L’ottimo è nemico del bene

Ricordate che qualche post fa’ (Massime storiche: guidare con il freno tirato) vi parlai di un mio vecchio capo che tutti odiavano almeno un pochetto ma che aveva uscite e citazioni geniali? 🙂 Ecco, questa era un’altra delle sue preferite e… obiettivamente l’ho fatto parecchio mia io stesso 😉
Che vuol dire?
Bé… poniamo che “mettiate in cantiere un lavoro”, non necessariamente di ufficio, eh, “lavoro” è per modo di dire: potrebbero anche essere le pulizie di casa, un progetto di viaggio, come trascorrere il prossimo weekend, prepararsi per un esame, perfino la scelta di un nuovo impiego o di un partner, o ancora… bé, un sacco di altre cose! 😛
Iniziate a ponderare in quale modo partire, raccogliete informazioni, studiate le strade migliori per affrontarlo, la via più pratica e più veloce, e raccogliete, raccogliete, pensate, pensate… o forse lo portate effettivamente avanti ma, poiché non vi soddisfa mai, cercate in continuazione di migliorarlo, ha sempre qualcosa che non va, c’è sempre “quel particolare che…”, “quella sbavatura che potrebbe…”. Insomma, volete l’ottimo.
Così, alla data della scadenza ancora vi affannate e preoccupate perché niente è pronto, o almeno così vi sembra! 😐 Oppure arrivate a fine giornata che… non avete concluso nulla. Succede anche a voi, almeno qualche volta? 😉
Ecco… in qualunque di questi casi quel mio vecchio capo vi guarderebbe e vi direbbe “X, ricordati che l’ottimo è nemico del bene!”. Ovvero, se aspettate di arrivare alla perfezione, in voi stessi, nel vostro lavoro, o negli altri, se siete decisi a non muovervi fino a quando non sarete certi di avere successo al 100%… bé, siete probabilmente prossimi a distruggere qualcosa che quasi certamente avrebbe funzionato… bene 😉

mmm… adesso che ci penso… non c’era un vecchio adagio popolare che diceva “Chi troppo vuole, nulla stringe?” 😐

minitowers - Byan Berg