Smettere di soffrire per un amore perso o irraggiungibile

Voglio riproporre un tema del quale parlai parecchio tempo addietro da un’altra parte.

cuore al piedeL’argomento è: si puo’ smettere di amare e dunque di soffrire per una persona irraggiungibile o ormai persa?

Un interruttore non esiste, pero’ senz’altro ci sono molti accorgimenti che possono aiutare.

La comprensione dei motivi per cui non puo’ e non potrà mai funzionare, puo’ togliere dalla testa l’illusione, la speranza, che prima o poi quella persona cambierà idea. Dopo la testa, continuando a tenerlo presente a sé stessi – soprattutto ogniqualvolta il pensiero di questa persona ritorna – ovvero esercitando l’arte della ripetizione, si puo’ convincere anche la parte più difficile, il cuore (in realtà l’inconscio), a mollare la presa ed a "lasciare andare".
Esistono perfino metodi di autoipnosi o mantra che non fungono da bacchetta magica ma, proprio sfruttando la ripetizione (l’inconscio in fondo è stupido: crede a qualunque cosa gli venga ripetuto abbastanza a lungo) possono aiutare, soprattutto se fatti con convinzione (ecco anche qua l’importanza di comprendere fino in fondo che evidentemente è andata come doveva, o come poteva, andare).
In parte non sono nemmeno meccanismi sconosciuti: a chi non è capitato, giunto al limite di sopportazione, di ripetere "ossessivamente" nella propria testa "basta! Basta! Basta!" o un’altra frase o parola analoga?
Si puo’ anche ricordare constantemente a sé stessi che più il cuore e la mente sono liberi, più facilmente puo’ compiersi il "miracolo" dell’arrivo di qualcun altro che riempia quello spazio vuoto. Spazio che, se non è vuoto, non puo’ essere riempito.

litigioNaturalmente non si puo’ premere un interruttore e cancellare quella mancanza, ci vuole tempo. Ma ad un certo punto si arriva ad una svolta, una svolta nella quale ci si rende conto che il distacco è avvenuto o sta avvenendo. A quel punto, diventa scelta: dirsi "è giusto così" e distogliere il pensiero non accettando di tornare indietro nostalgicamente a "prima"; oppure, farsi prendere da quell’ingiustificato senso di colpa che dice "no! Non puoi cancellarla! E’ una persona che hai amato! Non è giusto!" o dal risveglio del ricordo di quel viso, quei gesti, quell’amore, operato dalla solitudine: bisogna sempre ricordarsi che, per quanto si possa essere soli e per quanta solitudine ci possa essere nel futuro, le persone sbagliate o che ormai fanno inesorabilmente parte di un passato che non esiste più, non ne potrebbero mai esserne la soluzione.

Sembra strano, ma se per un primo periodo la sofferenza è inevitabile, ad un certo punto diviene una precisa scelta.

abbraccio

Advertisements

133 pensieri su “Smettere di soffrire per un amore perso o irraggiungibile

  1. Bé, nel momento del dolore, quando temiamo di perdere una persona che amiamo o che abbiamo amato, è facile cercare di mascherare ciò che in realtà sappiamo essere la verità; non darti troppo la croce addosso perciò Ciò che davvero importa è solo la tua decisione di voltare con risolutezza pagina, cosa che era tutt'altro che scontata poiché molte persone nella tua stessa condizione non riescono a fare.Mai detto popolare è stato più azzeccato del buon vecchio "meglio tardi che mai" Un salutone e… in bocca al lupo per il futuro!

