamente:PPPP

    "Mi piace"

  14. …Mi chiedo se la scelta della foto sia casuale o meno. Io dico di no …
     
    Perseveranza, ovvero come dico io … “pane e costanza” oppure “se vuoi di più, devi dare di più”.

    Saggezza di alpinista

    Ciao

    O.

    "Mi piace"

  15. Francesco, è troppo bello e amichevole  il tuo sito e i tuoi post perchè non venga a prendere qualche pezzetto dei tuoi scritti che inserirò nel mio sito, sempre citando la fonte s’intende.
    Ciao
    PS. Sto preparando altri inserimenti, come Astrologia medica, I rotoli di Qumran, etc.. Come vedi, la perseveranza è uno dei miei motti principali…
    Fer/

    "Mi piace"

  16. x Grazia: gia’ Come scrivevo, ritengo che, "domani", sapere i aver fatto del nostro meglio sara’ gia’ da sola fonte di soddisfazione, indipendentemente da come poi saranno andate davvero le cose.

    x Rondine: ah, ok! Ma i concetti espressi valgono ugualmente

    x Chopy: be’, per me la "cocciutaggine" esprime una perseveranza "cieca", un "andare a sbattere contro il muro" che non porta da nessuna parte o che, se lo fa, lo fa ad un prezzo molto – troppo – caro. Credo che nella vita sia molto importante accompagnare la perseveranza con la flessibilita’; in questo modo e’ possibile ottenere il massimo da impegno e visione del futuro. Il che puo’ voler dire… si’, anche essere pronti ad abbandonare una strada che si segue da tanto tempo qualora ci si accorga che non c’e’ speranza ci porti dove volevamo
    Qui forse ha smesso da poco di piovere Meglio, tra una ventina di minuti devo uscire

    "Mi piace"

  17. x Morellina: come sempre, e’ molto questione di terminologia. Per me "testardaggine" e’ "cieca perseveranza", ovvero il continuare a percorrere una strada perfino quando e’ ormai evidente che e’ una strada chiusa, che mai potra’ portarci dove volevamo. In questo caso, la flessibilita’ di cambiare strada e’ importante quanto la costanza.
    Ma ovviamente la mia definizione di "testardaggine" puo’ non essere la tua, che sembra invece essere proprio sinonimo di perseveranza

    x O.: Ma certo! Ovvio che no! Ciao alpinista!

    x Fer: ahahah si, si, non c’e’ bisogno che lo scrivessi: tu hai davvero una costanza invidiabile!
    Un salutone!

    "Mi piace"

  18.  ci vuole sempre un pò di perseveranza nella vita altrimenti gli ostacoli difficilmente si superano, io la accompagno sempre con un pò di testardaggine…non riesco a dividerle.
    Bel post Wolf, come sempre 
    Baci!

    "Mi piace"

  19. non è facile "guardare dentro le cose" per carpirne il segreto e capire se è il caso di andare avanti, con coraggio e perseveranza o se è preferibile rinunciare…intanto ti "rubo" questa frase, da ripetere a me stessa quando avrò il dubbio di accanirmi su determinati obiettivi. Mi fermerò e mi chiederò se "sto guardando dentro le cose" e che cosa sto vedendo, s’intende! Post riflessivo, complimenti!

    "Mi piace"

  20. Per esperienza di vita ,sono passata attraverso tutte e tre le categorie…..e posso affermare che è proprio l’atto di "vedere attraverso le cose" che ne consente la manifestazione.
    Consideriamo che siamo immersi in un infinito oceano di  potenzialità.sotto un certo punto di vista "tutto è GIA’" Noi dobbiamo solo acconsentire a ciò che abbiamo scelto di manifestare nella nostra vita ed un modo di farlo è proprio quello di guardare attraverso cose ed eventi sapendo cogliere il filo rosso che ,a volte ,davvero molto sotteraneamente,si ricollega comunque alla nostra intenzione originaria.

