Il restauro della casa… e di noi stessi

Ci sono, ci sono ancora! 😛 Anche se non si direbbe 😉 Per fortuna il periodo di lavoro intenso volge al termine, ancora una o due settimane e poi dovrei tornare ad avere un poco più di tempo, solo un po’ di pazienza per chi ancora mi segue 🙂

 

IL RESTAURO DELLA CASA – di Paulo Coelho

Un mio conoscente, per via della sua incapacità di adattare i sogni alla realtà, finì per avere seri problemi finanziari. Peggio ancora: coinvolse altre persone, danneggiando gente che non voleva ferire.

Non riuscendo a pagare i debiti che si accumulavano, giunse a pensare al suicidio. Un pomeriggio, mentre camminava lungo una strada, vide una casa in rovina. “Quell’edificio sono io,” pensò. E in quel preciso istante, provò il desiderio immenso di ricostruire quella casa.

Scoprì chi ne era il padrone e si offrì di restaurarla. Il suo desiderio fu esaudito, anche se il proprietario non capiva cosa il mio amico ci avrebbe guadagnato. Insieme, andarono a prendere mattoni, legno e cemento. Il mio conoscente lavorò con amore, senza sapere perché o per chi. Ma sentiva che la sua vita personale andava migliorando a mano a mano che il restauro procedeva.

In capo a un anno, la casa era pronta. E i suoi problemi personali risolti

_______________________________________

Commento di Wolfghost: vuoi che sia in senso altruistico, aiutando persone bisognose, vuoi curando qualcosa di nostro, succede spesso che proiettiamo noi stessi, le nostre necessità e le nostre difficoltà in qualcosa di pratico, qualcosa che… funge un po’ da metafora della nostra vita. Probabilmente serve un po’ a distrarci da ciò che ci opprime, un po’ però anche per dimostrare a noi stessi che… possiamo farcela: come possiamo restaurare una casa, così possiamo restaurare noi stessi e la nostra vita 🙂

 

Annunci

41 pensieri su “Il restauro della casa… e di noi stessi

  1. Ciao Wolf,bello questo post, leggendo ho pensato al momento che stiamo passando qua in Emilia,a Cavezzo il mio paese, uno dei più martoriatì dal terremoto.
    Io sono fortunata, ho casa agibile e tutta la famiglia….ma quante persone hanno bisogno di restaurare se stessi prima di tutto, nell’anima e nella mente..e non solo.
    ciaooo buon lavoro e un sorriso *__*
    Magda

    Mi piace

    • E’ proprio cosi’ cara Magda! E il mio piu’ caro saluto e incoraggiamento va a tutte le persone che si trovano ad attraversare questo momento cosi’ difficile. Che possano approdare nella loro nuova casa, che sia davvero nuova o “solo” restaurata 🙂

      Mi piace

  2. Perfetto Wolf, hai scritto un bellissimo post, che condivido appieno. Molte volte dimentichiamo di prenderci cura di noi, di ristrutturarci, restaurarci e fare scelte adeguate alla nostra anima.
    Si preferisce lamentarsi e rimanere nel proprio oblio.
    Invece, un sano lavoro di restauro fa sempre bene, ed uscire dalla propria area di comfort non può che darci un gran stimolo a vivere in modo più intenso e consapevole.
    Buona serata!
    Claudio

    Mi piace

  3. Gettando lo sguardo fuori di noi verso il mondo è più facile affrontare poi i propri problemi, facendosi carico delle difficoltà o di semplici esigenze dell’altro ed aiutandolo è come aiutare noi stessi e ci si accorge che si è a metà del lavoro con la propria vita. E’ vero…penso che senza averne consapevolezza ci sarà capito chissà quante volte, alcuni direbbero che ci è tornato indietro la disponibilità e benevolenza disinteressata che abbiamo esercitato intorno a noi, sicuramente! Tutto questo mi fa pensare a quanto siamo legati gli uni agli altri, che i nostri pensieri spesso creano i nostri mali e che la benevolenza è l’unico modo che ci può aiutare. Buon fine settimana!!!

    Mi piace

    • Giusto Fulvia 🙂 Comunque penso che già il fatto di “riuscire” sia un risultato prezioso di per sé, un risultato che ci dimostra la nostra capacità al di là dei ritorni che ne abbiamo dagli altri 🙂
      Grazie e buon weekend anche a te! 😉

      Mi piace

  4. Mi piace venire nel tuo blog, leggere i tuoi post e le tue considerazioni, come d’incanto si ha la sensazione che tutto sia risolvibile, che la soluzione è non solo alla nostra portata, ma proprio nelle nostri mani, ed ogni volta esco più serena e con un senso di leggerezza nel cuore.