    Mi piace

  2. …..Deduco direttamente che quando si ha in testa qualcosa di fisso, costante e forte, da cui si è tremendamente presi, è come se ci si ritirasse in un deserto, lontani dal mondo intero, e tutto quel che succede oltre l'essenziale, passa solo di sfuggita….Mony74

    Mi piace

  3. ….forse non ho amato  ciò che amavo….ma l'idea dell'amare……..voltare pagina si deve fare….è un dovere  che abbiamo nei nostri stessi confronti…..ma prima non bisogna, secondo il mio punto di vista, lasciare nulla insospeso dentro di se….(anche se fa male, malissimo) analizzare, spuntare, soffermarsi su tutto l'amore, sul bello e sul brutto, sull'amaro e sul dolce, sul piccante e sul salato, sul bene e sul male, su tutto insomma!!!!!! ….per poi liberarsene veramente…..altrimenti ci saranno sempre dei fantasmi degli scheletri dentro di noi….non permettodo loro di andarsene via….per la loro strada……. e così facendo non ci sertiremmo mai liberi da quell'amore passato…..da quelle sensazioni vissute…ma seremmo sempre prigionieri e voltare pagina diventerebbe un'utopia!!!!!!!!!!!!Grazie per le tue risposte…..Mony74

    Mi piace

  4. Assolutamente, concordo in pieno con questo tuo commento Lasciare andare si deve… ma solo quando si è certi che non c'è altro da fare, che non è possibile recuperare il rapporto. Questo a volte è proprio il momento più difficile, facile raccontarsi delle frottole per evitare di chiudere, ma io credo che – se siamo onesti con noi stessi – dentro di noi sappiamo quando siamo arrivati al punto di non ritorno. E in ogni caso possiamo, se ne abbiamo bisogno, giocarci l'ultimo aut-aut, in modo, poi, da essere davvero sicuri e non avere più nel nostro futuro il rischio di poter pensare "se solo avessi…".Un caro saluto Mony!

    Mi piace

  5. Mi trovo per caso oggi a passare di qui, ho il cuore a pezzi per una cara persona che porterò sempre nel cuore, sempre.
    Non ho parole per descrivere quanto sacrificio sia per me stargli lontano,
    sin dall'inizio ho saputo che era giusto tagliare ogni rapporto perchè non sarebbe mai potuto concludersi nulla.
    E' brutto amare al buio…e mi chiedo come possa essere possibile amare due persone contemporameamente…una che ha fatto parte della tua vita per anni che ti è sempre stato accanto e l'altra conosciuta per caso e che in mille modi si ha sempre cercato di nascondere i propri sentimenti…
    Ebbene nel momento in cui si sono aperti i nostri cuori non si è potuto far altro che tagliare il filo ogni forma di comunicazione..
    Giuro non c'è mai stato nulla di fisico solo mentale ma come si può dopo tempo ancora pensare a quella persona , chiedersi come sta, cosa fa
    e sapere con certezza che per questa persona è lo stesso.
    Sono una persona fedele e e l'altra persona è leale molto leale.
    A noi è impossibile e non ci è dat di stare insieme a volt emi chiedo perchè accadono certe cose?
    perchè all'improvviso un incontro ti cambia la vita
    Non faccio altro che sperare in qualcosa di diverso per lui, una vit afelice,ma so che ancor non riesce
    Hai ragione amare è lasciare andare ma a cosa serve se i risultati non arrivano?
    I'ho fatto con tanta sofferenza ma si soffre da cani e sapere che si è fatta la cosa giust aper glia altri e non per noi non è una grande consolazione.
    Grazie dei tuoi consigli sei una persona speciale e mi piace la tua umiltà nel comunicare ciao

     

    Mi piace

  6. Lasciare andare richiede tempo e convinzione. Bisogna prima di tutto essere intimamente convinti che sia la scelta giusta, ma anche arrivati a questo… non si può dare un colpo di spugna e via: è un processo che richiede tempo. Mi è capitato spesso di dire e di scrivere che se la mente è sicura e da' messaggi non ambigui al cuore, alla fine il cuore la segue. Solo che… la mente è lepre, il cuore tartaruga. Ti ci vuole tempo