    OT.,ho notato che molti in questo blog sono appassionati di Paulo Cohelo,probabilmente,quindi lo sapete già,ma se qualcuno non lo sapesse,esiste la possibilità,voluta proprio dallo scrittore,che ne spiega le ragioni nel video,di scaricare gratis moltissime delle sue opere anche in lingua italiana:http://settepassinelsilenzio.splinder.com/post/21661635

    "Mi piace"

  21. x Demetra: ahahah e vabbé! Se proprio non ce la fai…
    Grazie cara Demetra

    x ioloso: sì, a volte non è davvero facile. Ma io penso che più spesso sia noi a raccontarcela per poter continuare ad inseguire un fuoco fatuo o a non prendere coscienza di un risultato che non ci piace
    Grazie anche a te

    "Mi piace"

  22. x Orchis: rispondo prima sull’iniziativa di Coelho che giustamente segnali: sì, ne ero a conoscenza già qualche anno fa ma… i suoi libri li avevo già praticamente tutti Ora però… potrei provare a tornarci, gli ultimi mi mancano
    Venendo al tema del post, conosco la teoria che esprimi, non so dire se sia davvero così o meno, ma credo che già restando nel solo ambito psicologico ci sia qualcosa di vero: abbiamo certamente un’enormità di potenziale che non utilizziamo, o perché non ne siamo consapevoli (ossia per ignoranza), oppure per inerzia e pigrizia.

    x Fly: ahahah sei in buona compagnia, dai! Io credo che il più delle volte sia perché in fondo non siamo così interessati a ciò che diciamo di volere (o di non volere): la nostra volontà è conseguentemente troppo debole per vincere la paura o l’inerzia.
    Sorriso!

    "Mi piace"

  23. …Ciao Wolf, 🙂 perseverare…
    di solito porto avanti che cose che mi prefiggo…senza però forzare nulla, ci metto inpegno volontà. Sono anche pronta anche ad abbandonare se mi accorgo, (nonostante il dispiacere di lasciare) che è una battaglia inutile…naturalmente prima, valutando a tutto tondo e cercando di vedere oltre… se possibile….del resto ci sono cose che non dipendono solo da noi e qualche volta il percorso può essere diverso da quello che si pensava magari all’inizio.
    In ogni caso è importante perseverare nel cercare di raggiungere l’obiettivo soprattutto, se merita di essere raggiunto 🙂

    Un saluto 🙂 Paola

    "Mi piace"

  24. x Paola: il tuo commento è perfettamente in linea con il testo di Marston e la mia introduzione ad esso, non posso che approvarlo totalmente

    x Katia: esatto. La certezza non ci è data in questa vita (e chissà se ne esistono altre ), ma questa non deve essere una scusa per non tentare

    "Mi piace"

  25. Caro Francesco, lo zen è qui…e nelle tue giudiziose risposte.
    Durante un sesshin andai al colloquio con suzuki-roshi. A quel tempo, il mio intento primario era ottenere la sua approvazione. Gli dissi che cercavo con tutte le mie forze di fare la cosa giusta. Mi ascoltò attentamente, senza giudizio.
    "Ti sei meritata una stellina"

    Fer/

    "Mi piace"

  26. x Fer: eh! Magari! Grazie Fer, ma non pretendo tanto
    Giusta la risposta che ti e’ stata data al sesshin, avrei anche per questo il giusto aneddoto, magari lo mettero’ in uno dei prossimi post

    x Lilith: ciao cara Be’, nel caso del mio blog cio’ si spiega abbastanza semplicemente: di solito tratto temi generali nei quali piu’ o meno ci imbattiamo tutti, presto o tardi
    Abbraccio!

    x tanax: be’, ti sei gia’ risposta con il commento nell’altro post, vedo Anche se e’ giusto decidere sempre con la propria testa, ascoltare gli altri puo’ donarci preziose informazioni e, come scrivevo nella introduzione alle parole di Marston, se ci accorgiamo di essere in errore… e’ giusto che, anche se a malincuore, cambiamo strada

    "Mi piace"

  27. mantenersi deciso e costante, nel proprio intento=Significato letterale di perseverare…
     ….. è che quando le situazioni variano al negativo arriva la paura (a volte alleata a volte cattiva consigliera!).
    Il problema è capire se si stà perseverando nel giusto ,o no,
     valutare bene diventa determinante…..mi sento proprio nel mezzo …decisione sofferta!

