Ricordi d’estate

Dopo soli tre mesi quasi esatti 😀 rieccomi qua. Mi riprometto sempre di ridare vita a questo blog ormai parecchio smorto ma poi, per un motivo o per un altro, la cosa resta nello schedario dei buoni propositi 🙂 Probabilmente il motivo principale è che i blog sono più impegnativi dei social network dove la comunicazione è più veloce ma anche necessariamente più povera.
Comunque, cerco di riprendere e il primo post lo dedico ad un’estate che in fondo è stata meno peggio di quanto ci saremmo aspettati, visto che si poneva tra un’ondata pandemica appena finita e un’altra – che all’epoca era solo probabile ma, ahimé, è diventata realtà – alle porte.

Il primo posto dove siamo stati è stato a Marmora, in Valle Maira. E’ stato il primo viaggio lunghetto dopo parecchi mesi e infatti la nostra Suryetta, nonostante i fiori di Bach contro il mal d’auto, ha lasciato un po’ di stomaco sul coprisedile posteriore 😀 Forse anche per questo all’arrivo sembrava particolarmente sorridente 😉

Il posto era sicuramente bello, purtroppo il sentiero che partiva da lì era occupato da… una mandria di mucche con vitellini (quindi un po’ sulla difensiva) per cui, avendo il cagnolino a rischio scalciata, abbiamo preferito optare per una tranquilla giornata in vista del mattino dopo dove, spontandoci, abbiamo fatto lo spendido sentiero dei ciclamini.

Ormai Tom non ci vede quasi più e patisce particolarmente il caldo, quindi ci serviva un percorso il più possibile ombreggiato, fresco e facile; questo sentiero, soprattutto nella prima parte, costeggiando un torrente, era perfetto e ci è piaciuto molto.

Il secondo luogo, dove ci siamo fermati due notti visto che era un poco più distante, è stato Cadarese e la Val Formazza.

 

Cadarese, così come Marmora d’altronde, è un delizioso paesotto con caratteristiche casette in pietra recuperato e reso ideale per fini turistici. Abbiamo scelto un B&B con ampio giardino dove i nostri potessero rilassarsi, è evidente come si sentano subito a loro agio…

La seconda mattina, siamo andati alla scoperta del Lago di Morasco, a 1815 metri sul livello del mare. Era nuvoloso con minaccia di pioggia e non faceva certo caldo ma… per Tom ormai sono queste le temperature ideali e infatti ha fatto il giro del lago senza alcuna difficoltà (Tom ha l’equivalente di 81 anni nostri 😉 ). In quanto a Surya… bé, ogni ansa del lago era la sua, forse sperava di vedere il mostro di Loch Ness in vacanza, chissà 😀

Il terzo è ultimo posto è stato il nostro agriturismo preferito, alle porte di Limone Piemonte (dopo poche settimane pesantemente toccato dal maltempo). Torniamo lì quasi ogni anno, più che altro per fuggire almeno un weekend dal caldo in un luogo di assoluto relax che i nostri “ragazzi” conoscono ormai bene e nel quale si trovano a loro agio.

Il giorno della partenza comunque non ci siamo fatti mancare una bella passeggiata lungo la via del sale che parte proprio da Limone, ovviamente un pezzo breve perché le risorse del nostro vecchietto sono limitate… ma un po’ di movimento gli piace sempre, oltre che essere salutare 😉

Un saluto dai nostri ragazzi, in attesa dei prossimi viaggi… ormai per post pandemia!

“Gli animali sono eterni bambini” (Madre Teresa di Calcutta)

Questo scriveva Madre Teresa di Calcutta (citazione completa a pie’ di articolo). Forse intendeva anche dire che, quando ne prendi qualcuno, poi ti “tocca” amarlo e curarlo per tutta la sua vita come se fosse un bambino 😛

Al momento, di sette animali, ne abbiamo almeno tre che hanno problemi che comportano un notevole dispendio di energia (di sonno e di soldi, pure).

Di Perseo ho già parlato nello scorso post. Il nostro gattone rosso, che dopo l’operazione sembrava guarito completamente, ha ripreso ad avere attacchi di starnuti e muco dal naso (solo una delle narici). Non sono – al momento – attacchi seri come in precedenza, ma comunque speravamo meglio 😦 Tocca fargli inalazioni, pulirlo, mettergli goccine nel nasino quando ha gli attacchi…