    Mi piace

  7. Lo so,tempo  entrambi ne abbiamo ma resta l'amarezza di aver rinunciato pur non volendo, il cuore è sempre pornto  lì a vacillare e non si può hai detto bene dare un colpo di spugna..Sulla scelta giusta ho tanti dubbi perchè giusta per chi?
    E' passato quasi un anno e non è cambiato nulla nonostante non ci siamo più sentiti e tu dirai come fai allora  a sapere? questo non posso dirtelo..
    A volte vorrei essere una stupida, non aver capito nulla e forse vivrei meglio
    invece soffro ancora, ed è tutto inutile a che servirebbe rifarmi sentire?
    soffrirebbe di più..
    La mente come si fa ad aprirla? a volte è come un paracadute se no è aperta non serve a niente..
    La rabbia sta nel fatto perchè vuoi avere ma sai che non puoi…

    Si può vendere l'anima per gli altri?
     

    Mi piace

  8. Premettendo che io ho solo cio' che scrivi tu, non posso che dare per vero che voi non avevate altra scelta. Se così è, è inutile e controproducente tormentarsi. Tu dirai "ma io non lo faccio apposta", e questo è certamente vero, tuttavia devi arrivare a capire perché questo accade. Se è da un anno che non vi vedete, che non vi sentite nemmeno, è probabile che la tua mente si sia per così dire "fissata" su ciò che non ha potuto avere. Vedi, io sostengo da anni, e ne sono tuttora convinto, che l'amore non "sta fermo": se non ottiene riscontro, o non ha possibilità, dopo un po' passa. Se non lo fa, è perché la mente si è "fissata" ed è perciò necessario darle alternative. Alternative che possono anche non essere legate all'amore uomo-donna, posso investire la sfera affettiva ma essere dirette a bambini, a persone in difficoltà, ad animali, all'umanità, alla natura. Oppure possono essere alternative completamente diverse, come un progetto, un ideale, un tipo di studio.
    Io credo che se tu proverai a seguire altre strade, la tua mente, e il tuo cuore, molleranno la presa. Perché, io ne sono certo, una mente e un cuore sereno tendono sempre ad allontanarsi da ciò che li fa soffrire, solo che ne abbiano la possibilità.
    L'amore eterno, quello che dura per sempre perfino se non ha riscontro, è per i poeti, e a loro conviene lasciarlo.

    Mi piace

  9. Sarò esplicita allora:con un matrimonio e due figli cosa faresti?
    E quello che mi tormenta è avere giorno per giorno la certezza che lui non sta ancora bene!
    Quello che mi fa stare male è non averlo avuto l'ultima volta di fronte magari per capire come dici tu se era amore o fissazione o idealizzazione di una persona, lui questo non me lo ha permesso..
    l'unica cosa che ero riuscita a fare era quella di non cercare informazioni su come stesse eccecc. ma ultimamente non ci sono riuscita e ritorno a volte nel tunnel del "ma, se avessi"…
    Ci sono giorni in cui mi sento forte e dico: vabè è così che doveva andare, è stato giusto così, era impossibile e altri che mi manca terribilmente e mi chiedo se non ho sbagliato tutto nella vita…
    Ci sono insomma i giorni in cui riesco a liberarla ma giorni in cui puntualmente subentra come dire "l'astinenza".
    a volte penso di avere subito un plagio da parte di questa persona (ti prego non prendermi per pazza) oggi è prorpio una giornata no e fortuna che mi stai ascoltando

