Ed ecco che arriva… Logan, il sesto gatto ðŸ¤£

Logan

Questo piccoletto, di una età intorno ai 7 / 9 mesi, si è presentato alcune settimane fa attorno al nostro giardino, probabilmente attirato dalla presenza di altri gatti e dell’odore del loro cibo. Era di grande magrezza, molto affamato, senza alcun segno distintivo che facesse pensare ad un proprietario bipede.

Logan ancora fuori dal giardino

Oltre all’assenza di collarino e tracce sul pelo che facesse pensare l’avesse avuto in precedenza, abbiamo poi verificato l’assenza di microchip (peraltro non obbligatorio per legge nei gatti ma comunque consigliato per gatti lasciati liberi di uscire di casa). Abbiamo messo un post sulla pagina Facebook locale per chiedere se qualcuno lo conoscesse, ma niente. Non ci sono ricerche che risultino ai veterinari per gatti come lui.

Logan dietro le sbarre

Così, in un paio di settimane abbiamo lentamente fatto prendere confidenza a lui, del giardino e della nostra casa, e ai nostri gatti e cani, di lui e del suo odore. E… ieri abbiamo saltato il fosso: veterinario, test anti FELV e FIV (negativi), cura anti parassiti (era pieno di acari delle orecchie), sterilizzazione (castrazione), collarino anti parassiti con medaglietta con nome e numero di telefono (nostro, non suo… anche se… 🤔😁) e… introduzione a casa!

Logan confinato in bagno

Inizialmente l’abbiamo messo in bagno con una struttura di legno che lo separasse dagli altri fino a quando non si fosse ripreso del tutto dall’operazione. La sera però scalpitava già per uscire e allora…

Ovviamente ha cercato una uscita anche dal giardino ma è protetto da reti apposite, difficile entrare, molto difficile uscire.

Logan in giardino… libero!

Poche scaramucce con i gatti residenti, anche con Jones-The Boss 🤣 e qualche… problema di comunicazione con Surya, il cane femmina di 18 chili 😅

Ma devo dire passi da gigante. Già stamattina Logan sembra a suo agio e, al momento, non pare essere più interessato a svignarsala.

Logan e Surya

Le dimensioni delle zampe e delle orecchie fanno pensare che diventerà un bel gattone e che insidierà Jones come imperatore del regno 🤔 Già stamattina ha lasciato il suo piattino ed ha cercato di andare a mangiare la pappa proprio del Boss! Per i proprietari di gatti esperti questo è un segno evidente di gatto “dominante”. Jones ha soffiato e ringhiato ma… si è allontanato pian piano…

Staremo a vedere 🤗

Logan il sesto gatto

 

 

 

Annunci

11 pensieri su “Ed ecco che arriva… Logan, il sesto gatto ðŸ¤£

    • Ciao Franca, può darsi, i tigrati europei sono i più comuni, io stesso ne sono andato a vedere uno, di un palazzo non distante, che avendo l’accesso a un poggiolo di un primo piano, poteva presumibilmente uscire liberamente di casa. Quando l’ho visto mi sono detto “ah, va, è lui!”. Poi per fortuna avevo fatto caso ad alcuni segni particolari del “nostro” , che essendo un randagio deve aver già avuto qualche “scazzottata”: cicatrici piccole ma evidenti. Questo gatto invece era integro, ho fatto perfino foto comparative per essere sicuro. Insomma, sicuramente non era lui 🤗
      A sentire le associazioni animaliste che operano sul territorio (e che avrebbero voluto catturarlo e portarlo in gattile) e il veterinario che l’ha preso in cura, questo gatto, per condizione di denutrizione e condizioni fisiche, è quasi sicuramente un randagio. E lasciami dire… Se qualcuno avesse preso un gatto per ridurlo così… bé, capirei perché se l’è squagliata.
      In ogni caso stiamo continuando a monitorare le pagine Facebook locali… non si sa mai 🤗