Ora la malatina più seria è Surya. La nostra cagnolona (in realtà è 17 chili, ma in confronto a Tom è un gigante) ha pensato bene di dare di matto allorquando un cane che non le è proprio simpatico è passato di fronte al nostro giardino: ha iniziato a correre abbaiando avanti e indietro fino a ferirsi su una plastica rigida che funge da separatore di sassolini decorativi (che sono di due colori) oppure contro uno dei sassi, anche quelli decorativi. Risultato: taglio profondo di un polpastrello, praticamente diviso di netto dagli altri. Sangue, corsa dal veterinario, tre punti saltati presto (i polpastrelli dei cani sono molto soffici, è come mettere i punti nel burro: ci si prova ma non tengono) e una spossante continua attenzione in medicamenti, fasciature e evitamento di leccature dannose dell’arto (abbiamo provato anche il collare elisabettiano ma la bestiola ha addirittura vomitato dall’ansia). Ieri sera, di ritorno dalla passeggiata, ho dovuto fare gli ultimi 50 metri con lei in braccio perché aveva male a continuare.

Abbiamo appena passato il periodo Jones, il micio capobranco di casa, che in qualche modo si era fatto un occhio pesto e lacrimante e inoltre aveva le orecchiette tempestate di piccoli bubboni… piace molto alle zanzare, tutti gli anni è così! 😐 Così, via di olio di neem sulle orecchie e gocce di antibiotico nell’occhietto e… lui non è Perseo, è un piccolo torello che a stare fermo non ci pensa neanche 😛 ).

E infine – per ora – c’è il vecchietto di casa: Tom. Per fortuna (voi non mi vedete ma sto facendo le corna) ora è un periodo che sta bene, ma comunque l’età c’è (16 anni, corrispondenti a 80 dei nostri) e anche le difficoltà: ormai la mattina la passeggiata è sdoppiata, io porto lui (che al mattino è davvero “seduto”, al punto di apparire barcollante), Lady Wolf porta Surya (così puo’ arrivare al parco e giocare con gli amichetti). Non ci vede e non ci sente quasi più, non è possibile distrarsi un attimo: cade dai marciapiedi, sbatte contro muri e cose, va in panico se non ci sente vicino… Fa’ una tenerezza assoluta, soprattutto a ricordarlo pochi anni fa quando ancora rincorreva pigne e palle, saltava tra le rocce durante le escursioni ed era sempre in testa al gruppo. Caro amico mio, ti staremo sempre vicini, non temere 🙂

Insomma… chi crede che tenere un animale sia solo rose e fiori… è meglio si prenda un peluche 😉 Un animale è… finché vita non ci separi 🙂

Perchè amare gli animali?
Perché ti danno tutto, senza chiedere niente.
Perché contro il potere dell’uomo con le armi, sono indifesi.
Perché sono eterni bambini, perché non sanno cosa è l’odio nè la guerra.
Perché non conoscono il denaro e si consolano solamente con un posto dove rifugiarsi dal freddo.
Perché si fanno capire senza proferire parola, perché il loro sguardo è puro come la loro anima.
Perché non conoscono l’invidia né il rancore, perché il perdono è ancora naturale in loro.
Perché sanno amare con lealtà e fedeltà. Perché vivono senza avere una lussuosa dimora.
Perché non comprano l’amore, 
semplicemente lo aspettano e perché sono nostri compagni, eterni amici, 
che niente potrà separare.
Perché sono vivi.
Per questo e altre mille cose meritano il nostro amore. 
Se imparassimo ad amarli come meritano, saremmo molto vicini a Dio.”
( Madre Teresa di Calcutta )

 

Prendersi cura della propria mente

Tom e Logan

Logan

Mentre metto alcune foto recenti dei nostri amici a quattro zampe per stemperare un po’ la drammaticità del momento che stiamo vivendo in Italia, volevo scrivere qualcosa a proposito di un argomento che per gli amanti delle filosofie orientali come me è di grande importanza, soprattutto in momenti che sì, sono duri, ma che soprattutto implicano una grandissima pressione esterna dei mass media sulla nostra personalità.

Numa (e Logan)

 

Raramente siamo consapevoli di come la nostra mente sia facilmente influenzabile. Normalmente cio’ non è una cosa brutta, è proprio grazie alla malleabilità della nostra mente che possiamo cambiare e crescere, altrimenti resteremmo sempre fermi, con le nostra fissazioni, i nostri traumi, le nostre abitudini spesso cattive.

 

Jones e la sua ombra

Il succo, il centro, il cuore del Buddhismo in fondo è tutto qua: è grazie all’interdipendenza della nostra mente (ovvero al fatto che non sia intrinseca, ferma, non dipendente da cio’ che la circonda) che possiamo imparare a direzionarla, evolvere e aspirare alla liberazione dalla sofferenza.