    Mi piace

  10. La famiglia e perfino i figli non sono il vero fulcro del problema, credi che saresti stata la prima a mollare tutto per un'altra persona? D'altrocanto, c'è chi ha deciso che "non era cosa" pur non avendo famiglia. Anche il fatto di "essere plagiata" è una falsa pista: non che non possa essere, ma anche se così fosse, ricordati che sei sempre tu e solo tu a dare ad un'altra persona il potere di tenerti in pugno o di "plagiarti". Tu "devi" pensarla così, perché così tornerà a te il potere di cambiare le cose, altrimenti resterai una vittima, o meglio una persona che si crede una vittima. Ogni cosa, fatto salvo per la morte, avviene primariamente nella nostra testa, e noi abbiamo il potere di cambiarla cambiando il nostro punto di vista, e con esso lo stato d'animo al riguardo.
    Credimi: se una cosa – nonostante tutto – è andata in un certo modo, è perché non poteva proprio andare diversamente. Quindi basta con i sensi di colpa e con i "ma se avessi…", sai benissimo che sono inutili e dannosi.
    Credi anche a questo: se lo vuoi, con pazienza e senza dare troppo peso alle "ricadute" momentanee nei ricordi, puoi cambiare le cose e… smettere di soffrire. Guarda ciò che hai davanti, lavora per esso, per il futuro, immaginalo bello e felice e ogni volta che torna a galla il passato… "lascialo andare", non pensarci sopra, distraiti, e il passato a poco a poco scomparirà.
    Potresti forse leggere anche questo: Sofferenze d'amore… aiutiamo un'amica anonima 🙂

    Mi piace

  11. Buongiorno Wolfgost sono quell'amica che ieri non ti ha nemmeno salutata scusa, ho avuto un problema con la connessione…
    grazie davvero dei tuoi consigli hai davvero centrato il punto "I SENSI DI COLPA".
    Ho sensi di colpa con mio marito perchè alla fine dico fedele io? ma se faccio di questi pensieri come posso esserlo…
    Mio marito è splendido non potrei mai…non ho mai pensato di tradirlo in quel senso… l'altro non l'ho mai minimamente immaginato in quelo senso… 
    Io amo infinitamente i miei figli e mi dico spesso: ma io non l'avrei mai lasciata ala mia famiglia!
    I sensi di colpa vengono per l'altra persona perchè alla fine sono stata io a portarlo ad ammettere certe cose e mi sono detta ma che stronza!!! a cosa porta?
    sai tutto questo non puoi dirlo a nessuno neppure al tuo amico fidato perchè io per prima sarei pronta a giudicare una situazione del genere.
    Lo dico a te e non sai quanto mi stai aiutando..
    Poter scrivere quello che si ha dentro anche se non è mai semplice spiegare le emozioni che ti attraversano  è salutare.
    I ricordi? già…sono quelli a fregarti è una persona che è entrata nella mia vita dopo un lutto del quale ho sofferto tanto  e in un periodo che senza volere mio marito non ha realmente percepito quanto ci stessi male perchè non mi piace pesare o sentirmi dire "come proprio tu che sei una roccia? lo sei sempre stata!!" ed è nato questo legame..
    Ce la metterò tutta comunque e sai è proprio quello che faccio sempre: quando il baule torna a galla lo rimando giù con le mie maniGrazie di cuore wolfgost oggi sii felice hai aiutato una persona 
    certo nei giorni no.. magari ti rompo di nuovo un bacio

    Mi piace

  12. Sono certamente molto contento di sapere di esserti stato utile
    Riguardo ai sensi di colpa verso tuo marito… il prossimo post sara' per te, ricordalo Ovviamente sara' di carattere generale, ma… tu capirai
    Su quelli riguardanti "l'altra persona" invece, direi che hai ragione: in teoria avresti potuto evitare quell'opera di "seduzione" (in senso lato), ma e' molto umana e piu' comune di quel che si potrebbe pensare. In genere cio' succede perche' si ha bisogno di riscontri, di sentirsi importante o apprezzati, pur non avendo l'intenzione di andare fino in fondo. Non sei sola, e certamente non in tanti possono dire, se sono onesti, di essere senza macchia.
    Scrivi quando vuoi e… ricordati del prossimo post!