      Mi piace

      • Va bene Franca, spero non succeda come cinque anni fa quando, adottato un gatto rosso abbandonato da qualche turista in un’area picnic, dopo aver avvisato veterinari, associazioni animaliste e bussato a tutte le abitazioni vicine, avemmo l’idea di mettere post su pagine “nazionali” di “gattofili”. Il risultato fu che diverse persone ci contattarono da regioni distanti anche 500 e più km, una perfino dalla Sardegna, dicendo che loro avevano smarrito un gatto rosso e “forse, chissà, poteva essere quello”.
        Facebook può essere molto utile, ma anche estremamente dispersivo. Qui, veterinari, gattare e la popolazione locale che usa la pagina Facebook del paese (ovvero, numeri alla mano, quasi tutti) sanno di questo gatto. L’associazione animalista che gestisce gli animali locali, non solo è stata d’accordo, ma addirittura ha caldeggiato l’adozione. Anche perché sennò, oltre ai soldi usati per cure e sterilizzazione (oltre 200€), che sarebbero stati a carico loro (il comune sovvenziona solo una piccola parte delle sterilizzazioni), il destino del gatto sarebbe stato l’anonimato di un gattile.

        Mi piace

  1. Buongiorno ragazzo, come te la passi?
    sempre alle prese con i quattrozampe, da quando ti leggo ho iniziato a interessarmi dell’universo felino, hai visto mai che nella vecchiaia…!

    Mi piace

    • Buongiorno caro! E’ stato un anno duro, soprattutto per Lady Wolf, speriamo in un ultimo trimestre un po’ più… soft 🙂
      Eheheh 😀 I gatti sono un universo fantastico, ognuno ha il suo temperamento, le proprie caratteristiche, sono tutti simili ma diversi. Proprio come noi. E, come loro, i cani.
      A volte ci dimentichiamo di essere animali che hanno solo un intelletto un po’ più sviluppato (che spesso, tra l’altro, non siamo affatto capaci di gestire e finisce per giocarci contro…). Questi animaletti ci ricordano chi abbiamo dimenticato di essere, hanno tanto da insegnare a chi non ha l’arroganza di pensare di non avere niente da imparare da loro.
      E poi non hanno “dietrologie”: come dice un Lama tibetano, è molto più facile interfacciarsi con loro che con umani che non sai mai che cosa pensano dietro la “facciata” 😀

      Piace a 1 persona

    • Bé, diciamo che la prima serata non è stata facile perché lui, in un ambiente nuovo, voleva scappare ed è stato un po’ penoso vederlo “disperato” (esagero un po’, ma per farti capire…).. Non ti nascondo che c’è stato un momento in cui mi sono detto “Va bé, dai, ci abbiamo provato…”. Invece, passata la prima notte e rendendosi conto che i gatti residenti, al di là di qualche innocua “dimostrazione di forza”, non erano pericolosi, che anche la cagnolona di casa in fondo voleva solo giocare, e che buon vitto e alloggio erano assicurati… non ha più palesato alcun desiderio di svignarsela. Anzi ha già iniziato a prendere confidenza anche della casa e non solo del giardino. A pochi giorni dal suo ingresso posso dire che è andata perfino meglio del previsto e vederlo contento è per noi una gioia 🙂
      Nessuno di noi si ambienterebbe altrettanto velocemente in un ambiente nuovo 😉

      Mi piace

  2. Buongiorno Wolf 🙂 Avevo lasciato un commento ma vedo che non è stato recepito… pazienza, arrivo adesso. Benvenuto al nuovo micio, che a quanto pare ha già capito di essere arrivato in una casa felice e piena di amore. Un abbraccio a tutti!

    Mi piace

    • Strano, ho anche dato un’occhiata se fosse finito nello spam o tra quelli da approvare ma non risulta nulla… come dici tu: pazienza 🙂
      In realtà dopo i primi giorni in cui sembrava andato tutto liscio come l’olio, adesso i gatti residenti si sono fatti coraggio ed hanno iniziato a rompergli le scatole 😦 E Surya, la cagnolona, insiste nel rincorrerlo (non gli farebbe nulla, ma lo spaventa). Il risultato è che c’è stato un passo indietro: in casa entra malvolentieri e anche in giardino è più guardingo 😦 Spero trovino presto un equilibrio… 😐
      Un abbraccio a te! 🙂

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...