 

 

 

Junior

Ma la mente va diretta, altrimenti è come quella famosa storiella zen del contadino e del cavaliere: un contadino, vedendo un cavaliere in groppa al suo cavallo correre a tutta velocità e supponendo stiano andando in qualche luogo di grande importanza, gli chiede “Dove state andando??” e il cavaliere urla di rimando “Non lo so! Chiedi al cavallo!!” 🙂

 

Perseo

Così siamo noi quando lasciamo le redini della nostra mente. A volte si resta sgomenti, fermandosi a rifletterci, di vedere dove la nostra mente sia andata a parare e delle derive pericolose a cui puo’ portare. Bisogna prendersene cura.

 

 

Surya

Fino a quando non si è capaci di controllare con continuità la propria mente, non solo a sprazzi, è meglio assumere la sana abitudine di prendersi qualche pausa, staccando dal turbinio di informazioni a cui siamo sottoposti.

A volte è sufficiente spegnere la TV o cliccare sulla “X” in cima alla pagina web e immergersi, ad esempio, nella natura o in qualunque altra cosa che ispiri serenità.

Sembra una banalità ma è molto importante.

Surya galoppa

Buon sesto compleanno, Surya! :-)

Bene, all’incirca in questo periodo cade il sesto compleanno della nostra Surya, nome che peraltro significa “Sole” in Indiano (indiano d’Asia, non d’America 😉 ) 🙂

20180405_145817-1-1

“All’incirca” perché in realtà non si sa esattamente quando è nata; il presunto anno di nascita fu dedotto infatti da un veterinario attraverso lo stato della dentatura, però potrebbe anche essere inesatto. Mese e giorno invece furono decisi di “ufficio” dal canile. Quindi non solo mese e giorno sono completamente fittizi, ma perfino l’età potrebbe essere diversa. Ma a noi poco importa 🙂 Abbiamo scelto metà marzo giusto per avere una data in cui festeggiarla 🙂

A parte gli occhi, azzurri molto chiaro, il lato che più contraddistingue Surya è quello caratteriale: è proprio una campana (di regione intendo, infatti viene da lì), simpatica e casinara 🙂 Le piace giocare con gli altri cani – anche se non tutti, ovviamente ha le sue simpatie e antipatie – e correre libera per monti e boschi… almeno quando glielo permettiamo, naturalmente 😉 Inizia a correre all’improvviso, sparisce nella boscaglia e poi riappare, sempre di corsa, a volte da tutt’altra parte da dove era sparita 😀 Insomma… diciamo che soprattutto all’inizio ci faceva prendere qualche spavento 😛 Purtroppo adesso è tempo di processionarie e dobbiamo stare molto attenti. Lei poi ficca il naso dappertutto e pertanto è parecchio a rischio 😦

Un altro lato evidente del carattere è quello del “cane da pastore”, infatti lei dovrebbe avere un po’ di pastore australiano nelle vene e in certi atteggiamenti si nota. Ad esempio, quando usciamo, cerca di tenere il suo “gregge” (noi e Tom 😀 ) unito e quando rientra a casa “conta” i gatti per vedere se ci sono tutti.

Con le persone estranee è socievole (per fortuna, visto che fanno a gara per accarezzarla!) ma non è sempre stata così: per molti mesi, quando la prendemmo dal canile, fu piuttosto guardinga e sospettosa. Poi altri proprietari di cani inizarono ad allungarle qualche biscottino e lei iniziò ad essere meno diffidente.

20180813_135638
Surya e Tom

Con il fratellino acquisito si comporta bene… ma non benissimo 😀 Infatti a volte gli fa qualche “agguato”, soprattutto se non ha qualche altro amichetto con cui giocare. Ovviamentelo fa per gioco, ma non sempre rispettandone mole e età (Tom ha 14 anni e mezzo e qualche acciacco) 😮 Però sappiamo che gli vuole un gran bene e temiamo per quando, se tutto andrà come da logica, lui la lascerà “figlia unica” 😦

20180904_160954
Surya con Junior

E con i cinque gatti di casa? Uguale 🙂 Vorrebbe giocarci a “ora ti prendo!”, soprattutto quando rientra a casa da una passeggiata. Scopo del gioco è riuscire a poggiare il suo muso sopra di loro: se ci riesce si ritiene soddisfatta e si quieta, altrimenti prova con un altro gatto 😀 Il suo preferito però è Jones che è anche il gatto dominante di casa. Probabilmente non è un caso 🙂 I gatti all’inizio erano un po’ preoccupati, ma ora, sapendo che non è pericolosa, spesso non si scompongono nemmeno e stanno semplicemente immobili 🙂 Qualche volta però qualche zampatina le è arrivata eh! 😉

Che il tuo vero sesto compleanno sia lontano o vicino… buon compleanno Sury!!! 🙂

Surya

Una bella gita con i due prodi cagnotti

Come primo post del nuovo anno (ormai quasi a Febbraio… 😀 ) ho scelto di raccontarvi una breve escursione che abbiamo fatto la scorsa domanica in un bel posto alle spalle di Arenzano: il Lago della Tina.