    Mi piace

  13. l'amica del mio ragazzo mi ha detto k lui invia foto ad altre…oggi a skuola impazzivo…qnd me la detto stavo x andare in classe sua e prenderlo a skiaffi…eppure oggi kredevo k sarebbe stato un giorno bellissimo…invece mi ritrovo qui a piangere rakkontando la mia storia…ho fatto di tutto per lui…mi sarei ammazzata x lui…nn posso guardalo qnd esco kn le mie amike sta sera xk se no scoppio e lo faccio…vado da lui le do uno skiaffo e addio per sempre…peppe mulas di burcei e assemini…ti ho amato alla follia e pure oggi ti sto amando follemente!!!non ti dimenticherò mai …mi hai fatto stare bene…e come!!ora ti ringrazio ma non torno più indietro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ciao a tutti

    Mi piace

  14. Sono decisioni sofferte, spero che in ogni caso tu riesca a uscirne presto, in un modo o nell'altro, perché il dubbio (è finita/non è finita) allunga il periodo di sofferenza e a volta lo rende anche più acuto.
    In bocca al lupo!

    Mi piace

  15. Ci sto lavorando da circa un anno, ma non riesco ancora ad uscirne. Essendo costretta a rivedere questa persona per lavoro, anche se razionalnmente so che la relazione è finita( vive con una persona, ha lasciato me e si è innamorata di un'altra), emotivamente non riesco ad essere indifferente e a creare quel vuoto necessario per andare avanti. 
    Che fare?

    Mi piace

  16. Sai, a volte avere la possibilità di prendere le distanze e farlo non da il risultato che si spera: non sempre è vero che "lontano dagli occhi, lontano dal cuore", spesso la lontananza permette la idealizzazione della persona che finisce per essere ricordata migliore di quella che è. Continuare a frequentare la persona permette invece di smitizzarla, vedendola per quella che è veramente.
    Quindi il consiglio non è trovare il modo di allontanarti, ma buttarti nella vita a prescindere da lui. Frequenta persone nuove, giri nuovi, datti la possibilità di vivere liberamente. All'inizio potrà sembrarti un'auto-imposizione, lo farai forse controvoglia, ma a poco a poco inizierai a divertirti, a capire che la vita continua anche senza di lui, che nel mondo ci sono tanti altri uomini da conoscere.
    Allora, presto, prima di quanto immagini, ti accorgerai che lui non avrà più la stessa presa su di te. E il maleficio sarà cancellato

    Mi piace

  17. Mi sono innamorata della persona sbagliata, siamo entrambi sposati, lui è molto gentile ma mi ha detto con il dialogo che non mi ama. Non me lo ha detto esplicitamente ma me lo ha fatto capire con modi gentili e questo mi fa soffrire ancora di più. Non avrei mai creduto di provare un dolore così atroce. Grazie per il vostro consiglio, bisogna FARLO SCIVOLARE VIA. Non vedo altre soluzioni, ci vorrà tempo, molto tempo, spero mi passi.

    Mi piace

  18. Mi sembra chiaro che in questa relazione cercate cose diverse: sesso e – forse – amicizia lui, amore te. Non importa come è iniziata, magari all'inizio era lo stesso per te ma quando ci sono i sentimenti di mezzo le cose possono cambiare in fretta. E adesso le cose stanno così.
    Adesso sta a te decidere, non pensare di provare a cambiare i suoi sentimenti, non perché non sia corretto, ma perché sarebbe un'illusione. Paradossalmente l'unica freccia al tuo arco sarebbe fargli capire cosa rischia di perdere (te), questo potrebbe fargli capire quanto a te tiene. Ma tu il passo di allontanarti non lo devi fare con questa speranza, perché rischieresti, se non lo vedessi venirti a cercare, di tornare indietro e perdere credibilità: alla volta successiva lui penserebbe che non fai sul serio. Se decidi di allontanarti dovrà essere perché per te è una decisione definitiva… al di là dell'eventuale effetto collaterale che potresti ottenere.
    Naturalmente potresti capire che quello che stai ottenendo da questa relazione è per te sufficiente e decidere pertanto di andare avanti così… ma leggendo il tuo commento non mi pare ci siano le premesse per questo.
    La cosa importante è non raccontarti storie: se capisci che da questa persona vuoi amore, e l'amore non arriva e non arriverà… non farti del male pensando che forse cambierà.
    In bocca al lupo