    "Mi piace"

  28. Chiaro che certe importanti decisioni non possono essere prese a cuor leggero e in 5 minuti, ci vuole il suo tempo e le sue riflessioni.
    L’importante e’ accorgersi se si e’ entrati in "loop", ovvero se continuamo ossessivamente a rifare gli stessi percorsi mentali senza alcun costrutto. In questo caso e’ meglio "staccare", di solito la soluzione viene fornita dal nostro subconscio che, avendo tutto il materiale che serve, ci suggerira’ la migliore opzione sotto forma di intuizione
    In ogni caso… la certezza del risultato non ci e’ mai data, una percentuale di rischio esiste sempre e questa e’ una cosa da accettare.
    Questo tra l’altro mi rimanda ad un altro post che pensavo di mettere al posto di questo… Magari tra un po’

    "Mi piace"

  29. Mille grazie per essere passato nell’altro mio blog.
    Ad ogni modo le prove concrete per affermare quello che sostiene l’autore sono proprio spiegate da lui scientificamente nel testo..ovviamente io riportando soltanto le conclusioni non sto a descrivere le sue prove su prove..però se ti incuriosisce la cosa ti consiglio di leggerlo..tanto leggere non fa mai male ed è sempre un piacere!
    Comunque presto aggiungerò le conclusioni degli altri capitoli dato che sto leggendo come una forsennata in questo periodo ^.^
    Au revoir!

    "Mi piace"

  30. x Zeroschemi: grazie anche a te! Le mie riflessioni nascono dalle vostre riflessioni

    x Diana: capisco, tuttavia ho imparato da… decenni ormai che trovi sempre il libro di qualche esperto che contraddice, anche completamente, il libro di qualche altro esperto
    A presto

    "Mi piace"

  31. x Jouy: Non penso che tu possa avere crisi per… bischerate
    Davvero questo momento e’ piu’ duro di quelli che hai avuto nel passato? Davvero non puoi trovare la forza di superarlo come hai fatto per tutti quelli precedenti?
    Nel momento di piena crisi succede di sentirsi persi e senza speranza, ma a volte basta… resistere, ricordando cosa si e’ gia’ passato e superato. Poi la crisi solitamente passa…

    x Grizabella: be’… dipende da cosa hai in ballo Se in fondo non e’ cosi’ importante, non sara’ cosi’ importante che tu sia perseverante

    "Mi piace"

  32. x Flame: pero’ chiudere gli occhi non serve a nulla, a meno che non si sappia gia’ cosa sta succedendo e quale sara’ il rislutato indipendentemente dalle nostre azioni.
    Bacione a te

    "Mi piace"

  33. beh, Osho è difficile.. ma anche questo mica è facile eh.. Anche se.. si può fare.. magari non sempre.. talvolta è difficile andare oltre e vedere condizionati come siamo da tutto. Dovremmo avere gli occhi innocenti di un bambino e, non farci mai prenfdere da rabbie che ci accecano.. però certo.. c’è gente che non si sforza proprio mai…:-)

    "Mi piace"

  34. Ciao…Sai, studio musica da molto tempo e per un po’ ho avuto dei problemi a riguardo. Ho pianto molto però quando mi guardo indietro mi accorgo di non essermi mai fermata, di aver continuato e di averci creduto. Ora sto avendo buoni risultati riguardo allo studio anche se spesso  mi viene lo sconforto per l’incertezza del mio futuro con la musica.Beh! Credo sia anche normale per tutti quelli che hanno un sogno così grande da realizzare.
    Essa è tutta la mia vita e non mi hai mai tradito..
    Io VOGLIO riuscirci e non credo che mi fermerò…
    Quando non potrò più farlo allora anche la mia vita sarà finita.

    un abbraccio
    Accolade

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...