Si tratta di una facile escursione che si inoltra per circa 45 minuti in un sentiero che permette la vista della verde vallata sottostante, solcata dal torrente che forma il lago della Tina e numerosi altri laghetti, del versante opposto, e anche dell’azzurro mare. Una caratteristica della Liguria è infatti il passaggio in poche decine di minuti dalle spiagge alle montagne con la possibilità di avere bellissimi, e a volte improvvisi, scorci e questo sentiero, come tanti altri in questa regione, non fa differenza.

Conoscevamo il Lago della Tina già da qualche anno perché ogni tanto ci andavamo a rinfrescare assieme al prode Tomino che nei laghetti come questi si diverte un mondo andando a recuperare palline di gomma che gli gettiamo qua e la’. E poi soffre molto il caldo, cosa c’è di meglio di un fresco laghetto o l’ansa di un torrente? 🙂

Questa volta però abbiamo provato ad allungare il ritorno, passando sull’altro versante per poi, dopo il passaggio su due stretti e antichi ponti, ritornare sul versante di partenza.

In totale si è trattato di circa due ore e tre quarti di cammino.

Questo, quando ci sono splendide e temperate giornate come domenica scorsa, è il periodo migliore per queste escursioni, d’estate Tom, ma non solo lui, fa fatica in salita sotto il sole. Insomma… quest’anno il ragazzo fa 14 anni! Anche se certamente non li dimostra 😉

Anche Surya si diverte molto, all’inizio prende sempre la testa e tira il gruppo, è molto curiosa la ragazza 🙂 Però non ha il “fondo” di Tom, e spesso il canetto altoatesino, abituato all’alta montagna, finisce, al ritorno, per farle mangiare la polvere 😉

Così la signorina, per prendersi una pausa, fa finta di fermarsi ad ammirare il tramonto… meglio dei calciatori quando simulano un infortunio per riposarsi un po’ 😀

Buonasera, io sono Surya! :-)

Ciao, io sono Surya, che in lingua indù significa Sole 🙂

Vengo dalla zona di Salerno dove vivevo con diversi altri cani, tra cui mia sorella, in condizioni che non erano ritenuti accettabili. Prima che ci mandassero tutti in un canile-lager in Calabria, siamo stati portati in Liguria, in un canile vicino a Genova.

Mi dicevano che avevo “occhi di ghiaccio”, che ero bellissima… eppure per due mesi sono rimasta nel mio box, fino a quando una volontaria e suo marito non decisero di provare a vedere cosa succedeva in casa loro con il loro cagnolino e i 5 gatti, così per alcune sere consecutive fui loro ospite.

Il cane di casa, Tom, mi accolse molto meglio del previsto. Certo, è sempre sulle sue, non vuole mai giocare, ma… ha detto “sì”, a modo suo: per lui non ero un problema.

Con i gatti è stato un po’ più difficile, uno di loro, Jones, è anche scappato 😦 Per fortuna è tornato dopo mezza giornata, non sappiamo nemmeno come sia uscito e come sia rientrato nel giardino recintato, ma l’ha fatto 🙂

Alla fine ognuno di loro ha il suo carattere, c’è perfino chi mi soffia e mi tiene a bada a zampate 😦 Una gatta di nome Numa che ha preso possesso della cucciona che il mio nuovo papà adottivo aveva comprato apposta per me. Lei ci naviga dentro… ma non la molla più e mi manda via in malo modo 😦

Io però ho un debole per il gatto rosso, Perseo, forse perché ha il mio stesso colore, o per la vocina molto acuta: lo seguo ovunque ma lui non la prende molto bene… E pensare che sembrava quello partito meglio. Ma io non mi arrendo, eh! 😉

Il gatto grigio, Junior, è po’ screanzato: tenta spesso di prendermi per la mia soffice coda 😐 ma non mi da fastidio, anzi… solo che quando cerco di giocare io, non mi pare capire molto… eppure lo inseguo solo un po’, così, per giocare 😦 Ma sono certo che alla fine ci capiremo 😉

E poi c’è Sissi, la nonna di casa, con i suoi 14 anni e 10 chili. Bé, con lei ci siamo rispettati da subito: io le lascio il divano e la pappa, e lei non ha nulla di ridire su di me 😉

Comunque… oggi festeggio le mie prime due settimane qua e… che dite, mi vedete contenta? 🙂