    Mi piace

  19. Ciao.. grazie per il blog.. è bellissimo e sono contenta di averlo scoperto. Mi chiedo se la coazione a ripetere può verificarsi anche con lo stesso uomo, oppure se si intende un meccanismo che si verifica con persone diverse? Perchè il mio problema penso che sia una coazione con la stessa persona.. che oggi ho scoperto essere stata soltanto una  "vittima" di questo mio meccanismo malato.. Volevo chiederti se per favore puoi consigliarmi dei testi da leggere al riguardo. Il mio non è stato un amore vissuto ma soltanto un "film" mentale e una sorta di idealizzazione che ha occupato 10 anni della mia vita. Grazie davvero

    Mi piace

  20. x l'utente anonimo del commento #123: opssss! Mi dispiace molto aver visto il tuo commento solo adesso A volte più commenti vengono messi in breve tempo e quelli sui post vecchi rischio di perdermeli se non faccio attenzione Comunque sì, certamente la coazione a ripetere puo' avvenire con una stessa persona, anche se, in quel caso, probabilmente ti riferisci di più alle Dipendenze Affettive (estratto da uno scritto di Piero Priorini) (clicca sul link ).

    x l'utente anonimo del commento #124: probabilmente non sei ancora pronto per andare oltre, tutto qua Pero' fa attenzione a che non divenga una scusa (il fatto di "non potere") per restare attaccato il più a lungo possibile a un ramo che ormai non da più – e non puo' più dare – frutto

    Mi piace

  21. Commento andato perso durante il trasferimento da Splinder e mia risposta:

    # Nimiel78 20 Marzo 2008 – 10:59

    Condivido… Tuttavia spesso siamo così restii a tranciare definitivamente legami ormai sterili che ci procurano solo sofferenza…!
    Per quanto mi riguarda, io non mi sono mai innamorata delle persone (almeno ad oggi), ma dell’idea dell’amore, della passione. E per questo, mi sono anche crogiolata nelle sue dolci-amare pene, per gustarne ogni aspetto.

    # Wolfghost 20 Marzo 2008 – 12:47

    x Nimiel: Eh, non sei la sola! Conosco molte persone, donne soprattutto, che sono innamorate piu’ dell’amore che delle persone delle quali sarebbero supposte esserlo ;D
    Dovresti pensare che l’amore e’ sempre dietro l’angolo, che il mondo e’ realmente pieno di “pesci”. Allora forse, riusciresti a vivere con meno ansia i distacchi e le difficolta’ delle relazioni stesse, perche’ non ti sembrerebbero un po’ l’ultima spiaggia…

    Mi piace

  22. Mi rispecchio molto in questo articolo, anche io ho sofferto e sto soffrendo perchè la mia ragazza mi ha lasciato e, cercando in rete mi sono imbattuto in un video che propone come alleviare la mia sofferenza. Grazie a questo video a poco a poco sto cominciando ad affrontare e eliminare le cause del mio disagio. Per questo motivo vi consiglio questo video sulla sofferenza

    Mi piace

  23. Poi penso che il mio sia un modo di pensare strettamente personale o al massimo influenzato dalla nostra civiltà e mentalità. Ad esempio mi vengono in mente i filosofi greci con i loro concetti di atarassia o gli asceti o ancora quei pensatori orientali che riescono ad avere un fortissimo controllo delle loro emozioni.

    Mi piace

  24. Io non credo di essere in grado di riuscirci, tutto quello che riesco a fare è rimuovere il dolore o il dramma, ma questo ovviamente non significa metabolizzarlo o superarlo. Esso rimane là in fondo e forse fa più male che accettarlo a fronte alta.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...