    Mi piace

    • Purtroppo non credo che tutto sia risolvibile, alcune cose non lo sono. Ma… comunque sapere di aver fatto del proprio meglio è già fondamentale. Alla fine si arriva comunque, ma farlo senza rimorsi o rimpianti è fondamentale 🙂
      Grazie cara, un abbraccio!

      Mi piace

  5. Quando si trova il modo di staccare la spina dai tanti pensieri, dando una mano a chi ha bisogno o facendo qualcosa che ci piace, spesso si trova la soluzione di un problema o perlomeno si riesce a vivere meglio il che non è poco.
    Un abbraccione caro Lupo! 😉

    Mi piace

  6. Forse hai dato un senso a quel che sto facendo io proprio ora. Dopo trent’anni proprio quest’anno che faccio questo lavoro, mi trovo in un momento di crisi profonda, non è proprio la prima, ma a questa età diventa più difficile rimettersi in gioco. Ci si sente in concorrenza con chi ha una vita lavorativa davanti e ci si pongono mille interrogativi sul perché si è arrivati a questo punto. Che sbagli si sono fatti e che cosa può essere fatto per riuscire a guadagnare di nuovo… ora mi sto dedicando ad un nuovo settore, sto imparando in pratica, ma senza alcuna retribuzione, mi sto restaurando letteralmente e, almeno sto meglio psicologicamente. Purtroppo quello che mi manca è il sostegno del mio consorte che invece è sempre centrato su se stesso e non capisce le mie difficoltà. Vorrei essere indipendente da lui anche economicamente, come lo sono diventata quasi del tutto affettivamente, ma questo momento non me lo consente e così mi trovo a dover subire umiliazioni, che poi cerco ancora di fargli capire e lui prova a rimediare… spero che passi in fretta e questo restauro di un anno si avvii alla sua conclusione. Scusami lo sfogo… un caro saluto. 🙂

    Mi piace

    • Sicuramente avere la testa impegnata in un’attività neiu momenti di crisi ha una grande importanza, avere troppo tempo libero per pensare in periodi così può essere davvero deleterio. Mi spiace comunque leggere che il vostro rapporto si è incrinato. Spesso ciò avviene quando si sottovalutano le divergenze, facendo a volte finta di non vederle per evitare litigi o “musi”, ma così il rapporto scivola via via in un baratro dal quale poi è difficile riprenderlo. Forse dovreste provare qualcosa di diverso assieme, come un bel viaggio, in modo da rompere gli schemi negativi che si sono creati 🙂
      Un salutone! 🙂

      Mi piace

  7. Quanto è vero, Francesco! Sperimentato tante volte: riordinare, terminare un progetto sospeso, iniziarne uno nuovo, anche banale, semplicissimo, aiuta a sentirsi meglio, talvolta a riprendere fiducia in se stessi..a fare ordine nei propri pensieri.
    Un abbraccio:-)

    Mi piace

    • E’ vero, Manuela 🙂 Dovrebbe essere evidente che peggio è starsi a crologiare tutto il tempo nelle proprie difficoltà senza fare nulla di concreto. Ma… a volte ci siamo così dentro da non vedere questa semplice verità 🙂
      Abbraccio!

      Mi piace

  8. Lavorando a qualcosa che sta per andare perduto si ha la sensazione di rimettere in funzione non solo il proprio piccolo mondo, ma tutto l’universo.
    Sono sempre molto attuali i tuoi post e leggerti è un gran piacere. 🙂

    Mi piace

  9. In certi momenti è meglio fare che pensare. Dicevo proprio ieri che se avessi 30 anni mi comprerei un pezzo di terra e diventerei coltivatrice. Pare che sia l’unico settore in crescita. Un caro saluto, grazie per gli auguri 🙂

    Mi piace

  10. Sì, certo, non tutto è risolvibile e non tutto lo è facilmente, però sapere che è possibile è già un sollievo e, ancora di più, uno stimolo a impegnarsi. Grazie per l’incoraggiamento che ci dai!

    Mi piace

  11. Allora domani sarò in viaggio e non so se riuscirò a collegarmi….lascio i miei auguri a quel delinquente e gli lascio questo, sperando che si ricordi di zia Flò.

    A voi ancora grazie per la splendida serata.
    Un bacio a tutti

    Mi piace

    • Bé, “chiodo scaccia chiodo” è un po’ limitato secondo me… Non è tanto qualcosa che viene fatta per non pensare, quanto qualcosa che… è metafora di noi stessi: agendo su qualcosa, agiamo su di noi 🙂

      Mi piace

  12. Ciao scusa la protratta assenza ho dovuto finire gli studi ma ora sono contento di avere molto tempo libero, cercherò di recuperare con post sul mio blog e visite! Spero tutto bene..

    Mi piace

    • eheheh caro mio… probabilmente hai avuto più tempo di me 😛 Anche io spero di riuscire ad avere più tempo per il mio blog, vedremo nelle prossime settimane 🙂
      Un salutone! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...